1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
 
Dona ora
 
Emergency
Placeholder
 
 

Contenuto della pagina

  1. 17/03/15 - Un sacchetto di arance
     
  2. 17/03/15 - Fango sulle scarpe
     
  3. 06/03/15 - Come festeggeremo l'otto marzo
     
  4. 03/10/14 - Ogni giorno è 3 ottobre
     
  5. 05/09/14 - Migranti e malattie infettive, no ad allarmismi ingiustificati
     
  6. 07/08/14 - Un altro incontro, un'altra storia di solitudine. È anche per A. e per tutte le persone come lei che siamo qui a Castel Volturno.
     
  7. 01/08/14 - "Perché quelli che ci troviamo davanti sono sì pazienti, ma prima di tutto sono persone"
     
  8. 06/06/14 - Sulla Via Domiziana, tra Mondragone e Pozzuoli...
     
  9. 22/05/14 - Dal Kurdistan iracheno a Bari
     
  10. 02/05/14 - Sbarchi in Sicilia, l'ambulatorio mobile di Emergency al lavoro per curare i migranti
     
  11. 17/04/14 - Il nuovo progetto di Emergency in Italia
     
  12. 17/04/14 - Ibrahim Keite
     
  13. 25/02/14 - "E ora che farai?"
     
  14. 10/10/13 - "Dottoressa, il dolore è molto forte, aiutami"
     
  15. 01/10/13 - Tibia dall'Eritrea
     
  16. 27/09/13 - "Nella stanza, con noi, c'è tutto l'orrore della guerra"
     
  17. 25/09/13 - Siracusa: proseguono gli sbarchi, prosegue il lavoro del Polibus
     
  18. 12/09/13 - Lara
     
  19. 06/09/13 - "Dove siamo?" "Siracusa, Italy"
     
  20. 22/08/13 - "In fuga dalle bombe"
     
  21. 02/08/13 - Raza, 16 anni
     
  22. 31/07/13 - Dal Polibus al Poliambulatorio: la storia di F.
     
  23. 17/05/13 - Dal nostro Polibus in Campania
     
  24. 12/03/13 - "Perché hai lasciato il tuo paese?"
     
  25. 08/03/13 - Sempre più pazienti al Poliambulatorio di Marghera
     
  26. 22/02/13 - La storia di Chrispo continua
     
  27. 24/01/13 - Chrispo
     
  28. 10/01/13 - I primi giorni di lavoro del Polibus a Castel Volturno
     
  29. 04/01/13 - Un ambulatorio mobile a Castel Volturno (CE)
     
  30. 19/12/12 - "Cose inimmaginabili"
     
  31. 30/10/12 - "Yaye Fall"
     
  32. 25/10/12 - Olga, assistente di poltrona odontoiatrica al Poliambulatorio di Marghera
     
  33. 11/10/12 - Una giornata sull'ambulatorio mobile
     
  34. 27/09/12 - Ciss
     
  35. 11/07/12 - Dall'ambulatorio mobile in Emilia Romagna
     
  36. 22/06/12 - Un ambulatorio mobile di EMERGENCY in Emilia Romagna
     
  37. 08/05/12 - Un ambulatorio mobile a Cassibile (Siracusa)
     
  38. 12/01/12 - Dal nostro ambulatorio mobile nell'area di Rosarno (RC): Zaprin
     
  39. 02/12/11 - Marghera, un anno di Poliambulatorio
     
  40. 07/09/11 - Da Orta Nova (FG): Virginia
     
  41. 31/08/11 - Dalla campagna della Capitanata (FG)
     
  42. 11/08/11 - Dall'ambulatorio mobile a Siracusa: Mohamed
     
  43. 02/08/11 - Dall'ambulatorio mobile in provincia di Foggia: Abdullay
     
  44. 01/08/11 - Da Ciceroni (FG): Rose
     
  45. 30/07/11 - Il "Ghetto" di Rignano Scalo (FG)
     
  46. 30/07/11 - Dall'ambulatorio mobile: Gyan
     
  47. 30/07/11 - Da Foggia: Helen
     
  48. 29/07/11 - Da Tre Titoli (FG)
     
