Ti aspettiamo dal 6 all’8 settembre 2024 per “Le persone”, l’edizione 2024 del Festival di EMERGENCY. È uscito il programma! Scopri tutti gli ospiti e gli eventi di quest’anno >>

Vuoi diventare parte attiva del Festival di EMERGENCY e viverlo in prima persona? Stiamo cercando volontari e volontarie! >>

Scopri il programma completo
di “Le persone”, il Festival 2024 di EMERGENCY

Ore 15:00 | BENVENUTI AL FESTIVAL!
EDU-LAB – Cortile della Biblioteca Panizzi
Che il Festival abbia inizio! Il benvenuto di EMERGENCY a tutte le ragazze e ragazzi. Un appuntamento per conoscerci e raccontare gli appuntamenti education alla Biblioteca Panizzi. Si parlerà e, soprattutto si farà perché questo è il nostro motto! Passa a trovarci.   
A cura di EMERGENCY Area Educazione e Scuola 

Ore 16:30 | Pensare è cambiare?
Domande per pensare
Piazza Casotti
Il pensiero critico costruisce alternative, ridisegna il presente ed è fonte di ispirazione per immaginare mondi diversi da quelli in cui viviamo. “Barbasophia” ci racconta le domande più comuni – tra i banchi di scuola (ma non solo) – per ripensare l’esistente e attivare il cambiamento a partire da .
Con Matteo Saudino, professore e scrittore

Ore 16:30 | Incontro con Luca Sofri, direttore Il Post
Storie di persone e di cose, spiegate bene Cortile Università (Viale A. Allegri, 15)
In collaborazione con Il Post

Ore 17:00 | EMERGENCY in Afghanistan (English language)
Luci sulle persone Teatro San Prospero
by Lynzy Billing (July, 2024)
Original version with English subtitles (30 mins)
Lynzy Billing, an investigative journalist and photographer with extensive experience working in Afghanistan, visited EMERGENCY’s projects in the country to document the organisation’s work during its 30th anniversary year. The stories of EMERGENCY’s surgeons, nurses, staff and patients retrace its activities in Afghanistan: from mass casualties to the most quiet and intimate moments, such as the first seconds between a mother and her newborn in the wards of the Anabah Maternity Centre.
A Q&A with the creator will follow the film.

Ore 18:15 | La persona, le persone: legami resistenti
Dialog
hi Piazza Prampolini
Dalla Resistenza ai fascismi alle nuove sfide contemporanee, generazioni a confronto per parlare di individui, partecipazione e comunità.
Con Flora Monti, staffetta partigiana, Djarah Kan, scrittrice e attivista e Bernardo Zannoni, scrittore
Modera Tonia Cartolano, giornalista Sky TG24
Con la partecipazione di Marco Damilano, giornalista e conduttore televisivo
Incontro con traduzione simultanea in LIS

Ore 19:15 | Partecipazione è la parola chiave?
Domande per pensare
Piazza Casotti
Il confronto aperto, informato e ragionevole è l’unico strumento per affrontare la complessità che ci circonda. La partecipazione “accesa” è la sola alternativa alla dinamica autoritaria. E allora, come possiamo far ascoltare le nostre voci?
Con Fabrizio Barca, statistico ed economista 

Ore 19:45 | Pensare e agire oltre la guerra
Dialog
hi Piazza Prampolini 
Ogni guerra, a ogni latitudine del tempo e dello spazio, ha dimostrato sempre la sua verità: morti e feriti per il 90% tra i civili. Riusciremo a trovare strumenti alternativi per la risoluzione dei conflitti?
Con Tomaso Montanari, rettore Università per Stranieri di Siena; Sami Alajrami, giornalista e già corrispondente La Repubblica da Gaza e Rossella Miccio, presidente EMERGENCY. Modera Giammarco Sicuro, inviato Tg3
Incontro con traduzione simultanea in LIS

Ore 20:40 | Il circo delle nuvole Il teatro disegnato di Gek Tessaro 
RACCONTI – Cortile della Biblioteca Panizzi
Un tendone di un circo molto particolare, fatto di nuvole, di vapore, insomma di quel niente che è la materia dei sogni. Per lo spettacolo e rendere al meglio la luminosità delle immagini, il cortile sarà immerso nel buio. Porta un telo per assistere al racconto sotto le stelle.
Con Gek Tessaro, scrittore e artista

Ore 20:45 | I dati possono discriminare le persone?
Domande per pensare
Piazza Casotti
La data humanizer Donata Columbro esplora il ruolo di algoritmi, dati e strumenti digitali nell’amplificazione o nella decostruzione di un linguaggio discriminatorio.
Con Donata Columbro, giornalista, scrittrice e divulgatrice

Ore 21:30 | 1994-2004: i primi dieci anni
EMERGENCY (Hi)stories
Piazza Prampolini
La nascita di EMERGENCY e le prime sfide, la scommessa e l’utopia: sullo sfondo della guerra e del genocidio in Ruanda, delle Torri Gemelle e dell’invasione dell’Afghanistan, lo spettro delle mine antiuomo, 10 anni di grandi e drammatici eventi, 10 anni di piccoli e grandi interventi di EMERGENCY.
Con Matteo Saudino, professore e scrittore; Ennio Rigamonti, volontario Divisione Tecnica EMERGENCY; Lynzy Billing, fotoreporter; Luca Radaelli, infermiere e responsabile Risorse Umane SAR EMERGENCY
Con la partecipazione straordinaria di Piero Pelù, cantautore
Incontro con traduzione simultanea in LIS

Ore 23:00 | Dj set di MazZz
Musica tra le persone
Piazza San Prospero 
In collaborazione con The RIFF

Ore 07:30 | Musica all’alba
Al risveglio – Piazza
San Prospero
Le prime luci del giorno vengono accolte dalle note di violini, viola e violoncello, tra musica classica e sound contemporanei per un momento di pace, contemplazione e condivisione.
Quartetto d’archi con la violinista Valentina Del Re

Ore 09:30 | Per parlare di persone in movimento
Un caffè con… – Infopoint Piazza Prampolini
Insieme a Giammarco Sicuro, inviato Tg3 e Roberto Maccaroni, infermiere e responsabile sanitario Progetto SAR EMERGENCY

Ore 10:00 | Libertà di stampa in pace e in guerra
Dialoghi
Piazza Prampolini
La libertà di stampa è ancora garantita? La libera informazione e il diritto di essere informati esistono ancora? Valgono allo stesso modo in pace e in guerra?
Con Massimo Giannini, editorialista La Repubblica e Youmna El Sayed, giornalista e già corrispondente Al Jazeera English da Gaza
Modera Emiliano Fittipaldi, direttore Domani
Incontro con traduzione simultanea in LIS

Ore 10:15 | A mappare le emozioni tra alberi e parole  
EDU-LAB – Cortile della Biblioteca Panizzi
Lo sapevi che anche durante una semplice passeggiata in città o in un bosco si possono provare tante emozioni? Spesso sono confuse e mescolate tra loro, simili, ma non identiche! Per esplorarle meglio, creeremo una grande mappa e costruiremo un “bosco emozionato” per scoprire insieme di quali emozioni siamo fatti.
Dai 5 ai 7 anni
In collaborazione con LUDOSOFICI

Ore 11:00 | Quali ostacoli per farsi curare in Italia?
A lezione con EMERGENCY – Aula Magna Pietro Manodori, Unimore (Viale A. Allegri, 15)
Quali sono gli ostacoli all’accesso alle cure nel nostro Paese? Cosa prevede l’Articolo 32 della nostra Costituzione e cosa ha comportato la regionalizzazione della sanità nella tutela del diritto alla salute? Come le persone straniere possono vedere garantito il diritto alle cure in Italia? Un incontro per approfondire il livello di tutela del diritto alla salute in Italia e la risposta ai bisogni di EMERGENCY.
Con Sara Chessa, infermiera e coordinatrice Ambulatorio Sassari; Andrea Bellardinelli, direttore Programma Italia; Loredana Carpentieri, mediatrice culturale e coordinatrice Progetto Milano
Modera Amalia De Simone, giornalista Rai 3
In collaborazione con UNIMORE

