1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
 
Dona ora
 
Emergency
Placeholder
 
 

Contenuto della pagina

Diario Afghanistan

 
  1. 31/08/17 | Come racconterei a mio figlio quello che vedo?


    31 agosto - Certe volte sembra il rumore di una porta che sbatte. Però sbatte strana, tant'è che spesso ci guardiamo tutti in silenzio per qualche secondo. Altre volte cascano proprio i calcinacci e i vetri. E lì non ci sono dubbi. Oppure, come ieri, non senti proprio niente. Niente vibrazioni dei vetri, niente botta sorda. Ma quello che viene dopo non cambia [...]

     
  2. 24/08/17 | Non c'è tregua per nessuno in Afghanistan


    28 agosto - Mai, negli ultimi anni, abbiamo ricoverato così tante vittime di guerra a luglio come quest'anno nel Centro chirurgico di Emergency a Lashkar-gah: 223. E questo mese sicuramente non sarà meglio del precedente: stamattina le strade si sono nuovamente trasformate in un campo di battaglia quando un'autobomba è esplosa in città, vicino alla Kabul bank. [...]

     
  3. 18/08/17 | La solidarietà contro la paura, la cultura contro gli estremismi, la pratica dei diritti contro l'odio


    18 agosto - Seguiamo le notizie dalla Spagna e il nostro pensiero va alle donne, uomini e bambini che sono stati feriti e uccisi negli attentati. Nel momento della violenza e della paura, la sindaca di Barcellona, Ada Colau, ha pronunciato parole straordinarie: "Barcellona città di pace [...]"

     
  4. 10/08/17 | Ecco, questa è Kabul...


    10 agosto - "Ciao, come stai? Di solito scrivo poco, ma questa
    sera, dopo l'ennesima esplosione in città, due cose mi hanno colpito. Mentre
    stavamo ricevendo i primi pazienti, un infermiere era al telefono con suo padre
    per sapere dove si trovava e se stava bene: non deve essere facile sentire il
    boato e immaginare che tuo padre, tua sorella, un amico potrebbero essere lì e
    tu potresti non vederli più [...]

     
  5. 10/08/17 | "Un altro pezzo raggiunge gli altri"


    12 agosto - "Il film che si vede da qua è quasi sempre lo stesso. Stessa trama, stessa ambientazione, spesso stesso finale. E stessi protagonisti, soprattutto. La processione di gente che entra in pronto soccorso per poi distribuirsi nei reparti sembra una catena di montaggio impazzita, a tratti frenetica, velocissima, che fai fatica a stargli dietro come Chaplin su Tempi Moderni, per poi rallentare di botto [...]

     
  6. 04/08/17 | Afghanistan: un Paese pacificato?


    4 agosto - Un Paese pacificato? A 16 anni dall'intervento della coalizione internazionale l'Afghanistan è ancora, innegabilmente, un Paese in guerra. Solo nei primi sei mesi dell'anno, secondo i dati delle Nazioni Unite, 5.243 civili sono morti o rimasti feriti. Il 42% di loro sono donne e bambini: colpiti durante gli scontri a fuoco, coinvolti nell'esplosione di ordigni o mine antiuomo, vittime di attentati, la loro sola colpa era di trovarsi al posto sbagliato nel momento sbagliato [...]

     
  7. 19/07/17 | "Come lo chiamereste voi Gulbudin?"


    19 luglio - "Avrà 28-30 anni al massimo, neanche lui sa dirtelo se glielo chiedi, credo lavori qui da sempre, la sua ID card reca il numero "137" se non sbaglio, praticamente il 137esimo assunto da EMERGENCY a Lashkar-gah. Uno di quelli che vorresti sempre in turno, uno di quelli che quando ti chiedono le ferie ti viene male, che vorresti dirgli "ma ce devi proprio andare in ferie?" Sa tutto dell'ospedale, anche la fornace che ha fatto i mattoni per costruirlo [...]

     
  8. 12/07/17 | Replica agli argomenti dell'Espresso


    12 luglio - Nonostante
    pretenda di essere informato, l'articolo pubblicato da L'Espresso sulla nomina
    della nuova Presidente di Emergency e subito ripreso da altre testate è basato
    su informazioni false. L'avvicendamento delle cariche all'interno di
    un'associazione è sempre un momento difficile, ma le motivazioni sono molto
    chiare: non ci sono divergenze sulle
    idee e i valori fondanti di Emergency, ma diverse visioni organizzative e
    gestionali [...]

     
  9. 12/07/17 | Curare chi ne ha bisogno e promuovere una cultura di pace: questa è Emergency


    12 luglio - Quando sono arrivata, nel 2000, Emergency era una piccola associazione che già allora aveva progetti straordinari. Oggi, 17 anni dopo, nei nostri ospedali in giro per il mondo siamo arrivati a curare oltre 8 milioni di persone. In questi anni ho avuto il privilegio di poter lavorare per far crescere i nostri progetti per i feriti di guerra in Afghanistan, per costruire il primo Centro di cardiochirurgia gratuito in Sudan, per aprire l'unica terapia intensiva per i malati di Ebola in Sierra Leone sempre seguendo un'idea: [...]

     
  10. 28/06/17 | "Venite quaggiù"


    28 giugno - E veniteci allora. Gente comune, curiosi, religiosi e non, chi parla di "migranti comuni ed economici", semplici cittadini, chi dice "non sono razzista ma..", politici televisivi e gente interessata davvero agli altri. Venite tutti, vi prego. Venite in Afghanistan. Venite a vedere Lashkar-gah. No, non è difficile, qualche ora d'aereo, neanche molto. [...]

     
  11. 24/06/17 | Stefano Rodotà: ieri Emergency ha perso un grande amico


    24 giugno - Ieri Emergency ha perso un grande amico, Stefano Rodotà. Ha dedicato la sua vita al diritto, alla libertà e alla giustizia, mettendo la sua intelligenza e la sua umanità a disposizione dei più vulnerabili. Il suo impegno per i diritti e per la pace è l'eredità che facciamo nostra. Ciao Stefano.

     
  12. 03/06/17 | A tre giorni dall'attentato del quartiere diplomatico, ancora morti a Kabul.


    3 giugno - Kabul. Oggi, durante i funerali del figlio del senatore Ezadyar, ucciso durante le manifestazioni di protesta di ieri, ci sono state 3 esplosioni.I media locali parlano di 19 morti, i feriti sono decine. Sedici dei feriti sono stati portati al nostro ospedale dove da tre giorni le sale operatorie continuano a lavorare senza fermarsi mai [...]

     
  13. 31/05/17 | Autobomba a Kabul: 69 feriti ricoverati al Centro Chirurgico di Emergency


    31 maggio  - Questa mattina, alle 8:30, Kabul è stata colpita dall'ennesimo attentato: l'esplosione di un'autobomba, in un orario in cui le strade sono molto affollate, ha provocato decine di morti e centinaia di feriti nel distretto Wazir Akbar Khan, la zona delle ambasciate. [...]

     
  14. 30/03/17 | Esami passati a pieni voti


    Ecco i "nostri" specializzandi afgani: hanno sostenuto la prima parte dell'esame di fine anno e sono andati tutti benissimo [...]

     
  15. 10/02/17 | Gino Strada e Renzo Piano posano la prima pietra del nuovo Centro di eccellenza in chirurgia pediatrica in Uganda


    10 febbraio  - Oggi a Entebbe, Gino Strada e Renzo Piano hanno
    posato la prima pietra del nostro nuovo progetto in Uganda: un Centro di
    eccellenza in chirurgia pediatrica che sorgerà sul Lago Vittoria, a 35 km dalla capitale Kampala [...]

     
  16. 03/02/17 | Discorso di accettazione del Premio "Sunhak Peace" da parte del dottor Gino Strada


    3 febbraio - Oggi a Seul, in Corea del sud, Gino Strada, chirurgo e cofondatore di EMERGENCY, ha ricevuto il Premio "Sunhak Peace", assegnato ogni anno a individui e organizzazioni che si sono distinti per l'importante contributo alla pace e allo sviluppo umano. Il premio "Sunhak Peace" 2017 vuole contribuire alla ricerca di una  [...].

     
  17. 05/01/17 | Noor-zia vuole fare l'infermiera


    5 gennaio - "Vorrei fare l'infermiera. Ho anche già imparato a scuola qualche parola di inglese", Noor-zia adesso ha 22 anni e vive in un villaggio [...].

     
  18. 20/12/16 | In questo terribile anno rinnoviamo il nostro impegno di sempre: prenderci cura delle vittime di guerra e violenze


    20 dicembre - Sta per chiudersi un anno terribile. I morti di Berlino, Bruxelles, Istanbul, Nizza si sono aggiunti al disgraziato elenco di vittime degli ultimi quindici anni di guerra. Non troppo distanti da noi, gli abitanti di Aleppo sono sotto assedio da mesi, i bambini muoiono di fame. A Mosul si sta consumando un altro massacro [...].

     
  19. 08/12/16 | Il nuovo Centro di maternità di Anabah


    "Che il nuovo Centro che stavamo costruendo sarebbe stato bellissimo, lo sapevamo... ma ora che lo possiamo vedere per davvero [...].

     
  20. 21/11/16 | Attentato a Kabul: 21 feriti portati nel nostro ospedale


    21 novembre - Stamattina un attentato ha colpito la moschea Baqer-ul-uloom, uccidendo almeno 27 persone nella zona di Darul Aman, a Kabul. Secondo la polizia ci sarebbero decine di feriti, 21 sono stati già portati all'ospedale di Emergency in città, due sono morti all'arrivo. Siamo pronti per ricevere i feriti che stanno ancora arrivando. I fedeli erano riuniti per celebrare Arbaeen [...].

     
  21. 27/10/16 | Anche noi abbiamo vinto un oro


    23 ottobre - Quella che vedete nella foto è la Medaglia d'oro al merito della sanità pubblica. L'abbiamo ricevuta ieri  [...].

     
  22. 24/10/16 | Bahar ha vissuto l'orrore della guerra ancora prima di venire al mondo


    24 ottobre - Lui è Bahar, "primavera" in afgano, un nome che richiama immagini di rinascita e di vita. Proprio come la storia di questo bambino che ha vissuto l'orrore della guerra ancor prima di venire al mondo. Sua madre, Engila, è rimasta ferita dall'esplosione di un razzo mentre era incinta. Era a casa quando ha sentito il rumore [...].

     
  23. 19/10/16 | Dichiarazione comune delle ONG prima del Consiglio Europeo del 20-21 ottobre 2016


    19 ottobre 2016 - Al prossimo Consiglio Europeo del 20-21 ottobre, i leader dell'Unione Europea (UE) discuteranno i recenti sviluppi e l'avanzamento della strategia dell'UE in materia di migrazione. Ciò avviene in un momento in cui l'UE negozia il bilancio per il 2017 e intraprende la discussione sulla Relazione di metà mandato nell'ambito del Quadro finanziario pluriennale (QFP) e sul prossimo Consenso europeo per lo sviluppo [...]

     
  24. 14/10/16 | Chi può sta fuggendo da Lashkargah


    14 ottobre - Chi può sta fuggendo da Lashkargah e si sta dirigendo verso Kandahar alla ricerca di un luogo sicuro, lontano dai combattimenti. Anche alcuni colleghi locali stanno lasciando la città per mettere in salvo la propria famiglia. Il nostro Centro chirurgico continua a lavorare, anche in queste ore difficilissime, per garantire le cure necessarie alle vittime della guerra. [...]

     
  25. 14/10/16 | Quando arriva un razzo lo senti subito


    14 ottobre - "Anche oggi i combattimenti proseguono vicino a Lashkar-gah. I pazienti continuano ad arrivare, segno che hanno riaperto le strade per permettere il trasporto dei feriti. Al nostro ospedale ne sono già arrivati 9, di cui 5 in gravi condizioni. Chi può sta fuggendo e si sta dirigendo verso Kandahar alla ricerca di un luogo sicuro. [...]"

     
  26. 12/10/16 | È ancora guerra a Lashkargah e Kabul


    12 ottobre - Oggi a Lashkargah è ancora guerra: 5 razzi hanno colpito la città e i feriti continuano ad arrivare al nostro ospedale. Ieri a Kabul, dopo l'attacco alla moschea sciita, abbiamo ammesso 18 feriti nel nostro Centro chirurgico. 15 sono stati ricoverati, 2 medicati e dimessi, uno era morto all'arrivo. Quattro pazienti hanno tra i 13 e i 16 anni. [...]