  49. 28/07/11 - Da Tre Titoli: Alexander
     
  50. 28/06/11 - Da Tre Titoli (FG): Abdullay
     
  51. 20/04/11 - Da Manduria: Kamel
     
  52. 20/04/11 - Da Manduria: Faouzi
     

Dal nostro ambulatorio mobile nell'area di Rosarno (RC)

 

"Hanno dolori articolari e muscolari per la postura che devono assumere per 10-12 ore al giorno nella raccolta dei mandarini" spiega Luca, medico presso l'ambulatorio mobile di Emergency che attualmente sta portando assistenza sanitaria gratuita ai migranti impiegati nella raccolta dei mandarini nell'area di Rosarno, in Calabria. "E poi patologie derivanti dalle condizioni di vita estreme: sindromi da raffreddamento e infezioni intestinali". Sono numerose anche le gastriti: la dieta è molto povera, pasta e riso, poco altro. E tanti mandarini, anche 15 e più al giorno, una quantità tale da provocare acidità.

 

Tutti i pazienti che visitiamo sono braccianti che lavorano a giornata. Non possono permettersi di perdere nemmeno un giorno di lavoro: per questo è loro impossibile accedere alle strutture sanitarie. Ed è per questa stessa ragione che il nostro personale inizia le visite nel tardo pomeriggio, proseguendo fino a sera inoltrata. La giornata lavorativa dei braccianti tende infatti a sfruttare ogni istante di luce: si comincia alle 7 del mattino e si lasciano i campi solo quando tramonta il sole.

 

Posizioniamo l'ambulatorio mobile lungo la principale strada di percorrenza di Rosarno e iniziamo le visite. Sono le 17. A fine giornata scorriamo l'elenco dei pazienti visitati, tutti braccianti nella raccolta dei mandarini:

D., 25 anni, originario della Costa d'Avorio, dolori muscolo-scheletrici
K., 56 anni, originario del Burkina Faso, bronchite cronica
C., 35 anni, originario del Ghana, lombalgia acuta con dolore irradiato al lato sinistro del corpo e mal di gola
D., 33 anni, originario del Ghana, lombalgia con dolore irradiato al lato sinistro del corpo, dolore alle mani
M., 52 anni, originario del Burkina Faso, dolori muscolari alle piante dei piedi
S., 28 anni, originario della Costa d'Avorio, con un'ernia inguinale che richiede di essere seguita per un eventuale intervento chirurgico
R., 38 anni, originario della Costa d'Avorio, infezione cutanea
M., 27 anni, originario del Marocco, infezione cutanea
D., 30 anni, originario del Ghana, gastrite
G., 32 anni, originario del Sudan, tosse
A., 25 anni, originario della Costa d'Avorio, cefalea
I., 25 anni,originario del Burkina Faso, problemi respiratori
S., 32 anni, originario del Marocco, asma
S., 23 anni, originario del Burkina Faso, lesioni cutanee e dolori ossei e muscolari

 

Uomini per lo più giovani, che soffrono esclusivamente di patologie acquisite a seguito delle durissime condizioni di lavoro e di vita alle quali sono costretti. Dolori da postura e da fatica; infezioni gastrointestinali per la pessima dieta; infezioni alle vie aeree causate dal freddo continuo al quale sono esposti, di giorno e di notte, per l'assenza di ogni tipo di riscaldamento e per una copertura inadeguata; infezioni cutanee per la scarsissima igiene personale, difficile da curare in assenza di acqua calda. E poi problemi gravi di natura odontoiatrica: una drammatica costante per tutti.

 

Alcuni di loro sono pazienti che abbiamo già incontrato e visitato durante l'estate, in provincia di Foggia, quando erano impiegati nella raccolta dei pomodori. Riconoscono Angelo, il nostro mediatore culturale, e Andrea, infermiere. Sorridono felici, come chi ritrova un amico. Come chi, almeno per poco, si sente a casa.

 

Da dicembre 2011, un nostro ambulatorio mobile porta assistenza sanitaria gratuita ai migranti nell'area di Rosarno, in Calabria. Un secondo ambulatorio mobile lavora in Sicilia, nella zona di Vittoria.

Puoi sostenere i nostri ambulatori mobili con una donazione online.