Ore 11:00 | Come si promuove una guerra?
Domande per pensare
Piazza Casotti
Le guerre non sono mai inevitabili, vengono sempre scelte, preparate, finanziate e poi combattute per motivi precisi che rimangono ignoti alle persone che le subiscono.
Un incontro sugli strumenti che stanno alla base della propaganda bellica e delle scelte che ne derivano.
Con Nico Piro, inviato Tg3 e scrittore

Ore 11:30 | Non ti capisco
ESPERIENZE – Sala degli Artisti, Biblioteca Panizzi
Fragili, disorientati, apatici. Ma pure intraprendenti, creativi, competenti. Attivisti e rassegnati, connessi e solitari, digitali e analogici. Generalizzare una generazione – per fortuna – è impossibile, così come è complesso per noi adulti comprendere, interpretare e capire le ragazze e i ragazzi di oggi. E allora ci vengono in aiuto le storie: autentiche, attuali, necessarie. Storie vere di chi non capiamo.
Con Federico Taddia, scrittore e autore

Ore 11:30 | CHEAP Manifesti contro la guerra
Make art, not war
Cortile Palazzo Ancini
A partire dall’esperienza di CHEAP, un incontro per approfondire il ruolo dell’arte nella riappropriazione dello spazio pubblico per decostruire la propaganda bellica e promuovere riflessioni collettive su diritti e uguaglianza.
Con Sara Manfredi e Flavia Tomasini, cofondatrici CHEAP
Modera Vera Gheno, sociolinguista

Ore 11:30 | 20 DAYS IN MARIUPOL (1h34min)
Luci sulle persone
Teatro San Prospero
di Mstyslav Chernov (Ucraina, 2023)
Versione originale con sottotitoli italiani
Un gruppo di giornalisti ucraini intrappolato nella città assediata di Mariupol lotta per continuare il suo lavoro di testimonianza delle atrocità dell’invasione russa. Unici reporter internazionali rimasti in città, catturano le immagini della guerra: bambini che muoiono, fosse comuni, il bombardamento di un centro di maternità.
Avviso per il pubblico: il film contiene immagini drammatiche

Ore 11:45 | Per parlare di persone in lotta per il futuro
Un caffè con… –
Piazza Fontanesi
Insieme a Fabrizio Barca, statistico ed economista e Ferdinando Cotugno, giornalista

Ore 12:15 | What is the state of journalism in Afghanistan? (English language)
Domande per pensare – Piazza Casotti
Although hostilities formally ended in August 2021, Afghanistan’s problems are far from over. While the Taliban’s restrictions on press freedom pose unprecedented challenges, Amu TV stands out as an independent source of news and entertainment for the Afghan people. A television channel in exile, created to respond to the need for information and culture in the country.
With Lotfullah Najafizada, CEO of Amu TV 

Ore 14:15 | L’info-grafica va alla guerra
Make art, not war
Cortile Palazzo Ancini
Napoleone può essere raccontato in mille modi. Celebrato, maledetto, decantato in poesia, marmorizzato in archi di trionfo per le sue azioni e persino per le sue guerre. È possibile, tra le ricostruzioni della sua figura, ritrovare una “mappa” che porti a vedere l’assurdità di una guerra a partire dalle sue vittime? Ci è riuscito uno sconosciuto ingegnere in pensione delle ferrovie francesi vissuto più di un secolo fa, e lo si racconta in questo incontro.
Conversazione illustrata tra Paolo Colombo, storico, e Michele Tranquillini, illustratore

Ore 14:30 | Per parlare di persone che rivendicano diritti
Un caffè con… –
Piazza San Prospero
Insieme a Amalia De Simone, giornalista Rai 3 e Vera Gheno, sociolinguista

Ore 14:30 | Come vedere il mondo
Laboratori
Fondazione E-35 (Via Vicedomini, 1)
La società globale che viviamo, è di tipo visuale. Le immagini ci seguono ovunque, in ogni momento. I contenuti che produciamo – e pubblichiamo! – sono il nostro tentativo di vedere il mondo. Il gruppo di lavoro si occuperà di esplorare il modo in cui diamo forma alle notizie e come queste plasmano la nostra percezione del mondo.
Con Francesco Pistilli, fotografo documentarista, filmmaker e professore di fotografia
Per i partecipanti: portare Laptop (meglio) e/o Smartphone; scaricare l’App Miro, il flatplan digitale per l’editing collettivo; portare un quaderno e una penna

Ore 15:00 | A me gli occhi!  
EDU-LAB – Cortile della Biblioteca Panizzi
Laboratorio fotografico per raccontare la varietà del mondo attraverso gli occhi di ragazze e ragazzi. Ognuno di loro potrà costruire il proprio e personale libro utilizzando le fotocamere e i materiali messi a disposizione dei partecipanti.  
A cura della Sezione Ragazzi della Biblioteca Panizzi
Dagli 8 agli 11 anni

Ore 15:00 | Crisi umanitarie da non dimenticare
Storie di persone e di cose, spiegate bene
– Cortile Università (Viale A. Allegri, 15)
Ai primi posti della classifica delle dieci crisi di cui meno si parla – pubblicata ogni anno dal Norwegian Refugee Council – nove su dieci Paesi sono africani. Tra questi il Sudan, dove EMERGENCY, presente da vent’anni, continua le sue attività anche dopo lo scoppio della guerra ad aprile 2023.
Con Francesca Sibani, redattrice Africa Internazionale e Pietro Parrino, direttore Dipartimento Progetti Umanitari EMERGENCY
Modera Alessandra Pellegrini De Luca, giornalista Il Post
In collaborazione con Il Post

Ore 15:00 | MOURNING IN LOD (1h13min)
Luci sulle persone
Teatro San Prospero
di Hilla Medalia (Israele, 2023)
Versione originale con sottotitoli italiani e inglesi
I tragici destini di tre famiglie sono indissolubilmente intrecciati a Lod, una delle cinque città “miste”, abitate da israeliani e palestinesi, a circa 50 chilometri a ovest di Gerusalemme. Sentimenti contrastanti di amore, rabbia e perdono attraversano la città e offrono un barlume di speranza, nonostante tutto: una luce per contrastare uno stato collettivo di lutto senza fine.
A conclusione del film sarà proiettato un video registrato (di 18 minuti) con la regista Hilla Medaliae i protagonisti del film

Ore 15:15 | Il nemico è una persona?
Domande per pensare – Piazza Casotti
Dall’Est Europa al Medio Oriente, passando per il continente africano, l’unica verità comune a tutte le guerre è costituita da violenze e distruzioni perpetrate contro la popolazione civile. Una scelta chiara e precisa, ripetuta in ogni guerra contemporanea, derivante anche dai processi di “de-umanizzazione” del nemico. Che cosa significa?
Con Marta Serafini, giornalista Il Corriere della Sera

Ore 16:15 | Incontro in via di definizione
Storie di persone e di cose,
spiegate bene – Cortile Università (Viale A. Allegri, 15)
In collaborazione con Il Post

Ore 16:30 | La salute del Pianeta dipende da noi?
Domande per pensare
Piazza Casotti
L’inquinamento e il cambiamento climatico hanno un impatto devastante sulla vita delle persone, dal nord al sud del mondo. Le azioni da intraprendere per invertire la rotta e salvaguardare il futuro dell’umanità sono necessarie e urgenti, eppure le scelte politiche ed economiche attuali vanno in un’altra direzione.
Con Ferdinando Cotugno, giornalista  

Ore 17:00 | La tua voce conta
EDU-LAB – Cortile della Biblioteca Panizzi
Scrivere rime è un metodo efficace per consentire a ognuno di noi di esporsi e parlare di sé e degli altri. Si può utilizzare il rap per promuovere inclusività, rispetto e positività? I partecipanti si sperimenteranno nella scrittura di strofe per condividere esperienze, emozioni, pensieri e far seguire una riflessione collettiva sul significato delle parole usate e l’impatto che il linguaggio ha sugli altri. 
A cura di Amir Issaa, rapper e writer.
Dai 14 ai 19 anni.
In collaborazione con EFFETTO FARFALLA

Ore 17:30 | Intelligenza artificiale e intelligenza umana: sfida o complicità?
Dialoghi
Piazza Prampolini
L’intelligenza artificiale può funzionare come un cervello umano? Esistono dei rischi dai quali dobbiamo proteggerci? Quali sono? Quali le opportunità per l’essere umano? Qual è l’impatto dell’IA sulla nostra evoluzione?
Con Francesca Lagioia, professoressa universitaria e Telmo Pievani, filosofo
Modera Massimo Temporelli, fisico e divulgatore scientifico
Incontro con traduzione simultanea in LIS