     
  27. 11/10/16 | AFGHANWAR: si continua a combattere in Helmand


    11 ottobre - Si continua a combattere in Helmand e il nostro Centro chirurgico di Lashkar-gah continua a ricevere feriti. Solo nelle ultime 24 ore i nostri chirurghi hanno eseguito 43 operazioni. 283 dall'inizio di ottobre. Ci scrive Vesna, coordinatrice dell'ospedale: "I combattimenti più pesanti sono a Babaji, poco lontano da Lashkar-gah. Stamattina ci hanno informato che sarebbe arrivati dei feriti [...]

     
  28. 07/10/16 | 15 anni di guerra in Afghanistan? Ecco il risultato.


    7 ottobre - 7 ottobre 2001, inizia l'intervento militare occidentale in Afghanistan, con l'obiettivo di "sconfiggere il terrorismo, portare pace e democrazia". Come va la guerra, quindici anni dopo? Qualche numero può servire a tirare un bilancio. Secondo le Nazioni Unite, i primi sei mesi del 2016 hanno segnato il record di vittime civili, mai così tante da quando hanno cominciato a contarle in maniera sistematica, nel 2009. [...]

     
  29. 09/09/16 | Da 15 anni ogni giorno in Afghanistan


    9 settembre - Lunedì ci chiama Dejan. Racconta delle due bombe esplose vicino al ministero della Difesa, della corsa dello staff per la mass casualty, dei 24 pazienti arrivati al nostro ospedale, dei 4 che non ce l'hanno fatta. La mattina dopo lo staff del Centro chirurgico si è svegliato con i vetri delle finestre che tremavano: una nuova esplosione, questa volta più vicina. Un'autobomba ha colpito alcuni edifici governativi [...]

     
  30. 26/08/16 | Ho pensato: "Questi sono i miei ultimi momenti"


    26 agosto - Una sirena poi un'altra, un elicottero poi un altro, vanno tutti nella stessa direzione: che cos'è successo? Gli internazionali di Emergency si danno un'occhiata, aspettano la chiamata che arriva dopo un paio di minuti: "Un attacco a un ospedale o una scuola, non è chiaro, ma stiamo pronti". È quasi ora di cena, siamo rientrati da poco dall'ospedale, qualcuno ha avuto il tempo di farsi una doccia [...]

     
  31. 25/08/16 | La guerra è una giornata di lezioni che finisce in sala operatoria.


    25 agosto - Un pomeriggio di lezioni all'American University di Kabul. All'improvviso uomini armati fanno irruzione nell'ateneo, cercano di entrare nelle aule, urlano, sparano. Centinaia gli studenti intrappolati, qualcuno si nasconde, molti riescono a scappare, anche buttandosi dalle finestre. Al nostro ospedale sono stati portati 24 feriti, di cui 19 sono stati ammessi. [...]

     
  32. 18/08/16 | Combattimenti in Helmand, 30.000 persone in fuga dai villaggi


    18 agosto - L'Helmand, la provincia più vasta dell'Afghanistan, è da decenni una delle aree più martoriate dai combattimenti. Nonostante i conflitti continui la popolazione ha sempre vissuto, spesso sopravvissuto, nella propria terra. Tanti hanno sopportato fino all'estremo, ma quando un loro caro è stato colpito o loro stessi sono stati vicini a esserlo, hanno capito che era il segnale [...]

     
  33. 18/08/16 | A Lashkar-gah, una continua successione di pazienti in arrivo


    18 agosto - Quattro bambine, un ragazzino e una donna. L'uomo che li accompagna racconta che la loro casa è stata colpita durante un bombardamento, probabilmente un tentativo di allontanare i talebani che ormai da giorni stanno cercando di raggiungere la città. Seduti sulle panchine appena fuori dal pronto soccorso, un altro bambino e un neonato, sporchi della polvere in cui la loro casa si è trasformata [...]

     
  34. 14/08/16 | "Grazie. Non sapevamo dove altro andare"


    14 agosto - Shah Mohammad, 60 anni, contadino, è stato ricoverato per ferite alla mano, alla spalla e alla gamba procurate da un razzo caduto sulla sua casa. È stato colpito durante la controffensiva lanciata dalle forze afgane contro i talebani a Chah-e-Anjeer, un villaggio di poche centinaia di famiglie nella regione di Helmand, nel sud dell'Afghanistan. È potuto arrivare [...]

     
  35. 11/08/16 | Lashkar-gah, combattimenti alle porte della città


    11 agosto - A Lashkar-gah, nel sudovest dell'Afghanistan, la guerra continua a fare vittime. Oltre ai bombardamenti, si combatte a pochi chilometri dalla città, ormai completamente circondata dalle milizie talebane. La posizione dell'ospedale è stata notificata a tutti i belligeranti chiedendo rispetto per la struttura, per i pazienti, per il personale. Le sale operatorie continuano a lavorare [...]

     
  36. 05/08/16 | Aperto il nuovo Posto di primo soccorso a Shoraki


    4 agosto - «Quando vedo sul display del telefono il numero del nostro "Field Officer", mi preparo sempre al peggio... solitamente, quando chiama è per informarci dell'arrivo di feriti o di problemi nei Posti di primo soccorso (FAP)» ci scrive Giorgia, infermiera in Afghanistan. «Questa volta però sono stata felice di ricevere quella telefonata, che con voce gioiosa ci confermava che, come previsto, il nuovo FAP di Shoraki aveva iniziato le attività» [...]

     
  37. 29/07/16 | "HELMAND GLOBETROTTERS"


    29 luglio - Aziz e Nabi sono due dei nostri tostissimi colleghi afgani che in questi giorni stanno seguendo l'avvio del nuovo Posto di primo soccorso a Shoraki. L'ambulanza che vedete nella foto, che ora sta facendo avanti e indietro piena dei farmaci che riforniranno Shoraki, presto servirà per trasportare i feriti più gravi al nostro Centro chirurgico a Lashkar-gah. L'Helmand è la provincia dell'Afghanistan in cui i combattimenti sono più intensi [...]

     
  38. 25/07/16 | Domande a cui non sai come rispondere


    25 luglio - La guerra è essere in casa con la tua famiglia quando all'improvviso ti piomba addosso un razzo, sparato da non si sa chi, sparato per non si sa quale motivo. La guerra è una madre che rimane a casa con le due figlie che non ce l'hanno fatta, mentre il resto della famiglia viene trasportato di corsa in ospedale. #laguerraè una bambina di 9 anni che fa domande a cui non sai come rispondere. La bambina si chiama Madina. [...]

     
  39. 20/06/16 | Provate a immaginare di dover fuggire


    20 giugno - Nel 2015 nel mondo i rifugiati‬ sono stati 65,3 milioni. Non è facile immaginare, ma provate adesso, all'improvviso, a dover prendere con voi l'essenziale, radunare la vostra famiglia e fuggire, senza sapere dove, alla ricerca di un luogo sicuro. "Il primo giorno di attacco con la mia famiglia e quella di mio fratello siamo scappati. Mentre andavamo da Sinjar al Kurdistan siamo stati attaccati [...].

     
  40. 25/05/16 | Canali di accesso legali e sicuri subito


    25 maggio - Un altro naufragio. Stavolta a bordo dell'imbarcazione che è affondata a largo delle coste libiche c'erano oltre 500 persone, al momento sono 7 le morti accertate e si cercano ancora i dispersi. I migranti che cercano di raggiungere l'Europa, via terra e via mare, sono vittime due volte: prima della guerra e della povertà che li costringono a fuggire dai loro paesi, poi delle politiche europee [...].

     
  41. 06/05/16 | Per tutte le mamme


    Le immagini della guerra in Afghanistan non entrano più nelle nostre case da molto tempo, anche se la guerra prosegue tutti i giorni e continua a mietere le sue vittime, in gran parte civili.  Kabir, 5 anni, è ricoverato nell'ospedale di Emergency a Kabul perché ha perso entrambe le gambe nell'esplosione di una mina antiuomo. Il padre di Kabir rimane al suo fianco 24 ore al giorno per accudirlo. Ci racconta [...]

     
  42. 29/04/16 | VIDEO: nell'ospedale di Emergency a Kabul


    Le immagini della guerra in Afghanistan non entrano più nelle nostre case da molto tempo, anche se la guerra prosegue tutti i giorni e continua a mietere le sue vittime, in gran parte civili.  Kabir, 5 anni, è ricoverato nell'ospedale di Emergency a Kabul perché ha perso entrambe le gambe nell'esplosione di una mina antiuomo. Il padre di Kabir rimane al suo fianco 24 ore al giorno per accudirlo. Ci racconta [...]

     
  43. 19/04/16 | Attentato a Kabul: 22 feriti portati nel nostro ospedale


    Sono 22 i feriti arrivati oggi all'ospedale di Emergency di Kabul in seguito all'attentato a un compound delle forze di sicurezza afgane (NDS). 4 sono in condizioni molto gravi. "Il compound si trova a pochi isolati dall'ospedale di Emergency e l'esplosione, poco prima delle 9 ore locali, è stata così potente che ha fatto tremare i vetri dell'ospedale. Nel compound stanno combattendo", dice Luca Radaelli [...]

     
  44. 19/04/16 | Nuova esplosione a Kabul


    19 aprile 2016 - L'esplosione, poco prima delle 9 ora locale, è stata così
    potente da far tremare anche i vetri del nostro ospedale, situato a pochi
    isolati dal compound delle forze di sicurezza afgane (NDS) dove è avvenuto
    dell'attentato. I combattimenti successivi sono durati diverse ore. Si parla di circa 30 morti e di centinaia di feriti. Al nostro Centro chirurgico abbiamo ricevuto 24 feriti, di cui 4 gravi con ferite multiple a torace e addome  [...]

     
  45. 21/03/16 | Emergency sull'accordo migranti


    L'accordo tra Unione Europea e Turchia denuncia la totale inadeguatezza dei leader europei ad affrontare la crisi umanitaria dei migranti. Le decisioni della UE sono il frutto della preoccupazione di difendere le proprie frontiere invece di garantire protezione a chi scappa dalla guerra e dalla disperazione. Con questa contabilità degli ingressi si negherà il diritto di cercare rifugio e protezione a chi ne ha bisogno, impedendo di fatto la possibilità [...]

     
  46. 09/03/16 | 16 pazienti ricoverati a Lashkar-gah


    «Ancora una volta, ci troviamo a raccontare dell'ennesimo fine settimana di sangue in Afghanistan. Domenica sera, Lashkar-gah, sud del Paese. Dieci feriti, di cui quattro in condizioni particolarmente gravi, vengono portati al nostro ospedale. Tutti vittime dell'esplosione accidentale di un ordigno artigianale che - dopo essere stato trovato - veniva trasportato in un luogo isolato per essere fatto brillare in sicurezza. [...]»

     
  47. 08/03/16 | Emergency sulla situazione in Libia


    8 marzo - Emergency è preoccupata dal deteriorarsi della situazione in Libia e dal susseguirsi di notizie incerte in merito a un possibile intervento militare. Si rischia di ripetere l'errore del 2011, con la guerra contro Gheddafi, che ha innescato una spirale di violenza che ha travolto la Libia e destabilizzato tutta l'area. Un ulteriore intervento armato non farebbe altro che contribuire al caos libico, mettendo a rischio anche il nostro Paese [...].

     
  48. 01/03/16 | Più di 200 pazienti nel solo mese di febbraio


    Ancora una volta, ci troviamo a raccontare dell'ennesimo fine settimana di sangue in Afghanistan. Domenica sera, Lashkar-gah, sud del Paese. Dieci feriti, di cui quattro in condizioni particolarmente gravi, vengono portati al nostro ospedale. Tutti vittime dell'esplosione accidentale di un ordigno artigianale che - dopo essere stato trovato - veniva trasportato in un luogo isolato per essere fatto brillare in sicurezza. [...]»

     
  49. 16/02/16 | Chi è ricoverato in ospedale ha bisogno di cure, non di bombe


    Gli ospedali, invece, sono diventati ancora una volta un obiettivo dei combattimenti. Bombardare gli ospedali è un atto di violenza inaccettabile: gli ospedali devono garantire cure ai feriti e devono essere rispettati da tutte le parti coinvolte in un conflitto.
    Lo stabiliscono le Convenzioni di Ginevra, lo pretende l'etica medica, deve reclamarlo la nostra umanità.

     
  50. 29/01/16 | Lo sguardo di Parmina


    «Incontro lo sguardo di Parmina, fiero e dignitoso, e intanto ascolto le parole di Sabrina, secche ed essenziali come sempre. "È quattro volte sfortunata", dice parlando della povera bambina di 8 anni, "perché è nata in Afghanistan, perché è nata donna in questa terra, perché è stata colpita da una pallottola vagante sull'uscio della sua casa, mentre giocava con la sorellina, e perché adesso è paraplegica". Mi chiedo che ne sarà di lei, quale futuro [...]»

