Medicina e diritti umani

Eguaglianza, qualità, responsabilità sociale: nel "Manifesto per una medicina basata sui diritti umani" abbiamo espresso i principi che devono fondare i sistemi sanitari.

«Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti». Riconoscere questo principio «costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo».

Dichiarazione universale dei diritti umani, Parigi, 10 dicembre 1948, Art.1 e Preambolo

Crediamo che essere curati sia un diritto fondamentale e che, come tale, debba essere riconosciuto ad ogni individuo. Perché le cure siano veramente accessibili, devono essere completamente gratuite; perché siano efficaci, devono essere di alta qualità.

Per questo, vogliamo – e mettiamo in pratica ogni giorno – una sanità fondata sui principi di:

Eguaglianza

Ogni essere umano ha diritto a essere curato, senza discriminazioni, con le migliori cure possibili.

Qualità

I sistemi sanitari devono essere di alta qualità e basati sui bisogni di tutti, non su quelli di pochi.

Responsabilità sociale

I governi devono considerare come prioritari la salute e il benessere dei propri cittadini e le cure devono essere gratuite e accessibili per chiunque ne abbia bisogno.

È il Modello EQS (Equality, Quality, Social Responsibility), che abbiamo proposto nel “Manifesto per una medicina basata sui diritti umani”.

DICHIARIAMO il «Diritto ad essere curato» come un diritto fondamentale e inalienabile appartenente a ciascun membro della famiglia umana.

dal Manifesto per una medicina basata sui diritti umani

Per discutere di questo modello, nel maggio 2008 abbiamo riunito sull’isola di San Servolo, nella laguna veneziana, le delegazioni dei ministeri della Sanità di 8 Paesi africani per il seminario “Costruire medicina in Africa”.

Insieme con EMERGENCY, i rappresentanti di Repubblica Centrafricana, Repubblica Democratica del Congo, Egitto, Eritrea, Ruanda, Sierra Leone, Sudan, Uganda hanno discusso di come garantire anche ai cittadini africani il diritto a una sanità gratuita e di alto livello.

Le conclusioni del seminario sono state elaborate nel “Manifesto per una medicina basata sui diritti umani”, nel quale i firmatari riconoscono il «diritto ad essere curati» come un «diritto fondamentale e inalienabile appartenente a ciascun membro della famiglia umana» e chiedono una sanità basata sull’eguaglianza, sulla qualità e sulla responsabilità sociale.

Il “Manifesto per una medicina basata sui diritti umani”

A seguito del seminario internazionale «Costruire medicina in Africa. Principi e Strategie» ospitato presso l’isola di San Servolo, Venezia, Italia, dal 14 al 15 maggio 2008, e in accordo con lo spirito e i principi della Dichiarazione universale dei diritti umani nella quale si afferma che

«Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti» (art.1)
«Ogni individuo ha il diritto… alle cure mediche» (art.25)
«Il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo» (Preambolo)

DICHIARIAMO
il «Diritto ad essere curato» come un diritto fondamentale e inalienabile appartenente a ciascun membro della famiglia umana.

CHIEDIAMO QUINDI
la creazione di sistemi sanitari e progetti dedicati esclusivamente a preservare, allungare e migliorare la vita dei pazienti e basati sui seguenti principi:

Eguaglianza
Ogni essere umano ha diritto a essere curato a prescindere dalla condizione economica e sociale, dal sesso, dall’etnia, dalla lingua, dalla religione e dalle opinioni. Le migliori cure rese possibili dal progresso e dalla scienza medica devono essere fornite equamente e senza discriminazioni a tutti i pazienti.

Qualità
Sistemi sanitari di alta qualità devono essere basati sui bisogni di tutti ed essere adeguati ai progressi della scienza medica. Non possono essere orientati, strutturati o determinati dai gruppi di potere né dalle aziende coinvolte nell’industria della salute.

Responsabilità Sociale
I governi devono considerare come prioritari la salute e il benessere dei propri cittadini, e destinare a questo fine le risorse umane ed economiche necessarie.
I Servizi forniti dai sistemi sanitari nazionali e i progetti umanitari in campo sanitario devono essere gratuiti e accessibili a tutti.

In qualità di Autorità sanitarie e Organizzazioni umanitarie

RICONOSCIAMO
sistemi sanitari e progetti basati sui principi EQS (Eguaglianza, Qualità, Responsabilità Sociale) che rispettino i diritti umani, permettano lo sviluppo della scienza medica e siano efficaci nel promuovere la salute rafforzando e generando risorse umane, scientifiche e materiali.

CI IMPEGNIAMO
a realizzare e sviluppare politiche, sistemi sanitari e progetti basati sui principi EQS; a cooperare tra di noi per identificare bisogni comuni nel settore sanitario e programmare progetti congiunti.

FACCIAMO APPELLO
alle altre Autorità sanitarie e alle organizzazioni umanitarie perché firmino questo Manifesto e si uniscano a noi nel promuovere una medicina basata sui principi EQS; ai donatori e alla comunità internazionale perché sostengano, finanzino e partecipino alla progettazione e alla realizzazione di programmi basati sui principi EQS.

Il Manifesto messo in pratica: l’African Network of Medical Excellence

I principi espressi nel “Manifesto per una medicina basata sui diritti umani” sono stati sviluppati fino alla definizione nel 2010 dell’ANME (African Network of Medical Excellence – Rete sanitaria d’eccellenza in Africa), progetto che coinvolge 11 Paesi nella costruzione di centri medici di eccellenza con l’obbiettivo di rafforzare i sistemi sanitari nel continente.

Sostieni la nostra idea di cura: gratuita, di qualità, per tutti

Con una donazione a favore di EMERGENCY contribuirai a curare chi ne ha bisogno, bene e gratis.

Share This