Ore 19:00 | 2004-2014: la seconda decade
EMERGENCY (Hi)stories
Piazza Prampolini
Nel decennio l’Europa assiste a cambiamenti, conflitti e rivoluzioni, guarda con apprensione alle Primavere arabe, mentre il mondo bussa drammaticamente e inesorabilmente anche alle porte dell’Italia. Il terrorismo colpisce il cuore dell’Europa. Gli sbarchi dei migranti si fanno incessanti.
10 anni di grandi e drammatici eventi, 10 anni di piccoli e grandi interventi di EMERGENCY.
Con Francesco Strazzari, professore di Relazioni Internazionali Scuola Universitaria Sant’Anna; Laura Cappon, giornalista programmi d’approfondimento Rai; Floriana Pati, infermiera EMERGENCY; Giulio Piscitelli, fotografo; Mauro Destefano, mediatore culturale e coordinatore Progetto Calabria EMERGENCY.
Incontro con traduzione simultanea in LIS

Ore 21:30 | SCHERZO N.1 OPERA PRIMA di Carlo Amleto
Musica e parole
Piazza Prampolini
Nel suo spettacolo Scherzo N°1, Opera Prima, Carlo Amleto porta a un livello superiore la commistione tra comicità̀ e musica, sketch e canzoni del suo primo album Facciamo che io ero, il suo ormai famosissimo Tg0 e la poesia, il tutto sempre guidato da un istinto creativo originale che lo rende un’eccezione nel panorama attuale. Il titolo dello show è preso in prestito in modo ironico dalla musica classica, in cui il termine “Scherzo” indica un componimento, di solito non molto ampio, d’indole vivace e fantasiosa, che si adatta allo spettacolo di Amleto, in cui lui scherza appunto col pubblico usando tutte le note del suo spartito artistico, in un movimento che gli piace definire “allegretto andante”.

Ore 23:00 | Dj set degli Ex-Otago
Musica tra le persone
Piazza San Prospero

Ore 07:30 | Tai Chi all’alba
Al risveglio
Piazza San Prospero
Sintesi fra arte marziale, metodo terapeutico e via alla trascendenza, il Taijiquan è stato definito una “meditazione in movimento” che possiede, al di là dell’aspetto puramente fisico, profonde radici spirituali e filosofiche. Una lezione-dimostrazione di 50 minuti aperta a tutti per connettersi con sé stessi, insieme agli altri.
Con Paolo Zaffelli, maestro di Tai Chi

Ore 09:30 | Per parlare di persone tra realtà e fumetto
Un caffè con… – Infopoint Piazza Prampolini
Insieme a Raul Pantaleo, architetto TAMassociati e Sara Chessa, infermiera e coordinatrice Ambulatorio Sassari EMERGENCY

Ore 10:00 | In viaggio non pregare
Dialoghi – Piazza Prampolini
Con Paolo Giordano, scrittore e Luca Radaelli, infermiere e responsabile Risorse Umane SAR EMERGENCY
Modera Marianna Aprile, giornalista Oggi
Incontro con traduzione simultanea in LIS
In collaborazione con Chora Media

Ore 10:15 | Materiali in persona 
EDU-LAB – Cortile della Biblioteca Panizzi
Un laboratorio per realizzare una comunità di soggetti umani, non umani e multispecie per abitare un futuro fondato sull’accoglienza e la pace.
A cura di Remida
Dai 5 anni

Ore 11:00 | Curare tutti?
Domande per pensare – Piazza Casotti
Nei contesti di guerra in cui abbiamo lavorato o lavoriamo, assistiamo sempre allo stesso risultato: indipendentemente da chi stia combattendo, contro chi e per quali ragioni, vediamo persone uccise, ferite. Perché curare tutti?
Con Michela Paschetto, direttrice professioni infermieristiche e sanitarie EMERGENCY 

Ore 11:00 | Healing architecture, l’architettura che guarisce: la bellezza degli ospedali di EMERGENCY
A lezione con EMERGENCY –
Aula Magna Pietro Manodori, Unimore (Viale A. Allegri, 15)
L’architettura, la bellezza, i giardini, sono fattori determinanti nel percorso di cura dei pazienti? Si possono costruire ospedali “scandalosamente belli” e che offrono cure di elevata qualità anche in Africa? Un incontro per conoscere il lavoro di EMERGENCY in Africa a partire dalla progettazione e realizzazione dei suoi ospedali, passando per le tecnologie implementate, fino ad arrivare alla loro gestione e organizzazione logistica.
Con Raul Pantaleo, architetto TAMassociati; Roberto Crestan, direttore ANME Area Medicina di Eccellenza di EMERGENCY e Arianna Cappelli, coordinatrice logistica di EMERGENCY. Modera Amalia De Simone, giornalista Rai 3
In collaborazione con UNIMORE

Ore 11:30 | Le lotte che hanno fatto scuola
ESPERIENZE – Sala degli artisti, Biblioteca Panizzi
Storie di maestre e maestri che nella pratica della partecipazione collettiva hanno rivoluzionato il modo di pensare e fare scuola. Un viaggio tra le esperienze di autori e autrici italiani per ritrovare nella democrazia un valore da allenare e ricordare.
Con Vanessa Roghi, storica e documentarista 

Ore 11:30 | “Finché l’ultimo canta ancora”
Make art,
not war Cortile Palazzo Ancini
A distanza di tre anni dal ritiro delle forze internazionali e dalla presa di Kabul da parte dei talebani ad agosto 2021, la graphic novel di La Tram e Francesca Torre prova a rispondere alla domanda “Come stanno gli afgani?” grazie alle voci degli afgani che lavorano nei Centri di EMERGENCY e dei pazienti che tutti i giorni vi entrano.
Con Margherita Tramutoli aka La Tram, disegnatrice e Francesca Romana Torre, sceneggiatrice
Modera Lorenzo Palloni, sceneggiatore

Ore 11:30 | SOPRAVVISSUTI (1h34min)
Luci sulle persone
Teatro San Prospero
di Guillaume Renusson (Francia, 2022)
Versione originale con sottotitoli italiani
Samuel è sopravvissuto a un incidente stradale in cui è morta sua moglie. Torna per la prima volta nello chalet di montagna in Italia dove hanno trascorso bei momenti insieme. Qui ha trovato rifugio una profuga afgana sfuggita alla polizia. Inizialmente Samuel si mostra disinteressato alla sua sorte, poi decide di aiutarla. I due dovranno lottare non solo con la natura avversa, ma anche con dei cacciatori di migranti.

Ore 11:45 | Per parlare di persone in musica
Un caffè con… –
Piazza Martiri
Insieme a Maurizio Carucci degli Ex-Otago

Ore 12:15 | What is happening in Gaza? (English language)
Domande per pensare Piazza Casotti
The humanitarian situation in the Gaza Strip is critical, with tens of thousands of victims, bombarded medical facilities and aid workers deliberately targeted by the Israeli forces. A session to hear the direct testimony of a Palestinian journalist, born in Gaza, who reported on the lives of the people of Gaza for the first six months of the conflict.
With Sami Alajrami, journalist and former correspondent from Gaza for La Repubblica

Ore 14:15 | Dare parole, voce e corpo alle storie
Make art,
not war Cortile Palazzo Ancini
Come si raccontano i vissuti delle persone nei versi di una poesia e recitando su un palco? Cosa succede nel passaggio tra l’esperienza e la parola scritta e in quello tra la parola scritta e la sua rappresentazione? E fino a che punto il privato può diventare politico? L’attrice e la poetessa riflettono su questi temi a partire dalle storie delle persone in fuga dalla guerra che sono state curate e soccorse da EMERGENCY.
Con Sonia Bergamasco, attrice e regista e Maria Grazia Calandrone, poetessa, scrittrice e giornalista

Ore 14:30 | Parole a colori
Laboratori Fondazione E-35 (Via Vicedomini, 1)
Tra testimonianza, informazione, denuncia e commento satirico: una lezione-conversazione per approfondire il rapporto tra testo e immagine nel racconto della realtà realizzato attraverso le vignette.
Con Fabio Magnasciutti, illustratore e vignettista