     
  51. 22/01/16 | Una cosa che sui libri non c'è


    «[...] E volete sapere cosa fa una mina antiuomo a un bambino? Non voglio descrivervi la cinematica di queste lesioni, né il danno prodotto dalla cavitazione dei proiettili su questi teneri tessuti né le terribili mutilazioni causate da questi ordigni. Voglio rispondere così: ai bambini che vedo in ospedale le mine, i proiettili, le schegge hanno sottratto le gambe con cui salire la scaletta dello scivolo, hanno amputato le braccia con cui aggrapparsi all'altalena [...]»

     
  52. 19/01/16 | Lashkar-gah, 18 feriti arrivati al nostro ospedale in due ore


    19 gennaio - Diciotto in due ore: tra le 17 e le 19 di ieri, è a questo ritmo che sono arrivati i feriti al nostro ospedale [...]

     
  53. 05/01/16 | «E nessuno di noi lo accetterebbe mai»


    5 gennaio - «Ieri, ancora una volta, a Kabul ci sono stati due attentati. Due fragorose esplosioni che hanno causato decine di feriti e morti. Si susseguono a un altro attentato avvenuto venerdì scorso, il giorno di Capodanno, che ha causato altrettante vittime. Ma questa non è una novità. Non per noi, non per gli afgani. Tutti i giorni qui si somigliano, si ripetono. Piccoli attentati, clamorose esplosioni, continui combattimenti sono la quotidianità, ormai non fa più notizia. Questa è la vita in Afghanistan.Kabul, Afghanistan. Oggi, in poche ore, sono stati due gli attacchi avvenuti nell'area dell'aeroporto della capitale. Cinque vittime della seconda esplosione, avvenuta nel pomeriggio, sono state portate al nostro ospedale per vittime di guerra, dove lo staff ha attivato il mass casualty plan, il protocollo seguito in caso di afflusso massiccio di pazienti feriti [...]»

     
  54. 04/01/16 | «In Iraq ho concluso il mio 2015 e qui continuerò il mio 2016»


    «Si è appena concluso un anno intenso e pieno. Ho cominciato il 2015 come logista a Lashkar-gah, nel sud dell'Afghanistan. Insieme a tutti i miei colleghi ho passato quel capodanno gestendo una "mass casualty", la tristemente "famosa" strage del matrimonio di Sangin. Solo donne e bambini, circa una cinquantina. Abbiamo lavorato tutta la notte, fin quasi all'alba; e dopo qualche ora [...]»

     
  55. 04/01/16 | Kabul, due attentati in un giorno, cinque feriti portati al nostro ospedale


    4 gennaio - Kabul, Afghanistan. Oggi, in poche ore, sono stati due gli attacchi avvenuti nell'area dell'aeroporto della capitale. Cinque vittime della seconda esplosione, avvenuta nel pomeriggio, sono state portate al nostro ospedale per vittime di guerra, dove lo staff ha attivato il mass casualty plan, il protocollo seguito in caso di afflusso massiccio di pazienti feriti [...]

     
  56. 01/01/16 | Buon anno?


    1 gennaio 2016, Kabul. Attentato suicida vicino a Le Jardin, un ristorante poco lontano dal nostro ospedale frequentato da stranieri: 15 feriti portati all'ospedale di Emergency, un ragazzino di 12 anni morto all'arrivo [...]

     
  57. 30/12/15 | L'anno nuovo, come sarà?


    "Indovinami, indovino, tu che leggi nel destino: l'anno nuovo come sarà? Bello, brutto o metà e metà?". Così scriveva Gianni Rodari, ma l'indovino trova poche certezze nei suoi libroni, perché "per il resto, anche quest'anno, sarà come gli uomini lo faranno". E anche quest'anno Emergency, insieme a voi, cercherà di renderlo un po' più giusto per tutti, portando in giro per il mondo lavoro e formazione, portando cure a chiunque ne abbia bisogno [...]

     
  58. 01/12/15 | GINO STRADA: ABOLIRE LA GUERRA UNICA SPERANZA PER L'UMANITÀ


    «Io sono un chirurgo. Ho visto i feriti (e i morti) di vari conflitti in Asia, Africa, Medio Oriente, America Latina e Europa. Ho operato migliaia di persone, ferite da proiettili, frammenti di bombe o missili. A Quetta, la città pakistana vicina al confine afgano, ho incontrato per la prima volta le vittime delle mine antiuomo. Ho operato molti bambini feriti dalle cosiddette "mine giocattolo" [...]»

     
  59. 25/11/15 | Afghanistan: il nuovo Centro di maternità sarà dedicato a Valeria Solesin


    In questi giorni ci sono arrivate tante donazioni in memoria di Valeria Solesin. D'accordo con la sua famiglia, abbiamo deciso di destinarle alla costruzione del nuovo Centro di maternità di Anabah, in Afghanistan. Il nuovo Centro sarà dedicato a lei.

     
  60. 12/11/15 | Iniziano i lavori di ampliamento del Centro di maternità ad Anabah


    Novembre 2015 - "Abbiamo gettato la prima soletta della nuova maternità" ci scrive Roberto [...]

     
  61. 02/11/15 | «Non sono dei numeri, delle statistiche o degli "effetti collaterali". Sono persone. E come tali dovrebbero essere considerati, sempre»


    2 novembre 2015 - «È qui, a Lashkar-gah, che ho iniziato la mia esperienza con Emergency. Sette anni fa, era dicembre 2008. Come me sono diversi i colleghi infermieri che hanno fatto lo stesso percorso, che hanno vissuto Lashkar-gah allora e che ancora oggi sono qui [...]»

     
  62. 26/10/15 | Terremoto in Afghanistan, nessun danno alle nostre strutture


    26 ottobre 2015 - Nessun danno alle nostre strutture, colleghi e pazienti dei nostri ospedali incolumi: questo per la parte "per fortuna". Ma il potente terremoto che ha scosso l'‪‎Afghanistan‬ - lo abbiamo sentito nei nostri ospedali a Kabul e Anabah - è l'ennesima sciagura per un Paese già dilaniato da una guerra sempre più intensa [...]

     
  63. 25/10/15 | Giuseppe, nato a Kabul in un ospedale di guerra


    25 ottobre 2015 - "...Vi scrivo per comunicarvi che ieri sera è nato un bambino al nostro ospedale di Kabul. La guerra è avere 20 anni, aspettare il tuo [...]"

     
  64. 22/10/15 | Questa è Lashkar-gah a 14 anni dall'inizio della guerra


    22 ottobre 2015 - "Negli ultimi tre giorni, nel nostro ospedale di Lashkar-gah sono arrivati 66 feriti. Vengono dai villaggi intorno alla città, da Babaji e dai distretti vicini, dove si continua a combattere. La corsia pediatrica è piena: bambini con ferite soprattutto da proiettile e da schegge. Mi avvicino a un letto che sembra quasi vuoto: ci dorme una bambina di 3 mesi [...]"

     
  65. 21/10/15 | Violenti combattimenti a Lashkar-gah, Emergency chiede il rispetto dell'ospedale


    21 ottobre 2015 -

    Violenti combattimenti sono in corso alla
    periferia di Lashkar-gah, capitale della provincia di Helmand in Afghanistan.
    Molti civili sono in fuga, le organizzazioni umanitarie stanno abbandonando la
    zona e la città potrebbe trasformarsi in un campo di battaglia. All'ospedale di
    Emergency ogni giorno arrivano decine di feriti. [...].

     
  66. 09/10/15 | "Niente armi". Punto.


    9 ottobre 2015 - «[...] All'ospedale di Emergency la politica è "Niente armi". Punto. È un posto dove vengono salvate vite, ogni ora, ogni giorno. È uno dei posti dove la speranza e il futuro sopravvivono in ‎Afghanistan‬»

     
  67. 07/10/15 | A che cosa sono serviti 14 anni di guerra in Afghanistan?


    7 ottobre 2015 -  A che cosa sono serviti 14 anni di guerra in Afghanistan? Civili uccisi, civili feriti, villaggi distrutti [...]

     
  68. 04/10/15 | AFGHANISTAN: 25 PAZIENTI ARRIVATI DA KUNDUZ ALL'OSPEDALE DI EMERGENCY A KABUL


    4 ottobre 2015 -  All'ospedale di Emergency a Kabul ieri sono arrivati 25 pazienti provenienti dalla città di Kunduz e dall'ospedale di Médecins sans Frontières, bombardato dalla Nato sabato notte.Diciannove sono stati ricoverati, altri 6 sono stati medicati e dimessi. L'ospedale di Emergency a Kabul era già strapieno: negli ultimi 3 giorni erano [...]

     
  69. 03/10/15 | EMERGENCY ESPRIME LA SUA SOLIDARIETÀ A MÉDECINS SANS FRONTIÈRES E CONDANNA L'ATTACCO ALL'OSPEDALE DI KUNDUZ



     
  70. 28/09/15 | "Cosa faremmo se fossero nostri figli?"


    "Di nuovo in ‪Afghanistan‬, uno dei Paesi da cui partono i migranti verso l'Europa, per scappare dalla guerra. Perché qui c'è la guerra anche se ce lo [...]"

     
  71. 21/09/15 | "Un bel posto per mamme e bambini"


    Con circa 500 parti al mese, il nostro Centro di maternità in Afghanistan stava diventando troppo piccolo. Per questo, già da qualche tempo avevamo deciso di ampliare la struttura con un nuovo blocco dotato di due sale parto, due sale operatorie, una terapia intensiva e una sub-intensiva neonatali, una terapia intensiva per le donne che hanno avuto complicazioni durante il parto, un ambulatorio, un reparto di ginecologia, un'area per i follow-up [...]

     
  72. 08/09/15 | Il nuovo Posto di primo soccorso di Hezarak


    Per arrivarci bisogna attraversare le montagne percorrendo una lunga mulattiera, spesso impraticabile d'inverno. Quando neve e fango ricoprono le montagne c'è un unico modo per muoversi nell'area di Hezarak: a piedi [...]

     
  73. 24/08/15 | «È l'umanità la nostra "arma"»


    «Questo paese è pieno di bambini e molti, purtroppo, sono nei nostri ospedali. Vittime innocenti di una guerra che non appartiene loro, ma con la quale sono costretti a vivere e crescere. Stenti a credere a quello che vedi: album da colorare per bambini con in copertina foto di uomini con la pistola e dentro un disegno di un uomo che spara con in braccio un bambino. Qui l'anormale è "normale": i bambini crescono colorando uomini con pistole, in una famiglia con fratelli o sorelle che hanno perso mani o piedi, se non addirittura morti, senza padre o zii, morti anch'essi perché colpiti da proiettili, schegge o saltati su mine. Non è così che dovrebbero essere l'infanzia e l'adolescenza di questi bambini [...]»

     
  74. 22/08/15 | 22 agosto, ancora un attentato:
    questa è Kabul nel  2015


    22 agosto - Chiudiamo la notte con 6 ricoverati, 2 curati in ambulatorio e un morto all'arrivo dall'esplosione di ieri in centro a Kabul, più altre svariate ammissioni dalle province: due bambini di 4 e 5 anni da Ghazni, feriti da schegge; due feriti da pallottola provenienti da Kabul e da Sheikhabad; un ferito da scheggia da Faryab. Per ora, questo mese abbiamo ricoverato 260 pazienti [...]

     
  75. 13/08/15 | Una notte a Kabul


    «"Tranquilli ragazzi, vedrete che arriveranno pochi pazienti, non c'è nessuno in giro per Kabul a quest'ora". 6 agosto. È giovedì notte e siamo tutti fuori dalle nostre stanze, tirati giù dal letto da una fragorosa esplosione a pochi chilometri di distanza. Eravamo andati a dormire da poco, qui il venerdì è il giorno di riposo, l'unico che noi di Emergency abbiamo per recuperare le energie, e come ogni giovedì avevamo passato la serata insieme, per rilassarci un po' e fare quattro chiacchiere [...]»

     
  76. 12/08/15 | «...Ma la guerra non mi ascolta, non si ferma, i feriti continuano ad arrivare»


    Kabul. «Il pomeriggio sta finendo, ma qui le giornate non finiscono col calare del sole, anzi: di notte il lavoro dell'ospedale si intensifica e i pazienti non smettono di arrivare. Chi viene trasportato qui da uno dei nostri Posti di primo soccorso, chi viene ferito in città, chi ha attraversato mezzo Afghanistan in macchina, ferito, per raggiunge il nostro ospedale [...]»

