Afghanistan

Assistenza medica e chirurgica alle vittime di una guerra che dura da ormai più di 40 anni.

7.794.540

Persone curate

1999

Avvio del programma

In più di 40 anni, in Afghanistan la guerra ha causato un milione e mezzo di morti, centinaia di migliaia di feriti e mutilati, oltre quattro milioni di profughi. La guerra iniziata nell’ottobre 2001 continua a ferire, uccidere e distruggere. E sul terreno c’è ancora l’eredità delle guerre precedenti: mine antiuomo e ordigni inesplosi continuano a mutilare bambini e adulti, soprattutto civili.

Negli ultimi mesi, l’annuncio del ritiro delle truppe internazionali dal suolo afgano, in seguito agli accordi di Doha, ha causato un’escalation dei combattimenti. I talebani hanno velocemente ripreso il controllo di molte aree del Paese, fino ad arrivare, a metà agosto 2021, alla capitale Kabul.

In alcuni casi, i combattimenti si sono svolti vicino ai nostri ospedali, fino a costringerci a spostare i nostri pazienti nelle aree più protette e a distribuire volantini per chiedere alle parti di rispettare le nostre strutture e garantirne la sicurezza. Nonostante questo, i nostri ospedali non hanno mai interrotto le attività e continuano a rappresentare un punto di riferimento per la popolazione locale. Stiamo offrendo assistenza, cure gratuite e di qualità alle vittime del conflitto, come abbiamo sempre fatto.

Abbiamo iniziato a lavorare in Afghanistan nel 1999. Da allora abbiamo curato più di sette milioni di persone: in un Paese di poco più di 30 milioni di abitanti, possiamo dire che una persona su 6 ha ricevuto il nostro aiuto.

Afghanistan20

Il racconto dalla parte delle vittime di vent’anni di guerra, risultato di una ricerca sul campo condotta tra giugno e luglio 2021 nei nostri tre ospedalia Kabul, Anabah e Lashkar-gah.

Sostieni insieme a noi il popolo afgano

Mai come in questo momento è necessaria la nostra presenza, per curare le ferite di questa guerra senza fine.
Aiutaci a continuare, finché ce ne sarà bisogno.

Share This