Ore 14:30 | Per parlare di persone ferite
Un caffè con… –
Piazza San Prospero
Insieme a Marta Serafini, giornalista Il Corriere della Sera e Michela Paschetto, direttrice professioni infermieristiche e sanitarie EMERGENCY

Ore 15:00 | Alla ricerca del futuro
EDU-LAB – Cortile della Biblioteca Panizzi
Un laboratorio per condividere pensieri, esplorare punti di vista differenti e creare un confronto reciproco su sostenibilità e diritti umani. Con cartelloni e pennarelli si sperimenterà l’apertura al dialogo per proporre idee per un futuro più giusto e più sostenibile. 
In collaborazione con EDUIREN
Dai 15 anni

Ore 15:00 | SCONOSCIUTI PURI (1h33min)
Luci sulle persone
Teatro San Prospero
di Valentina Cicogna e Mattia Colombo (Italia, 2023)
Versione originale italiana
Ogni notte nella sala autopsie della dottoressa Cristina Cattaneo arrivano corpi senza nome. Lei li chiama Sconosciuti puri. Gli Sconosciuti puri appartengono spesso ai margini della società. Sono senzatetto, prostitute, adolescenti in fuga. Ultimamente sono soprattutto migranti, respinti dal Mar Mediterraneo sulle coste italiane. Se tutti i diritti appartengono ai vivi, nulla è lasciato ai morti.

Ore 15:00 | Raccontare Gaza
Storie di persone e di cose, spiegate bene – Cortile Università (Viale A. Allegri, 15)
Come vivono, come resistono, le persone che abitano a Gaza? Come si racconta quello che sta succedendo nella striscia di Gaza? Come si racconta la guerra, questa specifica guerra e come si riescono a trovare le parole, i pensieri e i modi per fare giornalismo di guerra? Un dialogo con una giornalista che riesce a dare voce alle storie e alle persone.
Con Luca Misculin, giornalista Il Post e Youmna El Sayed, giornalista e già corrispondente Al Jazeera English da Gaza
In collaborazione con Il Post

Ore 15:15 | La rivoluzione è delle persone?
Domande per pensare Piazza Casotti
È possibile educare e sensibilizzare le persone all’impegno per il cambiamento? Le nuove generazioni attive nella costruzione di pratiche di lotta e partecipazione collettiva ci insegnano che si può e si deve farlo: per migliorare le vite – presenti e future – delle comunità e degli individui.
Con Vanessa Roghi, storica e autrice

Ore 16:15 | Criminalità e reati, numeri reali e percezione
Storie di persone e di cose, spiegate bene
– Cortile Università (Viale A. Allegri, 15)
La narrazione dei media racconta spesso di città fuori controllo, ma i dati certificano una diminuzione costante di molti reati, soprattutto di quelli più gravi. Tra realtà e percezione, l’Italia è davvero un paese così insicuro?
Con Stefano Nazzi, giornalista Il Post
In collaborazione con Il Post

Ore 16:30 | La salute è ancora un diritto? 
Domande per pensare
Piazza Casotti
Tra privatizzazioni e regionalizzazioni, il diritto alla salute nel nostro Paese è spesso un privilegio per pochi. Con la giornalista scientifica Silvia Bencivelli ripercorriamo l’evoluzione del Servizio Sanitario Nazionale, tra liste d’attesa, livelli di cura, costi economici e sociali, disparità territoriali, accessi e assistenza negata.
Con Silvia Bencivelli, giornalista scientifica

Ore 17:30 | SERMONE AL MIO CELESTE POLLAIO
Dialoghi
Piazza Prampolini
“Ho qui composto versi miei nei quali meglio riconosco lo sconvolgimento attuale: innamoramento ira vergogna pietà caduta della speranza bagliori di speranza esortazioni tristezze, tutto insieme senza virgole perché così lo stiamo vivendo. Amore per la specie. Odio per la specie. Benedizione e maledizione”. L’immagine di un celeste pollaio tiene insieme la piccolezza di noi tutti, l’idiozia, la tenerezza e tutto il cielo.
Rito sonoro di e con Mariangela Gualtieri, poetessa e scrittrice
Con la guida di Cesare Ronconi
Incontro con traduzione simultanea in LIS

Ore 19:00 | 2014-2024: 100 di questi 30!
EMERGENCY (Hi)stories – Piazza Prampolini
Questo decennio vede una serie di drammatici eventi scatenarsi uno dopo l’altro: l’inizio della crisi ucraina e l’invasione russa, il ritiro internazionale dall’Afghanistan e la presa del potere dei talebani, la pandemia, il riacuirsi del conflitto israelo-palestinese. E poi, le guerre in Etiopia e Sudan, che quasi mai guadagnano le prime pagine dei giornali e poco toccano l’opinione pubblica. Ancora 10 anni di grandi e drammatici eventi, 10 anni di piccoli e grandi interventi di EMERGENCY, fino a oggi.
Con Francesco Strazzari, professore di Relazioni Internazionali Scuola Universitaria Sant’Anna; Lotfullah Najafizada, fondatore e amministratore delegato Amu TV; Laura Salvinelli, fotogiornalista; Daniele Giacomini, direttore Area Emergenza e Sviluppo EMERGENCY; Rossella Miccio, presidente EMERGENCY
Con la partecipazione straordinaria di Davide Toffolo, fumettista e cantante dei Tre Allegri Ragazzi Morti
Incontro con traduzione simultanea in LIS

Ore 15:00 | BENVENUTI AL FESTIVAL!
EDU-LAB – Cortile della Biblioteca Panizzi
Che il Festival abbia inizio! Il benvenuto di EMERGENCY a tutte le ragazze e ragazzi. Un appuntamento per conoscerci e raccontare gli appuntamenti education alla Biblioteca Panizzi. Si parlerà e, soprattutto si farà perché questo è il nostro motto! Passa a trovarci.   
A cura di EMERGENCY Area Educazione e Scuola 

Ore 16:30 | Pensare è cambiare?
Domande per pensare
Piazza Casotti
Il pensiero critico costruisce alternative, ridisegna il presente ed è fonte di ispirazione per immaginare mondi diversi da quelli in cui viviamo. “Barbasophia” ci racconta le domande più comuni – tra i banchi di scuola (ma non solo) – per ripensare l’esistente e attivare il cambiamento a partire da .
Con Matteo Saudino, professore e scrittore

Ore 16:30 | Incontro con Luca Sofri, direttore Il Post
Storie di persone e di cose, spiegate bene Cortile Università (Viale A. Allegri, 15)
In collaborazione con Il Post

Ore 17:00 | EMERGENCY in Afghanistan (English language)
Luci sulle persone Teatro San Prospero
by Lynzy Billing (July, 2024)
Original version with English subtitles (30 mins)
Lynzy Billing, an investigative journalist and photographer with extensive experience working in Afghanistan, visited EMERGENCY’s projects in the country to document the organisation’s work during its 30th anniversary year. The stories of EMERGENCY’s surgeons, nurses, staff and patients retrace its activities in Afghanistan: from mass casualties to the most quiet and intimate moments, such as the first seconds between a mother and her newborn in the wards of the Anabah Maternity Centre.
A Q&A with the creator will follow the film.