     
  77. 07/08/15 | Esplosione a Kabul, 92 feriti portati al nostro ospedale


    7 agosto - L'esplosione è stata fortissima, ha tremato tutta la città: un camion-bomba è esploso nella notte a Kabul, facendo almeno 8 morti e 400 feriti. Il nostro ospedale sta a circa quattro chilometri di distanza dal luogo dell'attentato, ma sembrava di essere vicinissimi. Poi, pochi minuti dopo, tutti pronti per gestire la mass casualty: 92 dei feriti sono stati portati da noi, 40 di loro sono stati ricoverati [...]

     
  78. 09/07/15 | «Oggi voglio parlarvi dei miei eroi»


    «Vediamo se si riesce a scrivere qualche riga da Lashkar-gah senza necessariamente parlare di morti, di spari, di ferite del corpo e dell'anima - ci scrive Roberto da Lashkar-gah - vediamo se si riesce a "raccontare" senza dover per forza incanalarsi in quella dolorosa monotonia degli accadimenti - guerra, feriti, mass casualty, guerra, feriti, mass casualty... - che caratterizza le giornate di questa regione dell'Afghanistan. [...]» 

     
  79. 06/07/15 | Emergency esprime solidarietà a Msf per l'attacco al Centro di Kunduz, Afghanistan

     
    6 luglio - Emergency esprime la sua solidarietà a Medici Senza Frontiere per l'attacco subito nel Centro traumatologico di Kunduz, in Afghanistan. Gli ospedali sono luoghi di cura che devono poter garantire a tutti i pazienti l'assistenza di cui hanno bisogno senza discriminazioni politiche, religiose ed economiche. Questo è possibile solo se gli ospedali sono riconosciuti da tutte le parti in conflitto come luoghi neutrali e se - come tali - vengono rispettati, come è previsto dal diritto umanitario. Emergency, che lavora in Afghanistan dal 1999, è molto preoccupata dal crescente deterioramento delle condizioni di sicurezza che sta mettendo a rischio anche l'attività degli operatori umanitari, a discapito della popolazione afgana: con l'inevitabile sospensione delle attività di cura nel Centro di Kunduz, saranno ancora una volta soprattutto gli afgani a subire le conseguenze di un altro atto di guerra.

     
  80. 03/07/15 | Specialità di pediatria nell'ospedale di Anabah


    3 luglio - Dopo quelli di ginecologia e chirurgia avviati ormai da anni, in accordo con il ministero della Sanità afgano lo scorso giugno nell'ospedale di Anabah abbiamo iniziato il corso per la specialità in pediatria. La durata del corso è tre anni, nei quali il nostro staff internazionale sarà impegnato nella formazione dei medici locali [...]

     
  81. 02/07/15 | A Kabul, la nuova terapia subintensiva


    «Ora l'ospedale può "respirare" un po': con l'apertura della nuova terapia subintensiva e del nuovo reparto abbiamo 16 posti in più». Michela, la nostra coordinatrice medica a Kabul, ci scrive per aggiornarci sull'ampliamento del Centro chirurgico e per ricordarci l'importanza dei nuovi posti letto: «finalmente abbandoneremo la "laundry room", che nell'ultimo periodo abbiamo dovuto usare troppo spesso come corsia [...] »

     
  82. 30/06/15 | "Come va a Lashkar-gah?" "Al solito... va tutto come al solito"


    30 giugno - «"Come va laggiù?". "Tutto come al solito". Questo è più o meno quello che rispondo a chi da casa mi chiede notizie del posto. Manco da Lashkar-gah, Afghanistan, da tre anni, ed effettivamente va tutto come al solito. Solo che "il solito", a Lashkar-gah, è quello che è successo stamattina. Ore 9.30 (anche qui il "solito" orario) durante il giro dei pazienti, un botto. Trema la terra [...]»

     
  83. 05/06/15 | Una guerra senza fine


    5 giugno - Ancora una volta finisce un mese - maggio - e ancora una volta dobbiamo dare la stessa notizia: le vittime di guerra continuano ad aumentare. Solo a Kabul [...]"

     
  84. 05/06/15 | Il corso di formazione in "Pre-hospital trauma care"


    5 giugno - In Afghanistan, nelle scorse settimane è proseguito il nostro impegno per la formazione specialistica del personale locale. A maggio, in collaborazione con l'Organizzazione mondiale della sanità e il ministero della Sanità afgano, abbiamo formato 75 persone in "Pre-hospital trauma care", cioè nel trattamento a livello territoriale del paziente traumatizzato [...]

     
  85. 14/05/15 | Questa violenza non deve stupire nessuno: sono anni che registriamo un aumento delle vittime di guerra nel Paese


    14 maggio -
    L'attacco al Park Palace di Kabul ha fatto tornare all'attenzione quello che sta succedendo in Afghanistan. Questa violenza non deve stupire nessuno: sono anni che registriamo un aumento delle vittime di guerra nel Paese e che denunciamo quello che vediamo [...]

     
  86. 31/03/15 | L'importanza della formazione


    31 marzo -
     Nel nostro ospedale di Lashkar-gah, Aziz e Hanif - i nostri Field Officer afgani - tengono un corso di formazione per lo staff dei Posti di primo soccorso che gestiamo [...]

     
  87. 26/03/15 | "Anche questa è Emergency e noi siamo sempre più fieri di farne parte"


    26 marzo - 
    Ieri i nostri 14 chirurghi junior afgani hanno svolto l'esame di specialità per i rispettivi anni di corso presso il nostro ospedale a Kabul... tutti promossi con successo! "Anche questa è Emergency e noi siamo sempre più fieri di farne parte" ci ha scritto il nostro staff in ‪Afghanistan‬. Iniziata con il sorriso per questa notizia, la giornata ha però preso ben presto un'altra piega [...]

     
  88. 25/03/15 | Attentato a Kabul, 19 feriti portati al nostro ospedale


    25 marzo -
     In queste ore c'è stato un grave attentato a Kabul. Un'auto è stata fatta esplodere tra il ministero della Difesa e il ministero delle Finanze, vicino al Palazzo presidenziale. Diciannove feriti sono stati portati al nostro ospedale, cinque erano già morti all'arrivo. "La sicurezza in Afghanistan è sempre più fuori controllo: anche a Kabul attentati e scontri a fuoco sono quotidiani [...]"

     
  89. 19/03/15 | Lashkar-gah, ancora mass casualty


    18 marzo -
     «Stamattina, intorno alle 11, una forte esplosione ha letteralmente scosso tutto l'ospedale». Giacomo, logista del nostro ospedale [...]»

     
  90. 11/03/15 | "Sembra sia passata una tempesta, in realtà è solo un'altra giornata in Helmand"


    11 marzo -
     «Ieri sembrava una giornata tutto sommato "tranquilla"», ci scrive Giacomo, il logista del nostro Centro chirurgico a Lashkar-gah«quando verso le 18 abbiamo sentito una forte esplosione non lontana dal nostro ospedale. Poco dopo abbiamo scoperto che era al di là del fiume, nella zona di Bolan. Subito abbiamo attivato [...]»

     
  91. 09/03/15 | Panshir, dopo le valanghe: Haseb, Shahzada, Bilema


    9 marzo -
    A quasi due settimane dalle valanghe che hanno colpito il Panshir facendo più di 200 morti, Lella - la coordinatrice medica del nostro ospedale di Anabah - ci aggiorna sulle condizioni di alcuni dei pazienti che abbiamo ricevuto: "Haseb ha 8 anni e ha perso tutti i parenti più stretti nella tragedia. Ha un piede in condizioni molto gravi per la lunga permanenza nella neve e deve subire [...]"

     
  92. 06/03/15 | Come festeggeremo l'otto marzo


    [...] Zunia, Mariama, M., Fernanda e S. sono alcune delle donne di cui nell'ultimo anno vi abbiamo raccontato le storie. Colleghe, pazienti, madri, future madri... In Afghanistan come in Italia, in Iraq e in Africa, i diritti delle donne ci stanno a cuore ogni giorno. Per questo, quando ci chiedono "come festeggerete l'‪otto marzo?", noi rispondiamo sempre "come tutti gli altri giorni dell'anno": offrendo cure, dignità, diritti, formazione, lavoro, aiuto.

     
  93. 05/03/15 | "Oggi Shokoria verrà dimessa e tornerà finalmente a casa"


    5 marzo -
     "Oggi Shokoria verrà dimessa e tornerà finalmente a casa. Sta bene, sorride e speriamo che il futuro le riservi più serenità e tranquillità" ci aggiorna Giacomo, il nostro logista a Lashkar-gah. La bimba, ferita alla testa da una scheggia, era stata ricoverata due settimane fa nel nostro ospedale per vittime di guerra [...]"

     
  94. 04/03/15 | Panshir, la situazione dopo le valanghe dei giorni scorsi


    4 marzo - 
    "Ieri abbiamo attraversato la Valle del Panshir per avere un'idea chiara di ciò che sta succedendo e dell'entità dei danni" ci scrive Luca, il nostro Coordinatore Medico in Afghanistan. "Come potete vedere dalle foto che vi ho mandato la strada principale è aperta, anche se sono ben evidenti diversi danni sul manto stradale e i segni di numerose slavine e frane rocciose [...]"

     
  95. 28/02/15 | Valanghe in Panshir: tra i feriti ricoverati nel nostro ospedale ad Anabah


    28 febbraio - "La situazione generale dopo la valanga dei giorni scorsi è complicata: molte zone sono inaccessibili via terra, per fortuna ora il tempo è soleggiato e gli elicotteri possono trasportare eventuali sopravvissuti. A ieri il bilancio era di circa 230 morti"
     ci aggiorna Lella, Medical Coordinator del nostro ospedale nella Valle del ‎Panshir‬. "Tra le persone coinvolte nella valanga e portate qui da noi in ospedale [...]"

     
  96. 26/02/15 | Esplosione a Kabul

     
    La mattina dì giovedì 26 febbraio una macchina piena di esplosivo è stata fatta saltare nei pressi della rotonda che si trova di fronte al nostro ospedale per vittime di guerra [...]

     
  97. 26/02/15 | Valanghe in Panshir, il racconto dal nostro ospedale

     
    «Ieri mattina mi hanno avvisato che due dei nostri "staff bus" che trasportano parte del personale locale non sarebbero arrivati da Bazarak e Dara. Inizialmente ho pensato si trattasse di problemi legati alla viabilità perché da due giorni nevicava incessantemente. Ho capito dopo che, durante la notte, una valanga aveva interrotto la strada e colpito dei villaggi [...]»

     
  98. 24/02/15 | "L'altro ieri Shokoria ha ricominciato a mangiare normalmente..."

     
    "L'altro ieri Shokoria ha ricominciato a mangiare normalmente... e ha anche fatto un disastro con gli spinaci!". Giacomo, logista del nostro ospedale a Lashkar-gah, ci aggiorna sulle condizioni  [...]

     
  99. 21/02/15 | Esercitazioni di "Mass Casualty Plan"

     
    Una mass casualty è un afflusso massiccio di molti pazienti in breve tempo, che di solito avviene in seguito a combattimenti, esplosioni, incidenti [...]

     
  100. 18/02/15 | Si combatte nella zona di Sangin

     
    18 febbraio - In questi giorni si combatte nella zona di Sangin, nel sud dell'Afghanistan. Solo ieri nel nostro ospedale di Lashkar-Gah abbiamo ricevuto 17 pazienti - cinque di loro bambini, altri due sono arrivati morti in ospedale. Uno di loro aveva meno di 6 anni, un proiettile l'ha colpito in testa. Oggi si combatte ancora nell'area di Marjia. Si sentono le esplosioni anche dal giardino del nostro ospedale [...]

     
  101. 13/02/15 | Attentato nel distretto di Tagab
    14 feriti portati al nostro ospedale di Kabul

     
    13 febbraio - Quattordici feriti, tra cui un bambino di sei anni, sono stati portati oggi dal distretto di Tagab al nostro ospedale per vittime di guerra a Kabul in seguito a un attentato avvenuto in una moschea. Dopo aver ricevuto le prime cure ed essere stati stabilizzati nel nostro Posto di primo soccorso, i feriti - due di loro gravi - sono [...]

     
  102. 29/12/14 | Il bilancio di tredici anni di guerra

     

    Il 28 dicembre si è conclusa ufficialmente la missione della Nato in Afghanistan. C'è chi trae un bilancio positivo di questi 13 anni di "missione di pace". Il nostro bilancio purtroppo è diverso: in questi anni abbiamo ammesso nei nostri tre ospedali in Afghanistan più di 14 mila feriti da proiettile, più di 7 mila feriti da esplosione e più di 4 mila feriti da mina [...]