Ore 18:15 | La persona, le persone: legami resistenti
Dialog
hi Piazza Prampolini
Dalla Resistenza ai fascismi alle nuove sfide contemporanee, generazioni a confronto per parlare di individui, partecipazione e comunità.
Con Flora Monti, staffetta partigiana, Djarah Kan, scrittrice e attivista e Bernardo Zannoni, scrittore
Modera Tonia Cartolano, giornalista Sky TG24
Con la partecipazione di Marco Damilano, giornalista e conduttore televisivo
Incontro con traduzione simultanea in LIS

Ore 19:15 | Partecipazione è la parola chiave?
Domande per pensare
Piazza Casotti
Il confronto aperto, informato e ragionevole è l’unico strumento per affrontare la complessità che ci circonda. La partecipazione “accesa” è la sola alternativa alla dinamica autoritaria. E allora, come possiamo far ascoltare le nostre voci?
Con Fabrizio Barca, statistico ed economista 

Ore 19:45 | Pensare e agire oltre la guerra
Dialog
hi Piazza Prampolini 
Ogni guerra, a ogni latitudine del tempo e dello spazio, ha dimostrato sempre la sua verità: morti e feriti per il 90% tra i civili. Riusciremo a trovare strumenti alternativi per la risoluzione dei conflitti?
Con Tomaso Montanari, rettore Università per Stranieri di Siena; Sami Alajrami, giornalista e già corrispondente La Repubblica da Gaza e Rossella Miccio, presidente EMERGENCY. Modera Giammarco Sicuro, inviato Tg3
Incontro con traduzione simultanea in LIS

Ore 20:40 | Il circo delle nuvole Il teatro disegnato di Gek Tessaro 
RACCONTI – Cortile della Biblioteca Panizzi
Un tendone di un circo molto particolare, fatto di nuvole, di vapore, insomma di quel niente che è la materia dei sogni. Per lo spettacolo e rendere al meglio la luminosità delle immagini, il cortile sarà immerso nel buio. Porta un telo per assistere al racconto sotto le stelle.
Con Gek Tessaro, scrittore e artista

Ore 20:45 | I dati possono discriminare le persone?
Domande per pensare
Piazza Casotti
La data humanizer Donata Columbro esplora il ruolo di algoritmi, dati e strumenti digitali nell’amplificazione o nella decostruzione di un linguaggio discriminatorio.
Con Donata Columbro, giornalista, scrittrice e divulgatrice

Ore 21:30 | 1994-2004: i primi dieci anni
EMERGENCY (Hi)stories
Piazza Prampolini
La nascita di EMERGENCY e le prime sfide, la scommessa e l’utopia: sullo sfondo della guerra e del genocidio in Ruanda, delle Torri Gemelle e dell’invasione dell’Afghanistan, lo spettro delle mine antiuomo, 10 anni di grandi e drammatici eventi, 10 anni di piccoli e grandi interventi di EMERGENCY.
Con Matteo Saudino, professore e scrittore; Ennio Rigamonti, volontario Divisione Tecnica EMERGENCY; Lynzy Billing, fotoreporter; Luca Radaelli, infermiere e responsabile Risorse Umane SAR EMERGENCY
Con la partecipazione straordinaria di Piero Pelù, cantautore
Incontro con traduzione simultanea in LIS

Ore 23:00 | Dj set di MazZz
Musica tra le persone
Piazza San Prospero 
In collaborazione con The RIFF

Ore 07:30 | Musica all’alba
Al risveglio – Piazza
San Prospero
Le prime luci del giorno vengono accolte dalle note di violini, viola e violoncello, tra musica classica e sound contemporanei per un momento di pace, contemplazione e condivisione.
Quartetto d’archi con la violinista Valentina Del Re

Ore 09:30 | Per parlare di persone in movimento
Un caffè con… – Infopoint Piazza Prampolini
Insieme a Giammarco Sicuro, inviato Tg3 e Roberto Maccaroni, infermiere e responsabile sanitario Progetto SAR EMERGENCY

Ore 10:00 | Libertà di stampa in pace e in guerra
Dialoghi
Piazza Prampolini
La libertà di stampa è ancora garantita? La libera informazione e il diritto di essere informati esistono ancora? Valgono allo stesso modo in pace e in guerra?
Con Massimo Giannini, editorialista La Repubblica e Youmna El Sayed, giornalista e già corrispondente Al Jazeera English da Gaza
Modera Emiliano Fittipaldi, direttore Domani
Incontro con traduzione simultanea in LIS

Ore 10:15 | A mappare le emozioni tra alberi e parole  
EDU-LAB – Cortile della Biblioteca Panizzi
Lo sapevi che anche durante una semplice passeggiata in città o in un bosco si possono provare tante emozioni? Spesso sono confuse e mescolate tra loro, simili, ma non identiche! Per esplorarle meglio, creeremo una grande mappa e costruiremo un “bosco emozionato” per scoprire insieme di quali emozioni siamo fatti.
Dai 5 ai 7 anni
In collaborazione con LUDOSOFICI

Ore 11:00 | Quali ostacoli per farsi curare in Italia?
A lezione con EMERGENCY – Aula Magna Pietro Manodori, Unimore (Viale A. Allegri, 15)
Quali sono gli ostacoli all’accesso alle cure nel nostro Paese? Cosa prevede l’Articolo 32 della nostra Costituzione e cosa ha comportato la regionalizzazione della sanità nella tutela del diritto alla salute? Come le persone straniere possono vedere garantito il diritto alle cure in Italia? Un incontro per approfondire il livello di tutela del diritto alla salute in Italia e la risposta ai bisogni di EMERGENCY.
Con Sara Chessa, infermiera e coordinatrice Ambulatorio Sassari; Andrea Bellardinelli, direttore Programma Italia; Loredana Carpentieri, mediatrice culturale e coordinatrice Progetto Milano
Modera Amalia De Simone, giornalista Rai 3
In collaborazione con UNIMORE

Ore 11:00 | Come si promuove una guerra?
Domande per pensare
Piazza Casotti
Le guerre non sono mai inevitabili, vengono sempre scelte, preparate, finanziate e poi combattute per motivi precisi che rimangono ignoti alle persone che le subiscono.
Un incontro sugli strumenti che stanno alla base della propaganda bellica e delle scelte che ne derivano.
Con Nico Piro, inviato Tg3 e scrittore

Ore 11:30 | Non ti capisco
ESPERIENZE – Sala degli Artisti, Biblioteca Panizzi
Fragili, disorientati, apatici. Ma pure intraprendenti, creativi, competenti. Attivisti e rassegnati, connessi e solitari, digitali e analogici. Generalizzare una generazione – per fortuna – è impossibile, così come è complesso per noi adulti comprendere, interpretare e capire le ragazze e i ragazzi di oggi. E allora ci vengono in aiuto le storie: autentiche, attuali, necessarie. Storie vere di chi non capiamo.
Con Federico Taddia, scrittore e autore

Ore 11:30 | CHEAP Manifesti contro la guerra
Make art, not war
Cortile Palazzo Ancini
A partire dall’esperienza di CHEAP, un incontro per approfondire il ruolo dell’arte nella riappropriazione dello spazio pubblico per decostruire la propaganda bellica e promuovere riflessioni collettive su diritti e uguaglianza.
Con Sara Manfredi e Flavia Tomasini, cofondatrici CHEAP
Modera Vera Gheno, sociolinguista

Ore 11:30 | 20 DAYS IN MARIUPOL (1h34min)
Luci sulle persone
Teatro San Prospero
di Mstyslav Chernov (Ucraina, 2023)
Versione originale con sottotitoli italiani
Un gruppo di giornalisti ucraini intrappolato nella città assediata di Mariupol lotta per continuare il suo lavoro di testimonianza delle atrocità dell’invasione russa. Unici reporter internazionali rimasti in città, catturano le immagini della guerra: bambini che muoiono, fosse comuni, il bombardamento di un centro di maternità.
Avviso per il pubblico: il film contiene immagini drammatiche

Ore 11:45 | Per parlare di persone in lotta per il futuro
Un caffè con… –
Piazza Fontanesi
Insieme a Fabrizio Barca, statistico ed economista e Ferdinando Cotugno, giornalista

Ore 12:15 | What is the state of journalism in Afghanistan? (English language)
Domande per pensare – Piazza Casotti
Although hostilities formally ended in August 2021, Afghanistan’s problems are far from over. While the Taliban’s restrictions on press freedom pose unprecedented challenges, Amu TV stands out as an independent source of news and entertainment for the Afghan people. A television channel in exile, created to respond to the need for information and culture in the country.
With Lotfullah Najafizada, CEO of Amu TV 

Ore 14:15 | L’info-grafica va alla guerra
Make art, not war
Cortile Palazzo Ancini
Napoleone può essere raccontato in mille modi. Celebrato, maledetto, decantato in poesia, marmorizzato in archi di trionfo per le sue azioni e persino per le sue guerre. È possibile, tra le ricostruzioni della sua figura, ritrovare una “mappa” che porti a vedere l’assurdità di una guerra a partire dalle sue vittime? Ci è riuscito uno sconosciuto ingegnere in pensione delle ferrovie francesi vissuto più di un secolo fa, e lo si racconta in questo incontro.
Conversazione illustrata tra Paolo Colombo, storico, e Michele Tranquillini, illustratore