     
  103. 17/12/14 | Attentato a una banca di Lashkar-gah, danni all'ospedale di Emergency

     
    17 dicembre - Questa mattina  c'è stato un attentato kamikaze alla Kabul Bank di Lashkar-gah, nel distretto di Helmand: un kamikaze si è fatto esplodere mentre altri tre combattevano con le forze di sicurezza afgane. La banca, dove vengono pagati i salari della polizia locale, era stata già in passato obiettivo di numerosi attentati. Venti feriti sono stati portati [...]

     
  104. 11/12/14 | KABUL: ATTENTATO ALL'ISTITUTO ISTEQAL, 10 FERITI PORTATI ALL'OSPEDALE DI EMERGENCY

     
    11 dicembre - Oggi un attentatore [...]

     
  105. 28/11/14 | Nella Terapia intensiva del nostro ospedale di Kabul: Noor Ali, 7 anni

     
    28 novembre - "Anche ieri un altro attentato a Kabul, che ha causato 5 decessi e decine di feriti [...]"

     
  106. 10/10/14 | Ricordando Hamza

     
    Lo scorso agosto, il nostro collega afgano Hamza Khan è deceduto mentre faceva il suo lavoro: l'ambulanza che stava guidando è rimasta coinvolta in combattimenti nel distretto di Tagab ed è stata colpita. A inizio ottobre, abbiamo ricordato Hamza con una commemorazione nel giardino del nostro Posto di primo soccorso a Poli Sayad, in Afghanistan, che abbiamo appena rinnovato grazie all'aiuto della popolazione locale. Tra le 150 persone [...]

     
  107. 08/10/14 | Esplosione a Lashkar-gah, 22 vittime portate al nostro ospedale

     
    8 ottobre - Questa mattina, alle 11.00 circa, una macchina carica di esplosivo si è diretta contro l'abitazione in cui [...]

     
  108. 07/10/14 | Afghanistan, tredici anni dopo

     
    Il 7 ottobre 2001 iniziava l'ultima guerra in Afghanistan, una guerra cui partecipa anche l'Italia. Sono passati tredici anni e non è ancora finita. Doveva "sconfiggere il terrorismo": eppure il mondo non è più sicuro di allora. Doveva portare "pace, libertà, sicurezza": Emergency, che in Afghanistan lavora dal 1999, ha sempre detto che la guerra non risolve i problemi e anche questa volta è andata così. Basta guardare i nostri registri ospedalieri [...]

     
  109. 16/09/14 | Esplosione in centro a Kabul

     
    16 settembre - "L'esplosione è stata enorme: è risuonata in tutta la città" riportano le fonti di stampa parlando dell'attentato avvenuto questa mattina in pieno centro di Kabul. Anche [...]

     
  110. 04/09/14 | Scontri a Ghazni, 10 feriti portati all'ospedale di Emergency a Kabul, altri in arrivo

     
    4 settembre - A Ghazni, una città a circa 150 km a sud di Kabul, è stata una [...]

     
  111. 01/09/14 | Nascere a Kabul, in un ospedale per vittime di guerra

     
    Bibi Zahra ha poco più di un mese e ha rischiato di morire prima ancora di nascere. Stava ancora nella pancia della madre Bibi Naseeba, al nono mese [...]

     
  112. 01/09/14 | Garantire la massima qualità della cura anche in contesti a scarse risorse

     
    "Offrire cure di alto livello significa anche rimanere aggiornati sulle tecniche e sulle attrezzature [...]"

     
  113. 31/08/14 | Formazione per lo staff dei Posti di primo soccorso

     
    Nel giardino del nostro ospedale di Kabul - si approfitta della bella giornata - Hanif, il nostro "Field Officer" afgano, fa formazione per lo staff del nuovo Posto di primo soccorso (Fap) che apriremo [...]

     
  114. 30/08/14 | "Ma soprattutto aiuto persone. Aiuto il mio Paese"

     
    Zuria parla senza mai perdere di vista la sua radio: una chiamata per un'urgenza potrebbe arrivare da un [...]

     
  115. 29/08/14 | "Curare persone" è anche curare gli ambienti in cui sono ricoverate

     
    È una sera come tante a Lashkar-gah, in Afghanistan. È stata un'altra lunga giornata passata a curare le vittime della guerra nel nostro Centro chirurgico e, finito il lavoro, il nostro staff si rilassa un attimo [...]

     
  116. 25/08/14 | Nella "C-ward" del Centro chirurgico di Lashkar-gah

     
    25 agosto - Shawali, 22 anni, ferito da mina, ha perso entrambe le gambe. Abd Bari, 30 anni, ferito da mina, ha perso la gamba sinistra. Najibullah [...]

     
  117. 24/08/14 | Con lo staff tecnico del Centro chirurgico di Kabul


    Anche stamattina, come ogni mattina, Mauro e Sami - il logista internazionale e il supervisore dello staff tecnico del nostro Centro chirurgico di Kabul - radunano tutta la loro squadra e pianificano il lavoro della giornata. Elettricisti, falegnami, saldatori, idraulici, meccanici, sarti [...]

     
  118. 23/08/14 | Mangal e Shiba

     
    È il padre di Mangal e Shiba a raccontare cos'è successo. "Eravamo a una festa di matrimonio, noi adulti eravamo in casa, i bambini erano in giardino a giocare, sono iniziati dei combattimenti nei [...]"

     
  119. 23/08/14 | Zabiullah


    In questi giorni, passeggiando per il giardino del nostro Centro chirurgico per vittime di guerra di Kabul al pomeriggio è facile incontrare Zabiullah e il padre nell'area gioco per i bambini. "Rocket, rocket" dice l'uomo quando racconta cos'è successo [...]

     
  120. 11/08/14 | AMBULANZA DI EMERGENCY COLPITA IN AFGHANISTAN, MORTO L'AUTISTA

     
    11 agosto - Oggi un'ambulanza di Emergency è rimasta coinvolta nei combattimenti nel distretto di Tagab, provincia nord-orientale di Kapisa. L'autista dell'ambulanza, il nostro collega afghano Hamza Khan, è stato raggiunto da colpi di arma da fuoco ed è morto. L'ambulanza stava andando al Posto di primo soccorso di Emergency a Tagab, dove [...]

     
  121. 05/08/14 | A Kabul 326 ricoveri per ferite di guerra a luglio, il numero più alto mai registrato in un nostro ospedale

     
    La situazione sta deteriorando [...]

     
  122. 01/08/14 | "Ci tengono. Questo è il loro ospedale"

     
    Quando si pensa alla chirurgia di guerra, la prima cosa che viene in mente è il concetto di azione: chirurghi, infermieri, strumentisti [...]

     
  123. 24/07/14 | Aperto il nuovo Posto di primo soccorso di Andar

     
    24 luglio - Andar è un distretto della provincia di Ghazni, a mezza via tra Kabul e Khandahar, una delle zone più colpite [...]

     
  124. 21/07/14 | Attentato a Lashkar-gah, 21 vittime portate al nostro ospedale

     
    21 luglio - Stamattina c'è stato un attentato a Lashkar-gah, capoluogo della regione di Helmand. Un convoglio della polizia, all'altezza della stazione dei bus per Kandahar, è stato attaccato da un'auto bomba. A ora il nostro ospedale ha ricevuto 21 pazienti, 13 poliziotti e 8 civili. Uno era già morto all'arrivo. La situazione in Afghanistan sta peggiorando di giorno in giorno: tra attentati, scontri a fuoco e mine [...]

     
  125. 16/07/14 | ATTENTATO A PAKTIKA: 23 FERITI TRASPORTATI AL NOSTRO OSPEDALE A KABUL

     
    Martedì 15 luglio, all'ospedale di Kabul [...]

     
  126. 15/07/14 | Attentati e combattimenti sono quotidiani e sempre più intensi

     
    15 luglio - All'ospedale di Emergency a Kabul abbiamo appena ricevuto 9 persone ferite nell'attentato di questa mattina nella [...]

     
  127. 04/07/14 | Il ministro della Sanità dell'Afghanistan in visita al Centro chirurgico per vittime di guerra a Lashkar-gah

     
    4 luglio - La donna che vedete nella foto, sulla destra, mentre parla con una bambina colpita da un proiettile al torace e ora ricoverata nel nostro ospedale, è il ministro della Sanità dell'Afghanistan. È venuta stamattina in visita al nostro Centro chirurgico di Lashkar-gah, dove nelle ultime settimane stiamo curando sempre più vittime di guerra a causa dell'intensificarsi dei combattimenti. Ha girato nei reparti, incontrato il nostro staff, ha posto domande sulla situazione dei pazienti, sulla loro provenienza, sul tipo di intervento che hanno dovuto subire [...]

     
  128. 01/07/14 | "Come mai la maggior parte delle ferite dei bambini sono alla testa?"

     
    "Ieri ho chiesto a un mio collega chirurgo afgano come mai la maggior parte delle ferite dei bambini sono alla testa: la risposta è stata tanto agghiacciante quanto vera [...]"

     
  129. 30/06/14 | "Quando penso al lavoro che sto svolgendo qui a Kabul rimango davvero meravigliato di fronte ai chirurghi afghani che lavorano qui al Centro"

     
    "Quando penso al lavoro che sto svolgendo qui a Kabul rimango davvero meravigliato di fronte ai chirurghi afghani che lavorano qui al Centro... persone di 40, 45 anni con competenze e manualità mostruose su neurochirurgia, chirurgia toracica, chirurgia generale, vascolare e ortopedia e che fanno cose stupende [...]"

     
  130. 25/06/14 | "Curare chi ne ha bisogno, è questo il motivo per cui siamo qui"

     
    "Stiamo lavorando tantissimo, l'afflusso di feriti è aumentato notevolmente e sono davvero pochi i momenti in cui [...]"

     
  131. 25/06/14 | "E la cosa ancora più pazzesca è che la maggior parte sono bambini"

    "In questi giorni è iniziata finalmente l'estate, le rose sono sbocciate nel nostro giardino e l'ospedale di Emergency a Kabul, in ‪‎Afghanistan‬, è uno spettacolo. La mattina presto quando si inizia a lavorare si è avvolti da un profumo intensissimo che mette di buon umore. Questa leggerezza però dura poco: riceviamo una media di 10 pazienti vittime di guerra ogni giorno, feriti da arma da fuoco o da mina... è pazzesco. E la cosa ancora più pazzesca è che la maggior parte sono bambini [...]"

     
  132. 23/06/14 | In Helmand si combatte da tre giorni, 51 feriti portati all'ospedale di Emergency


    23 giugno - In Helmand - una provincia del sud dell'Afghanistan - si combatte da tre giorni. Il nostro ospedale di Lashkar-gah ha ricevuto 51 pazienti: 17 da Sangin, 10 da Grishk, 10 da Nawzrad 10 da Nari Saraj; gli altri da Nadali e dalla città di Lashkar-gah. Le nostre ambulanze fanno la spola tra i Posti di primo soccorso e l'ospedale di Lashkar-gah, senza sosta. Ieri sera [...]

     
  133. 16/06/14 | La guerra non ha portato né pace, né democrazia in Afghanistan: feriti e morti, invece, sì, e in abbondanza

     

    16 giugno - Non si conoscono ancora i risultati delle elezioni in Afghanistan. Quel che si sa è che continuiamo ad avere gli ospedali pieni, a Kabul come a Lashkar-gah: tutti i letti sono occupati, la corsia delle donne e dei bambini è affollatissima [...]

     
  134. 14/06/14 | MASSIMA ALERTA A KABUL NEL GIORNO DELLE ELEZIONI, IN AUMENTO I FERITI ALL'OSPEDALE DI EMERGENCY

     
    14 giugno - Oggi in Afghanistan si vota per eleggere il successore di Hamid Karzai nel ballottaggio tra Abdullah Abdullah ed Ashraf Ghani Ahmadzai. In città c'è il massimo stato di allerta, le strade sono deserte. Alle 12, ore locali, al Centro chirurgico per vittime di guerra a Kabul sono [...]

     
  135. 06/06/14 | La guerra continua e noi continuiamo a curare i feriti

     
    6 giugno - È stata una notte intensa nel nostro ospedale di Kabul: verso le 4 abbiamo ricevuto nel giro di pochi minuti 13 pazienti [...]

     
  136. 27/05/14 | Masooma, Satara e Naweed: da Kabul a Khartoum

     
    27 maggio - Masooma, Satara e Naweed partiranno giovedì per il Sudan: un aereo li porterà dall'Afghanistan a Khartoum, al Centro Salam di cardiochirurgia, dove i nostri chirurghi li opereranno per un difetto congenito al cuore. Li portiamo al Salam, il centro di eccellenza che abbiamo aperto nel 2007, perché nel loro Paese non avrebbero alcuna possibilità di ricevere gratuitamente le cure di cui hanno bisogno [...]

     
  137. 25/05/14 | «Nessuno può avere ancora il coraggio di chiamarli "effetti collaterali"»

     
    25 maggio - «Sono appena rientrato a Kabul dopo essere stato qualche giorno in Italia per [...]»

     
  138. 15/05/14 | "Tutti i nostri ospedali si stanno riempiendo e le attività si stanno intensificando"

     
    15 maggio - «Possiamo dichiarare nuovamente aperta la stagione dei combattimenti, la cosiddetta "offensiva di primavera". Negli ultimi giorni ci sono stati attacchi nelle province di Ghazni e Nangarhar, con diverse modalità di esecuzione ma simultanei. L'altro ieri mattina intorno alle cinque due razzi sono stati lanciati [...]»

     
  139. 24/04/14 | Il nuovo Posto di primo soccorso a Tagab

     
    24 aprile - "Ed eccoci nuovamente qui: il materiale è pronto, la formazione degli infermieri è terminata, l'ambulanza è pronta. Si apre: da oggi anche  Tagab, il distretto più sanguinoso della provincia di Kapisa, nel nord dell'Afghanistan, avrà un Posto di primo soccorso (FAP). Avevamo riscontrato la necessità di essere presenti anche qui già da qualche tempo: tutti i feriti di guerra [...]"

     
  140. 09/04/14 | "Per favore, non bombardate"

     
    Si scrive "EMERGENCY HOSPITAL", si legge "per favore, non bombardate ". Questo è il cartello che abbiamo messo sul tetto del nuovo Posto di primo soccorso (FAP) di Urmuz, in Afghanistan, per segnalare ai piloti di droni e aerei che quello è un luogo di cura, per chiedere il rispetto dei nostri pazienti e del nostro personale [...]

     
  141. 07/04/14 | Ventotto feriti di guerra ricoverati nei nostri ospedali nel giorno delle elezioni

     
    In Afghanistan sabato scorso, il 5 aprile, si votava il nuovo Presidente. Nei nostri ospedali, purtroppo, abbiamo vissuto il solito Paese: pieno di sangue e dove a pagare il prezzo più alto sono gli innocenti. Al Centro chirurgico di Lashkar-gah, nel corso della giornata, abbiamo ricoverato 7 donne - di cui una incinta - e 6 bambini. Tutti vittime di guerra. A Kabul il bilancio è di 15 pazienti. Tra loro 4 donne e 2 bambini [...]

     
  142. 03/04/14 | "Qui Kabul"

     
    Mittente: Luca - Coordinatore medico di Emergency in Afghanistan
    Oggetto: Mohammad Dhullah
    «Abbiamo fatto il possibile, ma con immenso dispiacere vi devo purtroppo comunicare che Mohammad Dhullah, il bambino di 7 mesi ricoverato tre settimane fa a Kabul, non ce l'ha fatta» [...]

     
  143. 24/03/14 | Aperto il nuovo Posto di primo soccorso di Urmuz

     
    Urmuz si trova nel distretto di Nawazad, nella provincia di Helmand, Afghanistan: è un assembramento di case nel deserto, dove si sono rifugiati gli abitanti di quello che era il villaggio originario di Nawazad, nella speranza di fuggire dai combattimenti e dai soprusi che flagellano la zona. È qui abbiamo aperto il nostro nuovo Posto di primo soccorso (FAP), per aiutare la popolazione di questo nuovo [...]

     
  144. 21/03/14 | KABUL, AFGHANISTAN: ATTACCO ALL'HOTEL SERENA, DUE FERITI PORTATI ALL'OSPEDALE DI EMERGENCY

     
    21 marzo - Ieri sera uomini armati hanno attaccato l'Hotel Serena di Kabul, l'albergo di riferimento per gli internazionali presenti nel Paese. Si parla di nove morti: cinque afgani e quattro internazionali. Nella notte, al nostro Centro chirurgico in città abbiamo ricevuto due feriti [...]

     
  145. 11/03/14 | "Una delle poche, se non l'unica, possibilità che queste persone hanno"

     
    11 marzo - Mohammad Dhullah ha 7 mesi. È arrivato domenica pomeriggio nel nostro ospedale di Kabul, portato in ambulanza dal nostro Posto di primo soccorso di Ghazni. La madre lo stava tenendo in braccio quando è stato trafitto da una pallottola: il proiettile è entrato dalla parte destra della regione lombo-sacrale ed è uscito dalla parte lombo-gluteale di sinistra. Dopo averlo visitato in pronto [...]

     
  146. 12/02/14 | Afghanistan: in aumento le vittime civili

     
    Il 2013 è stato l'anno peggiore per la popolazione afgana dall'inizio della guerra, 13 anni fa. I Centri chirurgici di Emergency di Kabul e Lashkar-gah, capoluogo della regione di Helmand, hanno ammesso 4.317 pazienti feriti per cause di guerra (circa 12 feriti di guerra al giorno per 365 giorni all'anno), il 38% in più del 2012 e il 60% in più rispetto al 2011. Di loro, 2.183 erano stati feriti da una pallottola, 1.037 da una scheggia e 613 erano stati feriti [...]

     
  147. 03/02/14 | Ecco Kabul, Afghanistan, a 13 anni dall'inizio della guerra

     
    Stamattina a Kabul, nel quartiere di Pol-e-Charki, c'è stato un attentato. Sono rimasti feriti due ragazzi, colpiti dall'esplosione mentre stavano uscendo dalla moschea: Aqibullah e Rasoul, di 22 e 25 anni, sono stati portati al nostro ospedale. Nel solo mese di gennaio a Kabul ci sono stati 4 attentati, febbraio non si annuncia da meno. Ecco Kabul, Afghanistan, a 13 anni dall'inizio della guerra [...]

     
  148. 15/01/14 | "Madina è arrivata da noi in condizioni critiche" 

     
    Madina si trovava con la madre, il padre e i due fratelli sulla strada per Jalalabad quando è rimasta coinvolta in un attentato contro un bus della polizia. Il padre, l'unico a non rimanere ferito, ha subito portato tutti all'ospedale pubblico; poi - vedendo che le condizioni di Madina peggioravano - l'ha portata al Centro chirurgico di Kabul. Madina è arrivata da noi in condizioni critiche: una scheggia dell'ordigno esplosivo le era entrata nel petto, trapassandole un polmone [...]

     
  149. 13/01/14 | Sorpresa ad Anabah

     
    Alcune settimane fa, eseguendo un'ecografia a una delle donne che si rivolgono al Centro di maternità in Panshir, Afghanistan, la nostra ginecologa è rimasta senza parole: la mamma era incinta di 5 bambine. Abbiamo ricoverato la mamma per monitorare la gravidanza e, soprattutto, tenerla a riposo il più a lungo possibile, anche per dare tempo alle bambine di crescere. L'11 gennaio, con un cesareo programmato, sono nate 5 bambine [...]

     
  150. 08/01/14 | Jama Gul, "Fiore del venerdì"

     
    Jama Gul (Fiore del venerdì) è nato nel Centro chirurgico per vittime di guerra di Lashkar-gah lo scorso 3 gennaio. La mamma, all'ottavo mese di gravidanza, era stata ricoverata dieci giorni prima per una ferita da pallottola a un fianco. Jama Gul e la sua mamma stanno bene e sono tornati a casa, a Nadali, uno dei villaggi più colpiti dalla guerra nella regione di Helmand. Medici e infermieri li salutano commossi: "Salam aleikum, la pace sia con voi" [...]

     
  151. 13/12/13 | L'"Università" in ospedale

     
    Najibullah è al quarto anno di specialità e ogni giorno fa un passo in più per raggiungere l'autonomia professionale con l'aiuto dei chirurghi esperti. Insieme con altri nove chirurghi generali, Najibullah è parte di un progetto che Emergency ha pensato sin dal suo arrivo in Afghanistan: la formazione dello staff nazionale. In tutti i nostri ospedali, lo staff internazionale ha tra i suoi compiti la formazione del personale locale [...]

     
  152. 07/11/13 | La guerra vista dagli occhi di un bambino

     
    Bilal, 8 anni, stava giocando con gli amici nei pressi di casa sua nella provincia di Kapisa, in Afghanistan, quando lì vicino sono scoppiati dei combattimenti. Una granata "vagante" è esplosa a meno di un metro da lui ferendolo. Urla, terrore, disperazione, poi l'ambulanza e l'arrivo al nostro ospedale di Anabah, le cure. Durante il ricovero Bilal fa molti disegni. Un giorno me ne mostra uno, tutto orgoglioso. L'ha fatto [...]

     
  153. 08/09/13 | Attentato suicida a Maydan Shar, i feriti curati da Emergency

     
    Domenica 8 alle 14,30 (ora afgana), c'è stato un attentato suicida a Maydan Shar, nella provincia di Wardak, a un'ora [...]

     
  154. 27/08/13 | Feriti di guerra in aumento

     
    Tra gennaio e luglio, i nostri ospedali di Lashkar-gah e Kabul hanno registrato un aumento del 55% di ammissioni di feriti di guerra rispetto al 2012, del 70% rispetto al 2011.
    Nell'ospedale di Lashkar-gah l'incremento è stato del 90% rispetto al 2012 e del 111% rispetto al 2011. Per far fronte all'aumento del numero dei feriti, negli ultimi mesi abbiamo potenziato la nostra presenza in Afghanistan avviando nuovi Posti di primo soccorso, per essere presenti [...]

     
  155. 23/07/13 | "Il costo di questa guerra"

     
    "Negli ultimi due mesi la situazione in ‪Afghanistan‬ si è ulteriormente deteriorata, soprattutto nella parte settentrionale della provincia di Helmand. Il distretto di Sangin [...]"

     
  156. 08/07/13 | Mabin

     
    Mabin è incinta di 5 mesi. Era a casa sua a Musa Qala - nel sud dell'Afghanistan - quando lì vicino sono iniziati i combattimenti. Mabin è uscita per chiamare due sue figlie che erano fuori casa: aveva paura che rimanessero coinvolte nei combattimenti. Appena fuori dalla porta, è stata colpita alla pancia da un proiettile vagante. I suoi familiari l'hanno subito portata al nostro Posto di primo soccorso nel villaggio. L'abbiamo stabilizzata [...]

     
  157. 01/07/13 | Il giorno di Sangin

     
    Nooor Ahmad, maschio, 5 anni. Zagroti, femmina, 16 anni. Abdul Buki, maschio, 45 anni. Khadigah, femmina, 15 anni. Razia, femmina, 25 anni. Abdullah, maschio, 70 anni.  Haji Mohammed Sadiq, maschio, 60 anni. Qader, maschio, 40 anni. Mohammed Alim, maschio, 55 anni. Noor Bibi, femmina, 50 anni. Gullpia, femmina, 18 anni. Fauzia, femmina. Muzlifa, femmina, 6 anni. Guldasta, femmina, 20 anni. Mustafa, maschio, 16 anni [...]

     
  158. 24/06/13 | Scontri a Kabul, i feriti portati all'ospedale di Emergency

     
    24 giugno. Anche oggi dall'Afghanistan arrivano pessime notizie: stamattina al nostro Centro chirurgico di Kabul abbiamo ricevuto 9 persone ferite durante uno scontro a fuoco tra forze dell'ordine e manifestanti nei pressi di Pol-e-Charki. Altre 4 sono arrivate in ospedale già morte. L'estate, di solito il periodo in cui i combattimenti si fanno più intensi, si prospetta sempre peggiore.

     
  159. 13/06/13 | "Solo oggi abbiamo ricevuto 40 feriti"

    "Solo oggi abbiamo ricevuto 40 feriti di guerra. Se va avanti così non basteranno più i letti. Gli ospedali di Kabul e Lashkar-gah sono pieni e i Posti di primo soccorso lavorano incessantemente: avremo bisogno di un'ambulanza in più per i mesi estivi. La situazione peggiora di giorno in giorno [...]"

     
  160. 12/06/13 | La guerra incessante


    Kabul, Paghman, Lagman, Ghazni, Maydan Shahr, Uruzugan, Sangin, Nawa... sono i luoghi da cui provengono i 40 feriti - un numero altissimo - che abbiamo ricevuto ieri nei nostri Centri chirurgici per vittime di guerra in Afghanistan, a Kabul e a Lashkar-gah. La situazione nel Paese sta peggiorando di giorno in giorno: stime delle Nazioni Unite parlano di un aumento del 24% delle vittime civili della guerra rispetto allo scorso anno e noi, nei primi 4 mesi [...]