Ore 14:30 | Per parlare di persone che rivendicano diritti
Un caffè con… –
Piazza San Prospero
Insieme a Amalia De Simone, giornalista Rai 3 e Vera Gheno, sociolinguista

Ore 14:30 | Come vedere il mondo
Laboratori
Fondazione E-35 (Via Vicedomini, 1)
La società globale che viviamo, è di tipo visuale. Le immagini ci seguono ovunque, in ogni momento. I contenuti che produciamo – e pubblichiamo! – sono il nostro tentativo di vedere il mondo. Il gruppo di lavoro si occuperà di esplorare il modo in cui diamo forma alle notizie e come queste plasmano la nostra percezione del mondo.
Con Francesco Pistilli, fotografo documentarista, filmmaker e professore di fotografia
Per i partecipanti: portare Laptop (meglio) e/o Smartphone; scaricare l’App Miro, il flatplan digitale per l’editing collettivo; portare un quaderno e una penna

Ore 15:00 | A me gli occhi!  
EDU-LAB – Cortile della Biblioteca Panizzi
Laboratorio fotografico per raccontare la varietà del mondo attraverso gli occhi di ragazze e ragazzi. Ognuno di loro potrà costruire il proprio e personale libro utilizzando le fotocamere e i materiali messi a disposizione dei partecipanti.  
A cura della Sezione Ragazzi della Biblioteca Panizzi
Dagli 8 agli 11 anni

Ore 15:00 | Crisi umanitarie da non dimenticare
Storie di persone e di cose, spiegate bene
– Cortile Università (Viale A. Allegri, 15)
Ai primi posti della classifica delle dieci crisi di cui meno si parla – pubblicata ogni anno dal Norwegian Refugee Council – nove su dieci Paesi sono africani. Tra questi il Sudan, dove EMERGENCY, presente da vent’anni, continua le sue attività anche dopo lo scoppio della guerra ad aprile 2023.
Con Francesca Sibani, redattrice Africa Internazionale e Pietro Parrino, direttore Dipartimento Progetti Umanitari EMERGENCY
Modera Alessandra Pellegrini De Luca, giornalista Il Post
In collaborazione con Il Post

Ore 15:00 | MOURNING IN LOD (1h13min)
Luci sulle persone
Teatro San Prospero
di Hilla Medalia (Israele, 2023)
Versione originale con sottotitoli italiani e inglesi
I tragici destini di tre famiglie sono indissolubilmente intrecciati a Lod, una delle cinque città “miste”, abitate da israeliani e palestinesi, a circa 50 chilometri a ovest di Gerusalemme. Sentimenti contrastanti di amore, rabbia e perdono attraversano la città e offrono un barlume di speranza, nonostante tutto: una luce per contrastare uno stato collettivo di lutto senza fine.
A conclusione del film sarà proiettato un video registrato (di 18 minuti) con la regista Hilla Medaliae i protagonisti del film

Ore 15:15 | Il nemico è una persona?
Domande per pensare – Piazza Casotti
Dall’Est Europa al Medio Oriente, passando per il continente africano, l’unica verità comune a tutte le guerre è costituita da violenze e distruzioni perpetrate contro la popolazione civile. Una scelta chiara e precisa, ripetuta in ogni guerra contemporanea, derivante anche dai processi di “de-umanizzazione” del nemico. Che cosa significa?
Con Marta Serafini, giornalista Il Corriere della Sera

Ore 16:15 | Incontro in via di definizione
Storie di persone e di cose,
spiegate bene – Cortile Università (Viale A. Allegri, 15)
In collaborazione con Il Post

Ore 16:30 | La salute del Pianeta dipende da noi?
Domande per pensare
Piazza Casotti
L’inquinamento e il cambiamento climatico hanno un impatto devastante sulla vita delle persone, dal nord al sud del mondo. Le azioni da intraprendere per invertire la rotta e salvaguardare il futuro dell’umanità sono necessarie e urgenti, eppure le scelte politiche ed economiche attuali vanno in un’altra direzione.
Con Ferdinando Cotugno, giornalista  

Ore 17:00 | La tua voce conta
EDU-LAB – Cortile della Biblioteca Panizzi
Scrivere rime è un metodo efficace per consentire a ognuno di noi di esporsi e parlare di sé e degli altri. Si può utilizzare il rap per promuovere inclusività, rispetto e positività? I partecipanti si sperimenteranno nella scrittura di strofe per condividere esperienze, emozioni, pensieri e far seguire una riflessione collettiva sul significato delle parole usate e l’impatto che il linguaggio ha sugli altri. 
A cura di Amir Issaa, rapper e writer.
Dai 14 ai 19 anni.
In collaborazione con EFFETTO FARFALLA

Ore 17:30 | Intelligenza artificiale e intelligenza umana: sfida o complicità?
Dialoghi
Piazza Prampolini
L’intelligenza artificiale può funzionare come un cervello umano? Esistono dei rischi dai quali dobbiamo proteggerci? Quali sono? Quali le opportunità per l’essere umano? Qual è l’impatto dell’IA sulla nostra evoluzione?
Con Francesca Lagioia, professoressa universitaria e Telmo Pievani, filosofo
Modera Massimo Temporelli, fisico e divulgatore scientifico
Incontro con traduzione simultanea in LIS

Ore 19:00 | 2004-2014: la seconda decade
EMERGENCY (Hi)stories
Piazza Prampolini
Nel decennio l’Europa assiste a cambiamenti, conflitti e rivoluzioni, guarda con apprensione alle Primavere arabe, mentre il mondo bussa drammaticamente e inesorabilmente anche alle porte dell’Italia. Il terrorismo colpisce il cuore dell’Europa. Gli sbarchi dei migranti si fanno incessanti.
10 anni di grandi e drammatici eventi, 10 anni di piccoli e grandi interventi di EMERGENCY.
Con Francesco Strazzari, professore di Relazioni Internazionali Scuola Universitaria Sant’Anna; Laura Cappon, giornalista programmi d’approfondimento Rai; Floriana Pati, infermiera EMERGENCY; Giulio Piscitelli, fotografo; Mauro Destefano, mediatore culturale e coordinatore Progetto Calabria EMERGENCY.
Incontro con traduzione simultanea in LIS

Ore 21:30 | SCHERZO N.1 OPERA PRIMA di Carlo Amleto
Musica e parole
Piazza Prampolini
Nel suo spettacolo Scherzo N°1, Opera Prima, Carlo Amleto porta a un livello superiore la commistione tra comicità̀ e musica, sketch e canzoni del suo primo album Facciamo che io ero, il suo ormai famosissimo Tg0 e la poesia, il tutto sempre guidato da un istinto creativo originale che lo rende un’eccezione nel panorama attuale. Il titolo dello show è preso in prestito in modo ironico dalla musica classica, in cui il termine “Scherzo” indica un componimento, di solito non molto ampio, d’indole vivace e fantasiosa, che si adatta allo spettacolo di Amleto, in cui lui scherza appunto col pubblico usando tutte le note del suo spartito artistico, in un movimento che gli piace definire “allegretto andante”.