     
  161. 30/05/13 | La guerra, in Afghanistan


    Nei primi 4 mesi dell'anno, nei nostri ospedali di Kabul, Anabah e Lashkar-gah abbiamo avuto un aumento delle ammissioni di feriti di guerra del 42% rispetto al 2012, del 70% rispetto al 2011.

    Per dire che la situazione in Afghanistan è peggiorata dall'inizio dell'ultima guerra - e che peggiora di giorno in giorno - basta guardare i registri dei nostri ospedali.

     
  162. 29/05/13 | ATTACCO SUICIDA ALL'UFFICIO DEL GOVERNATORE DELLA VALLE DEL PANSHIR: 3 FERITI PORTATI ALL'OSPEDALE DI EMERGENCY


    Questa notte alle 3,30 locali due macchine con 5 attentatori hanno fatto irruzione nell'ufficio del governatore della Valle del Panshir. I combattimenti si sono protratti fino alle 7,30 del mattino: 3 feriti, di cui uno arrivato morto, sono stati portati all'ospedale di Emergency di Anabah [...]

     
  163. 24/05/13 | AFGHANISTAN. SPARATORIA A KABUL: 11 FERITI, TRA CUI UN'ITALIANA, PORTATI ALL'OSPEDALE DI EMERGENCY

     
    17:15 - AGGIORNAMENTO: I feriti portati al nostro ospedale di Kabul sono 11, 3 di loro sono stati medicati in Pronto soccorso e dimessi, 8 (di cui 6 dipendenti delle Nazioni Unite) sono stati ricoverati. La paziente italiana è in condizioni critiche [...]

     
  164. 24/05/13 | "Perché è importante esserci"

     
    "Mohammad Khan ha 6 anni. Un proiettile gli ha attraversato la spalla sinistra e poi il volto: è arrivato da noi con la mandibola frantumata in mille pezzi e la guancia aperta. Lo abbiamo curato e ora è tornato a casa, con la sua famiglia.

    Hamdullah, 32 anni, ha perso entrambe le gambe e subìto ferite a entrambe le mani a causa dell'esplosione di una mina. Non l'ho mai sentito lamentarsi. Sta seduto [...]"

     
  165. 20/05/13 | Aperto il nuovo Fap di Pul I Alam

     
    Domenica 19 maggio abbiamo aperto il nuovo Posto di primo soccorso (Fap) di Pul I Alam, nella provincia di Logar. Presso il Fap offriamo assistenza ai malati e ai feriti [...]

     
  166. 09/04/13 | "Mass casualty" a Maydan Wardak, bambini tra le vittime

     
    Lunedì 8 aprile, all'ospedale di Emergency a Kabul abbiamo ricevuto 15 persone ferite in un'esplosione [...]

     
  167. 26/03/13 | Il nuovo Posto di primo soccorso di Gardez

     
    "L'odore della vernice fresca è ancora forte, gli ultimi ritocchi sono fatti. Gli infermieri sistemano gli scaffali, riordinano le medicine, preparano i carrelli delle medicazioni. Tutto è pronto a Gardez, capoluogo della provincia di Paktia, in Afghanistan, per l'apertura del nuovo Posto di primo soccorso (Fap) di Emergency, il primo nella provincia. Paktia è una delle zone meno sicure del Paese [...]"

     
  168. 15/03/13 | Iniziano le attività del Posto di primo soccorso di Musa Qala

     
    Sabato 16 marzo abbiamo aperto il Posto di primo soccorso (Fap) di Musa Qala, nel sud dell'Afghanistan, in uno dei distretti più pericolosi del Paese. Di Musa Qala si è parlato el 2007, durante l'operazione "Snakepit", quando le forze Isaf catturarono quella che all'epoca era considerata la roccaforte dei talebani nella provincia di Helmand. Dopo quella battaglia [...]

     
  169. 11/02/13 | Il lavoro di Emergency in Afghanistan su The Guardian e Channel 4

     
    Giles Duley: "Ho perso tre arti in Afghanistan, ma dovevo tornarci..."
    Due anni fa il fotografo inglese Giles Duley, mentre lavorava in Afghanistan, ha perso entrambe le gambe e un braccio a causa dell'esplosione di un ordigno. Tornato in Inghilterra ha fatto una promessa a se stesso: ritornare a Kabul, per documentare l'orrore della guerra e le sue conseguenze sulla popolazione civile. Leggi tutto sul sito di The Guardian [...]
    La storia di Giles Duley e l'impatto della guerra sui civili sono al centro anche del documentario Walking Wounded: Return to the Frontline, trasmesso dal canale televisivo inglese Channel 4.

    "In questi anni qualcuno mi ha chiesto se mi sono pentito di aver fatto quel primo viaggio in Afghanistan, se valeva la pena di perdere le gambe per qualche foto. È una domanda stupida, perché ovviamente nessuna foto vale quel prezzo; però il principio sì. Saltare su una bomba e tutta quella sofferenza mi hanno confermato che andare in quei Paesi e raccontare quelle storie era, ed è, la cosa giusta da fare." -- Giles Duley

     
  170. 16/01/13 | AUTOBOMBA A KABUL: DIECI FERITI PORTATI ALL'OSPEDALE DI EMERGENCY

     
    La mattina di mercoledì 16 gennaio un'autobomba è esplosa a Kabul nei pressi degli uffici dell'Nds, il National Directorate of Security. Un attentatore è morto nell'esplosione dell'auto, altri quattro sono stati uccisi nei combattimenti con le forze di polizia. L'attentato ha causato 27 feriti e 3 morti. Dieci feriti sono stati trasportati al nostro Centro [...]

     
  171. 29/11/12 | Da Lashkar-gah: Feidullah

     
    Sta facendo riabilitazione presso il nostro Centro chirurgico per vittime di guerra a Lashkar-gah per una ferita importante alle gambe. Viene tutti i giorni da solo [...]

     
  172. 23/11/12 | Attentato a Maydan Shahr

     
    Il nostro staff si è messo subito al lavoro per riparare i danni subiti dal nostro Posto di primo soccorso a Maydan Shahr, toccato lo scorso 23 novembre dall'esplosione di un ordigno rivolto a dei vicini uffici governativi. Viste le condizioni di bisogno della popolazione, i nostri infermieri hanno continuato a curare i pazienti anche mentre erano in corso i lavori. Mercoledì 28 novembre sera, il Posto di primo soccorso è tornato completamente agibile [...]

     
  173. 18/09/12 | Fiocco rosa a Lashkar-gah

     
    1 ottobre "Giorgia" e la madre sono state dimesse oggi e stanno entrambe molto bene. Durante i primi giorni di permanenza in ospedale, quando la madre non era ancora in grado di prendersi cura di lei a causa delle ferite, la piccola è stata "adottata" dal nostro personale femminile. Hanno portato latte in polvere, olio di mandorla, talco e vestitini, e ciascuna di loro dava consigli [...]

     
  174. 11/09/12 | All'ospedale di Emergency le vittime dell'attentato a Kabul

     
    Nella mattinata di sabato 8 settembre, un ordigno è esploso vicino al Centro chirurgico di Emergency a Kabul. Dieci vittime sono state subito portate nel nostro ospedale; di loro, 5 sono arrivate già morte, una è deceduta in sala operatoria a causa delle gravi ferite riportate, 2 sono state curate e dimesse e altre 2 sono ancora ricoverate [...]

     
  175. 30/08/12 | Dal villaggio di Mirbandau, provincia di Helmand

     
    Venerdì 24 agosto. Villaggio di Mirbandau, sud dell'Afghanistan. La casa di Haji Abdul Jan, un contadino di 45 anni, viene colpita da un razzo sparato dai militari della coalizione internazionale in risposta all'attacco di un gruppo di talebani. Vengono feriti la moglie, due figli e due nipoti di Abdul Jan che li porta subito al nostro Posto di primo soccorso a Grishk, a circa mezzora di auto [...]

     
  176. 20/08/12 | Mass casualty a Lashkar-gah

     
    Un ordigno artigianale è esploso domenica 19 agosto nel cimitero di Lashkar-gah, dove numerose persone si erano recate a rendere omaggio ai defunti dopo le preghiere nella moschea per la festività dell'Eid. Al nostro Centro chirurgico sono arrivate numerose vittime di questo attentato: 8 persone sono state ricoverate, 5 hanno ricevuto cure nel pronto soccorso e sono state dimesse [...]

     
  177. 11/05/12 | Ricordi confusi

     
    Gekmatullah ha 12 anni. Abita lontano da Kabul, vicino al confine pakistano. I suoi ricordi sono pochi e confusi: gli ultimi minuti a scuola, il percorso verso casa, un boato, le urla di altri ragazzini come lui, una nuvola di fumo, il forte dolore poi più nulla. Lo abbiamo curato al nostro Centro chirurgico di Kabul: ha l'omero sinistro fratturato e qualche bruciatura. Forse è stato un razzo, forse una mina [...]

     
  178. 16/04/12 | KABUL: 27 FERITI ALL'OSPEDALE DI EMERGENCY

    16 aprile. Sono 27 i feriti arrivati all'ospedale di Emergency a Kabul in seguito ai combattimenti che hanno colpito ieri la città e che si sono conclusi solo stamattina.
    Quattro soldati afgani sono arrivati morti al Pronto soccorso. Quindici feriti sono stati operati, uno di loro - arrivato già in gravissime condizioni - è morto in sala operatoria; otto feriti, meno gravi, sono stati medicati e dimessi in giornata [...]

     
  179. 16/04/12 | KABUL: ALL'OSPEDALE DI EMERGENCY LE VITTIME DEI COMBATTIMENTI IN CITTÀ

    8 pazienti con ferite minori, curati in pronto soccorso; 15 pazienti ricoverati - di cui uno, gravissimo, deceduto in sala operatoria; 4 soldati afgani arrivati morti al pronto soccorso. Sono le vittime dei combattimenti in città che abbiamo ricevuto ieri al nostro Centro chirurgico di Kabul. Alle 21 circa locali (le 17.30 in Italia) sembrava che i combattimenti si fossero placati, all'1 sono ripresi [...]

     
  180. 15/04/12 | KABUL, BATTAGLIA IN CITTÀ, COMBATTIMENTI VICINO ALL'OSPEDALE DI EMERGENCY

    È un giorno di guerra nella capitale afgana, Kabul. Dalle 14.00 circa locali, le 11.30 in Italia, si combatte anche a poche decine di metri dall'ospedale di Emergency, nel centro della città. Il personale internazionale e locale del centro chirurgico di Emergency ha attivato la procedura di mass casualties, per gestire un eventuale afflusso massiccio di feriti.

     
  181. 15/04/12 | KABUL, L'OSPEDALE DI EMERGENCY RICEVE LE PRIME VITTIME

    Il Centro chirurgico di Emergency a Kabul ha ricevuto le prime vittime degli attacchi di oggi. Tre soldati afgani sono arrivati già morti in ospedale. Tre civili sono arrivati con ferite da arma da fuoco, uno di loro - in condizioni gravissime - è in questo momento in sala operatoria. I combattimenti hanno subito una breve pausa e alcune strade sono state riaperte consentendo l'arrivo dei feriti, poi gli scontri sono ripresi con la violenza di prima.

     
  182. 12/04/12 | Husabullah

     
    Scrive Aridiano dal nostro Centro chirurgico di Kabul:
    "Nella provincia di Baghlan, a 7 ore di macchina da Kabul, vive Husabullah.
    Husabullah, 14 anni, stava tornando a casa dalla lezione di inglese quando un gruppo di persone al bordo della strada ha attirato la sua attenzione: erano arrivati tutti per aiutare la vittima di una mina appena esplosa. Proprio mentre Husabullah si stava avvicinando è esplosa un'altra mina [...]"

     
  183. 30/03/12 | Bibi Hajera e Mirza

     
    Ci scrive Paolo dal Centro chirurgico di Lashkar-gah:
    "Continuano ad arrivare in ospedale persone ferite da mine e ordigni disseminati in tutta la provincia di Helmand. Bibi Hajera, 10 anni, ha perso la gamba destra, ha una brutta frattura a quella sinistra e una ferita profonda alla testa. Mirza, 8 anni, ha la gamba sinistra e il bacino fratturati e non ha più la gamba destra. Bibi Hajera e Mirza vengono dal distretto di Nadali [...]"