Ore 23:00 | Dj set degli Ex-Otago
Musica tra le persone
Piazza San Prospero

Ore 07:30 | Tai Chi all’alba
Al risveglio
Piazza San Prospero
Sintesi fra arte marziale, metodo terapeutico e via alla trascendenza, il Taijiquan è stato definito una “meditazione in movimento” che possiede, al di là dell’aspetto puramente fisico, profonde radici spirituali e filosofiche. Una lezione-dimostrazione di 50 minuti aperta a tutti per connettersi con sé stessi, insieme agli altri.
Con Paolo Zaffelli, maestro di Tai Chi

Ore 09:30 | Per parlare di persone tra realtà e fumetto
Un caffè con… – Infopoint Piazza Prampolini
Insieme a Raul Pantaleo, architetto TAMassociati e Sara Chessa, infermiera e coordinatrice Ambulatorio Sassari EMERGENCY

Ore 10:00 | In viaggio non pregare
Dialoghi – Piazza Prampolini
Con Paolo Giordano, scrittore e Luca Radaelli, infermiere e responsabile Risorse Umane SAR EMERGENCY
Modera Marianna Aprile, giornalista Oggi
Incontro con traduzione simultanea in LIS
In collaborazione con Chora Media

Ore 10:15 | Materiali in persona 
EDU-LAB – Cortile della Biblioteca Panizzi
Un laboratorio per realizzare una comunità di soggetti umani, non umani e multispecie per abitare un futuro fondato sull’accoglienza e la pace.
A cura di Remida
Dai 5 anni

Ore 11:00 | Curare tutti?
Domande per pensare – Piazza Casotti
Nei contesti di guerra in cui abbiamo lavorato o lavoriamo, assistiamo sempre allo stesso risultato: indipendentemente da chi stia combattendo, contro chi e per quali ragioni, vediamo persone uccise, ferite. Perché curare tutti?
Con Michela Paschetto, direttrice professioni infermieristiche e sanitarie EMERGENCY 

Ore 11:00 | Healing architecture, l’architettura che guarisce: la bellezza degli ospedali di EMERGENCY
A lezione con EMERGENCY –
Aula Magna Pietro Manodori, Unimore (Viale A. Allegri, 15)
L’architettura, la bellezza, i giardini, sono fattori determinanti nel percorso di cura dei pazienti? Si possono costruire ospedali “scandalosamente belli” e che offrono cure di elevata qualità anche in Africa? Un incontro per conoscere il lavoro di EMERGENCY in Africa a partire dalla progettazione e realizzazione dei suoi ospedali, passando per le tecnologie implementate, fino ad arrivare alla loro gestione e organizzazione logistica.
Con Raul Pantaleo, architetto TAMassociati; Roberto Crestan, direttore ANME Area Medicina di Eccellenza di EMERGENCY e Arianna Cappelli, coordinatrice logistica di EMERGENCY. Modera Amalia De Simone, giornalista Rai 3
In collaborazione con UNIMORE

Ore 11:30 | Le lotte che hanno fatto scuola
ESPERIENZE – Sala degli artisti, Biblioteca Panizzi
Storie di maestre e maestri che nella pratica della partecipazione collettiva hanno rivoluzionato il modo di pensare e fare scuola. Un viaggio tra le esperienze di autori e autrici italiani per ritrovare nella democrazia un valore da allenare e ricordare.
Con Vanessa Roghi, storica e documentarista 

Ore 11:30 | “Finché l’ultimo canta ancora”
Make art,
not war Cortile Palazzo Ancini
A distanza di tre anni dal ritiro delle forze internazionali e dalla presa di Kabul da parte dei talebani ad agosto 2021, la graphic novel di La Tram e Francesca Torre prova a rispondere alla domanda “Come stanno gli afgani?” grazie alle voci degli afgani che lavorano nei Centri di EMERGENCY e dei pazienti che tutti i giorni vi entrano.
Con Margherita Tramutoli aka La Tram, disegnatrice e Francesca Romana Torre, sceneggiatrice
Modera Lorenzo Palloni, sceneggiatore

Ore 11:30 | SOPRAVVISSUTI (1h34min)
Luci sulle persone
Teatro San Prospero
di Guillaume Renusson (Francia, 2022)
Versione originale con sottotitoli italiani
Samuel è sopravvissuto a un incidente stradale in cui è morta sua moglie. Torna per la prima volta nello chalet di montagna in Italia dove hanno trascorso bei momenti insieme. Qui ha trovato rifugio una profuga afgana sfuggita alla polizia. Inizialmente Samuel si mostra disinteressato alla sua sorte, poi decide di aiutarla. I due dovranno lottare non solo con la natura avversa, ma anche con dei cacciatori di migranti.

Ore 11:45 | Per parlare di persone in musica
Un caffè con… –
Piazza Martiri
Insieme a Maurizio Carucci degli Ex-Otago

Ore 12:15 | What is happening in Gaza? (English language)
Domande per pensare Piazza Casotti
The humanitarian situation in the Gaza Strip is critical, with tens of thousands of victims, bombarded medical facilities and aid workers deliberately targeted by the Israeli forces. A session to hear the direct testimony of a Palestinian journalist, born in Gaza, who reported on the lives of the people of Gaza for the first six months of the conflict.
With Sami Alajrami, journalist and former correspondent from Gaza for La Repubblica

Ore 14:15 | Dare parole, voce e corpo alle storie
Make art,
not war Cortile Palazzo Ancini
Come si raccontano i vissuti delle persone nei versi di una poesia e recitando su un palco? Cosa succede nel passaggio tra l’esperienza e la parola scritta e in quello tra la parola scritta e la sua rappresentazione? E fino a che punto il privato può diventare politico? L’attrice e la poetessa riflettono su questi temi a partire dalle storie delle persone in fuga dalla guerra che sono state curate e soccorse da EMERGENCY.
Con Sonia Bergamasco, attrice e regista e Maria Grazia Calandrone, poetessa, scrittrice e giornalista

Ore 14:30 | Parole a colori
Laboratori Fondazione E-35 (Via Vicedomini, 1)
Tra testimonianza, informazione, denuncia e commento satirico: una lezione-conversazione per approfondire il rapporto tra testo e immagine nel racconto della realtà realizzato attraverso le vignette.
Con Fabio Magnasciutti, illustratore e vignettista

Ore 14:30 | Per parlare di persone ferite
Un caffè con… –
Piazza San Prospero
Insieme a Marta Serafini, giornalista Il Corriere della Sera e Michela Paschetto, direttrice professioni infermieristiche e sanitarie EMERGENCY

Ore 15:00 | Alla ricerca del futuro
EDU-LAB – Cortile della Biblioteca Panizzi
Un laboratorio per condividere pensieri, esplorare punti di vista differenti e creare un confronto reciproco su sostenibilità e diritti umani. Con cartelloni e pennarelli si sperimenterà l’apertura al dialogo per proporre idee per un futuro più giusto e più sostenibile. 
In collaborazione con EDUIREN
Dai 15 anni

Ore 15:00 | SCONOSCIUTI PURI (1h33min)
Luci sulle persone
Teatro San Prospero
di Valentina Cicogna e Mattia Colombo (Italia, 2023)
Versione originale italiana
Ogni notte nella sala autopsie della dottoressa Cristina Cattaneo arrivano corpi senza nome. Lei li chiama Sconosciuti puri. Gli Sconosciuti puri appartengono spesso ai margini della società. Sono senzatetto, prostitute, adolescenti in fuga. Ultimamente sono soprattutto migranti, respinti dal Mar Mediterraneo sulle coste italiane. Se tutti i diritti appartengono ai vivi, nulla è lasciato ai morti.

Ore 15:00 | Raccontare Gaza
Storie di persone e di cose, spiegate bene – Cortile Università (Viale A. Allegri, 15)
Come vivono, come resistono, le persone che abitano a Gaza? Come si racconta quello che sta succedendo nella striscia di Gaza? Come si racconta la guerra, questa specifica guerra e come si riescono a trovare le parole, i pensieri e i modi per fare giornalismo di guerra? Un dialogo con una giornalista che riesce a dare voce alle storie e alle persone.
Con Luca Misculin, giornalista Il Post e Youmna El Sayed, giornalista e già corrispondente Al Jazeera English da Gaza
In collaborazione con Il Post

Ore 15:15 | La rivoluzione è delle persone?
Domande per pensare Piazza Casotti
È possibile educare e sensibilizzare le persone all’impegno per il cambiamento? Le nuove generazioni attive nella costruzione di pratiche di lotta e partecipazione collettiva ci insegnano che si può e si deve farlo: per migliorare le vite – presenti e future – delle comunità e degli individui.
Con Vanessa Roghi, storica e autrice

Ore 16:15 | Criminalità e reati, numeri reali e percezione
Storie di persone e di cose, spiegate bene
– Cortile Università (Viale A. Allegri, 15)
La narrazione dei media racconta spesso di città fuori controllo, ma i dati certificano una diminuzione costante di molti reati, soprattutto di quelli più gravi. Tra realtà e percezione, l’Italia è davvero un paese così insicuro?
Con Stefano Nazzi, giornalista Il Post
In collaborazione con Il Post

Ore 16:30 | La salute è ancora un diritto? 
Domande per pensare
Piazza Casotti
Tra privatizzazioni e regionalizzazioni, il diritto alla salute nel nostro Paese è spesso un privilegio per pochi. Con la giornalista scientifica Silvia Bencivelli ripercorriamo l’evoluzione del Servizio Sanitario Nazionale, tra liste d’attesa, livelli di cura, costi economici e sociali, disparità territoriali, accessi e assistenza negata.
Con Silvia Bencivelli, giornalista scientifica

Ore 17:30 | SERMONE AL MIO CELESTE POLLAIO
Dialoghi
Piazza Prampolini
“Ho qui composto versi miei nei quali meglio riconosco lo sconvolgimento attuale: innamoramento ira vergogna pietà caduta della speranza bagliori di speranza esortazioni tristezze, tutto insieme senza virgole perché così lo stiamo vivendo. Amore per la specie. Odio per la specie. Benedizione e maledizione”. L’immagine di un celeste pollaio tiene insieme la piccolezza di noi tutti, l’idiozia, la tenerezza e tutto il cielo.
Rito sonoro di e con Mariangela Gualtieri, poetessa e scrittrice
Con la guida di Cesare Ronconi
Incontro con traduzione simultanea in LIS

Ore 19:00 | 2014-2024: 100 di questi 30!
EMERGENCY (Hi)stories – Piazza Prampolini
Questo decennio vede una serie di drammatici eventi scatenarsi uno dopo l’altro: l’inizio della crisi ucraina e l’invasione russa, il ritiro internazionale dall’Afghanistan e la presa del potere dei talebani, la pandemia, il riacuirsi del conflitto israelo-palestinese. E poi, le guerre in Etiopia e Sudan, che quasi mai guadagnano le prime pagine dei giornali e poco toccano l’opinione pubblica. Ancora 10 anni di grandi e drammatici eventi, 10 anni di piccoli e grandi interventi di EMERGENCY, fino a oggi.
Con Francesco Strazzari, professore di Relazioni Internazionali Scuola Universitaria Sant’Anna; Lotfullah Najafizada, fondatore e amministratore delegato Amu TV; Laura Salvinelli, fotogiornalista; Daniele Giacomini, direttore Area Emergenza e Sviluppo EMERGENCY; Rossella Miccio, presidente EMERGENCY
Con la partecipazione straordinaria di Davide Toffolo, fumettista e cantante dei Tre Allegri Ragazzi Morti
Incontro con traduzione simultanea in LIS

Il Festival di EMERGENCY:
tre giorni di pace, diritti, cultura. Ogni anno a Reggio Emilia.

Ogni anno dal 2021, il Festival di EMERGENCY riunisce giornalisti, filosofi, scrittori, rappresentanti di EMERGENCY e voci della contemporaneità per dare vita a una tre giorni di incontri e dibattiti. Obiettivo: dare vita a una riflessione collettiva sui temi della pace e della pratica dei diritti umani e per offrire chiavi di lettura – e di azione – per costruire un mondo migliore.

Il Festival di EMERGENCY si svolge ogni anno a Reggio Emilia, a inizio settembre. Scopri “Le persone”, l’edizione 2024 >>

Diventa parte attiva del Festival di EMERGENCY: cerchiamo volontari e volontarie

Il Festival di EMERGENCY è reso possibile anche dalle tante persone che, ogni anno, scelgono di dedicare il loro tempo e le loro capacità contribuendo alla realizzazione e allo svolgimento dell’evento. Vuoi impegnarti anche tu in prima persona? Usa il bottone qui sotto o questo link e compila il form di candidatura: ti ricontatteremo presto con tutte le informazioni per entrare a far parte del Festival. Grazie! Ti aspettiamo.

Istantanee dal Festival

L’edizione 2024: Le persone

6, 7, 8 settembre 2024, Reggio Emilia

Cosa unisce una persona a un’altra? Cosa ci divide? Qual è il momento in cui ci sentiamo parte di una comunità? E quando una comunità è capace di generare cambiamento? 

Le sfide globali e le contraddizioni epocali che viviamo oggi possono dividerci oppure spingerci a maturare la consapevolezza dell’appartenenza a un’umanità comune, ripartendo da un impegno individuale e collettivo positivi per immaginare e costruire una società più equa e giusta.

Il nostro impegno di 30 anni di attività umanitaria ha sempre messo al centro le persone, il primo e l’ultimo senso del nostro lavoro, scintilla iniziale e scopo finale: ogni nostra azione è mirata a garantire i diritti di ognuno, senza discriminazioni.

Che sia in un Paese in guerra, nelle campagne del sud Italia o nel Mar Mediterraneo, ogni nostro gesto nasce da un tentativo di empatia: sentire con l’altro, riconoscersi nell’altro e nei suoi bisogni.

Una persona alla volta, proviamo a fare la nostra parte per costruire un mondo più giusto.

“Non arrenderti all’ingiustizia, osserva, vivi, fai domande, immagina alternative, trova la tua voce, inizia ad agire per un mondo diverso.”: ripartiamo da qui, individualmente e come collettività.

Ci vediamo a Reggio Emilia, dall’6 al 8 settembre 2024, per la quarta edizione del Festival di EMERGENCY! .

RIVEDI LE EDIZIONI PASSATE

2023: IL CONFINE

Quale significato diamo al concetto di confine? Quando e in che modo dei parametri fissati dall’immaginario popolare e politico si rivelano causa di sofferenza e ingiustizia nella nostra società? Come si rapportano le nostre società nei confronti di chi cerca di superare confini?

2022: LA SCELTA

Perché scegliamo la guerra come strumento di risoluzione delle controversie? Perché scegliamo di non proteggere noi e il nostro futuro? Queste domande sono state il punto di partenza della seconda edizione del nostro Festival. Per ricordare che, in fondo, è sempre una questione di scelte.

2021: LA CURA

Salute, uguale e diseguale, ma anche guerra – con l’analisi e le testimonianze della crisi in Afghanistan, migrazioni, lavoro, scienza, ambiente. La cura come diritto e valore fondamentale per ricostruire il senso del vivere comune: è stato questo il filo conduttore del Festival 2021.

“Quasi Festival”, incontri e racconti aspettando il Festival di EMERGENCY
Giugno 2024

Anticipazione del Festival di settembre, “Quasi Festival” è un ciclo di incontri – sempre a Reggio Emilia – per approfondire, insieme a esperti e allo staff di EMERGENCY, diversi aspetti più o meno conosciuti del nostro lavoro.

Tutti gli appuntamenti di “Quasi Festival” sono a ingresso libero fino a esaurimento posti.

DIGITAL FREAKS MEETS EMERGENCY

In collaborazione con Laboratorio Aperto e Digital Freaks

Mercoledì 26 giugno ore 19:30 (durata: 1 ora)
Chiostri di San Pietro di Reggio Emilia
“C’eravamo tanto odiati” – Rapporto tra digital e hate speech
Dai giornali ai social, dal web alle campagne pubblicitarie, le immagini, i simboli e le parole risultano l’elemento fondante nella definizione del livello di inclusione della nostra società. Alcune prospettive di riflessione sul rapporto tra mondo digitale e discorsi d’odio.
Con Jonathan Bazzi, scrittore e Paola Feo, responsabile Coordinamento Volontari di EMERGENCY.
A seguire, aperitivo in distesa e dj set a cura di Weller Festival.

Eventi passati

Mercoledì 12 giugno ore 19:30 (durata: 1 ora)
Chiostri di San Pietro di Reggio Emilia
La comunicazione digitale di EMERGENCY
Sfide e prospettive sul lavoro del team digital di una ONG.
Q&A con Emanuele Rossini, Coordinatore Area Digital di EMERGENCY. A seguire aperitivo in distesa e dj set.

 

Diventa partner del Festival di EMERGENCY

Diventare amici e partner è un’opportunità per sostenere EMERGENCY e legare la tua azienda e il tuo brand a un evento di respiro nazionale, in cui ospiti autorevoli sviluppano il dibattito su tematiche importanti che riguardano la nostra società: diritto alle cure, guerra e migrazioni.

Hai un’attività commerciale e vorresti contribuire alla promozione dell’evento? Scopri come scrivendoci a eventi@emergency.it.

Hai un’azienda e vorresti diventasse partner del Festival? Non perdere l’opportunità di sostenere EMERGENCY e legare il tuo brand a un evento di respiro nazionale, scrivi ad aziende@emergency.it.

EMERGENCY si impegna a rendere il proprio Festival accessibile a tuttisostenibile.