     
  184. 28/03/12 | Armi ovunque

     
    Scrive Aridiano dal nostro Centro chirurgico di Kabul:
    "In un Paese in guerra da 40 anni le armi, di qualsiasi tipo, sono ovunque e facilmente reperibili. Lo sa bene Shah Mohammad, un ragazzino di 15 anni che abita nella periferia di Kabul.Stava guardando fuori dalla finestra di casa sua quando un ordigno è esploso proprio lì vicino. Il ricordo di Shams è confuso - come succede [...]"

     
  185. 22/03/12 | «Lo vediamo fin troppo bene...»

     
    Scrive Aridiano dal nostro Centro chirurgico di Kabul:
    "Shah Chaman vive a Ghazni, un piccolo villaggio a cinque ore di auto da Kabul. Ha 44 anni, fa il contadino, è sposato e ha quattro figli. Col badile in mano stava cercando di aprirsi un varco nella neve, per raggiungere il suo carretto. Con quello stesso badile Shah ha scontrato la mina che gli ha fratturato entrambe le gambe e distrutto una mano [...]"


     
  186. 19/03/12 | Feriti da Maiwand

    Scrive Paolo dal Centro chirurgico per vittime di guerra a Lashkar-gah (Afghanistan):
    "Tre feriti sono appena arrivati in pronto soccorso: un razzo sparato durante un conflitto fra talebani e forze della coalizione ha investito la loro casa, dove si trovavano. Arrivano da Maiwand, a circa 70 km da qui. Sardar Mohamed ha 16 anni e sembra il più grave. Le schegge gli hanno colpito l'addome, il torace ed entrambe le gambe. Sta andando in sala [...]"

     
  187. 15/03/12 | Nazeema, fisioterapista del nostro ospedale a Lashkar-gah

    Nazeema è una fisioterapista afgana che lavora nel nostro ospedale di Lashkar-gah da quasi un anno.
    A Nazeema piace il suo lavoro, spesso fa anche ore extra. Un giorno è arrivata in ospedale con un paio di scarpette da bambina. Le ha comprate per Quadermina, una bambina di 6 anni ricoverata in corsia perché colpita dall'esplosione di un ordigno che ha ucciso la madre e 6 fratelli. Quando finisce il suo turno in ospedale, Nazeema studia [...]

     
  188. 12/03/12 | Jawed

    Jawed aveva 22 anni e da circa due anni lavorava come fisioterapista nel nostro Centro chirurgico di Kabul. Giovedì sera, durante una festa, è rimasto coinvolto in una rissa ed è stato picchiato e colpito gravemente alla testa. Quando è arrivato nel nostro ospedale la situazione era ormai troppo grave e Jawed non ce l'ha fatta. Siamo tutti sconvolti, staff nazionale, internazionale e i pazienti che l'hanno conosciuto, perché nonostante tutte le storie di violenza con cui abbiamo a che fare ogni giorno, questa storia ci tocca veramente [...]

     
  189. 07/03/12 | Samiullah, Mohamed Nabi, Khatema

    Scrive Paolo dal nostro Centro chirurgico a Lashkar-gah, Afghanistan: "Qui a Lashkar-gah sembra arrivata l'estate. Ieri faceva veramente caldo e, ancora una volta, vediamo [...]"

     
  190. 01/03/12 | Attentato a Lashkar-gah

    La mattina del 29 febbraio, lungo la strada che porta al Provincial reconstruction team un convoglio Isaf è stato colpito da un ordigno artigianale. Nel giro di qualche minuto [...]

     
  191. 14/02/12 | Vittime di bombardamento

    Scrive Paolo dal nostro Centro chirurgico a Lashkar-gah: sono appena arrivati 2 feriti dal vicino distretto di Nadali. Due vittime di un bombardamento della coalizione internazionale, colpiti mentre erano nelle loro terre a curare le piante di oppio che stavano coltivando. Nassim ha 20 anni. Ha riportato uno pneumotorace e, probabilmente, emorragie interne. Adesso è in sala operatoria, lo stiamo operando d'urgenza. Anche Taher ha 20 anni. Ha una frattura esposta della gamba destra; una pioggia di schegge [...]

     
  192. 09/02/12 | Dal Centro chirurgico di Lashkar-gah

    Scrive Paolo: stamattina due vittime di un bombardamento Nato sono state portate al nostro Centro chirurgico di Lashkar-gah. Erano a Marmonda, a un'ora di macchina da qui, e si sono trovati in mezzo a un conflitto fra talebani e americani. Agha Mohamed ha 11 anni. Ha perso la gamba destra nell'esplosione e ha subito anche l'amputazione dell'avambraccio destro. Mossa ha 18 anni e ha riportato vari traumi, una ferita da scheggia all'occhio sinistro e probabilmente ha anche un'emorragia [...]

     
  193. 02/02/12 | Nazeem

    "Era un giorno di vacanza e stavo accompagnando mio papà al pascolo... abbiamo tanti animali. Alle 11 di mattina siamo tornati, c'erano dei combattimenti nel mio villaggio, poi non mi ricordo bene cos'è successo, solo una forte esplosione e il risveglio in ospedale". Nazeem, 9 anni, è stato subito portato al nostro Centro chirurgico di Kabul. Ha perso un braccio, ha una brutta frattura a una gamba, un alluce amputato e tante piccole ferite su tutto il corpo. In 5 mesi ha subito diverse operazioni: le ferite stanno guarendo [...]

     
  194. 30/01/12 | All'ospedale di Emergency 20 vittime dell'attentato a Lashkar-gah

    La mattina del 26 gennaio un attentato ha colpito il centro città di Lashkar-gah, in Afghanistan. Venti vittime sono state portate al nostro Centro chirurgico in città, dove abbiamo subito attivato il mass casualties plan, il protocollo di emergenza usato per gestire l'afflusso in contemporanea di numerosi pazienti. Di queste 20 persone, una è arrivata già morta e 10 sono state operate dai nostri chirurghi [...]

     
  195. 07/12/11 | Il presidente Hamid Karzai in visita all'ospedale di Kabul

    Mercoledì 7 dicembre il presidente afgano Hamid Karzai è stato al nostro ospedale di Kabul, in visita alle vittime dell'attentato [...]

     
  196. 06/12/11 | All'ospedale di Kabul 45 vittime dell'attentato alla moschea sciita

    Questa mattina la moschea sciita di Kabul è stata colpita da un attacco kamikaze. La moschea era affollatissima per le celebrazioni dell'Ashura [...]

     
  197. 29/11/11 | Aperto il trentesimo Fap ad Azra (provincia di Logar)

    Sabato 26 novembre abbiamo aperto il nuovo Posto di primo soccorso (Fap - First aid post) ad Azra, nella provincia di Logar, a 4 ore di macchina dalla capitale Kabul [...]

     
  198. 10/10/11 | I Posti di primo soccorso della piana di Shomali

    Mirbachakot, Said Khil e Poli Sayad sono alcuni dei presidi che abbiamo costruito anni fa, dove si trovava la linea del fronte, per riferire i pazienti al nostro ospedale [...]

     
  199. 05/10/11 | Da Anabah: Tabash e Ramash

    Tabash e Ramash sono due gemelli di 23 giorni nati in casa a Kapisa, una località a diversi chilometri da Anabah. Quando li hanno portati in ospedale presentavano difficoltà respiratorie e una forma preoccupante di malnutrizione [...]

     
  200. 04/10/11 | Da Kabul: Zahir

    Zahir, 30 anni, viene trasferito al nostro Centro chirurgico di Kabul due giorni dopo l'incidente. È saltato su una mina mentre per lavoro si trovava in montagna, nella zona di Mazah-al-Sharif. Ha il piede sinistro amputato, ferite al braccio [...]

     
  201. 03/10/11 | Emergency negli orfanotrofi di Kabul

    Nella capitale Kabul, Emergency gestisce due cliniche all'interno di due orfanotrofi: uno femminile - Allahoudin - e uno maschile. Si tratta di strutture che accolgono non solo orfani ma anche [...]

     
  202. 27/09/11 | 27 settembre, attentato a Lashkar-gah

    Nella mattina del 27 settembre, una bomba è esplosa presso un check-point nelle vicinanze del Provincial reconstruction team di Lashkar-gah uccidendo 2 persone e ferendone 25, in gran parte [...]

     
  203. 27/08/11 | Il razzo a scuola

    «...stavo giocando con i miei compagni nel giardino della scuola quando abbiamo sentito degli spari e, subito dopo, un esplosione. Ho avvertito un forte dolore alla gamba sinistra e non sono più riuscito a muoverla...». Questo racconta Ziaurahmon, dieci anni, ricoverato nel nostro ospedale di Kabul con il femore fratturato a causa di una scheggia [...]

     
  204. 25/08/11 | Da Kabul: Ismael

    Ismael, diciotto mesi, probabilmente piange perché vorrebbe dimenticare l'esplosione che ha investito lui, sua madre Farida e suo padre Abdul. Tutti hanno ferite da scheggia in diverse parti del corpo: il padre all'occhio e al torace [...]

     
  205. 22/08/11 | Da Lashkar-gah: Bibi Rogia

    Bibi Rogia ha 11 anni. "E un bel caratterino..." sorride Paul, il chirurgo francese che qualche giorno fa le ha ridotto una frattura al femore provocata da un incidente stradale. Bibi è ricoverata nella corsia [...]

     
  206. 16/08/11 | Ataurahman

    Ataurahman ha dieci anni. Si trovava a dorso di un mulo, su una strada sterrata a circa quindici chilometri da Kabul, quando la mina che lo ha ferito è esplosa. La persona che sedeva davanti a lui è rimasta uccisa [...]

     
  207. 12/08/11 | Feriti di guerra all'ospedale di Lashkar-gah

    L'afflusso di feriti di guerra al Centro chirurgico di Lashkar-gah continua. Dodici persone rimaste ferite in un attentato sono state curate presso il nostro Centro chirurgico [...]

     
  208. 16/06/11 | Il Fap di Garmsir inizia le attività

    Il 16 giugno sono iniziate le attività cliniche del nuovo Posto di primo soccorso di Garmsir, situato nella provincia di Helmand, nel sud dell'Afghanistan. Aperto tutti i giorni 24 ore su 24, offre servizi di primo soccorso [...]

     
  209. 10/02/11 | Razia, Juma Gul e Mohammed Wali

    In inverno, solitamente, l'attività nel nostro ospedale di guerra a Lashkar-gah cala rispetto al resto dell'anno. "Cala" nei numeri, non nelle tragedie che la popolazione civile soffre [...]

     
  210. 28/01/11 | 28 gennaio 2011: attentato a Kabul    

    Oggi, alle 14.30 locali, un kamikaze ha assaltato un negozio frequentato soprattutto da internazionali nel centralissimo quartiere di Wazir Akbar Khan, nei pressi del ministero della sanità. [...]

     
  211. 22/12/10 | Oltre 10 mila bambini nati al Centro di maternità di Anabah

    Sono oltre 10 mila i bambini nati al Centro di maternità che Emergency ha aperto nel 2003 a Anabah, in Afghanistan. Un traguardo importante in un paese in cui la mortalità materna è sessanta volte più alta di quella registrata nei paesi europei e il tasso di mortalità infantile è di 165 decessi ogni 1.000 bambini nati vivi. Tra gennaio e novembre 2010 presso il Centro sono nati 2.770 bambini [...]

     
  212. 10/12/10 | Da Lashkar-gah: Abdullah

    Dice di avere «almeno 90 anni» e ha gli occhi buoni, Abdullah. Ringrazia sempre tutti, quando gli si porta il cibo o quando gli si cambia la medicazione. Non sa leggere né scrivere, è vissuto sempre a Musa Qala, un distretto a quattro ore di macchina a nord di Lashkar-gah [...]

     
  213. 23/11/10 | Eid a Lashkar-gah

    18 Novembre 2010. In Afgahnistan è l'ultimo giorno di "Eid", una ricorrenza religiosa molto importante che cade 70 giorni dopo la fine del Ramadan. Tutti si preparano a questi tre giorni di festa, fanno debiti per comprare l'agnello da sacrificare e indossano l'abito più bello, che spesso altro non è che il vestito di tutti giorni lavato e stirato.[...]

     
  214. 08/11/10 | Da Lashkar-gah

    Alle 16.30 i colleghi afgani del Pronto soccorso dell'ospedale di Emergency a Lashkar-gah ci avvisano che è arrivato un ferito da proiettile. Sulla barella troviamo Zakiria, un bambino di 10 anni [...]

     
  215. 23/09/10 | Aumentano i feriti di guerra a Lashkar-gah e a Kabul

    In un mese di attività, l'ospedale di Emergency a Lashkar-gah ha registrato il più alto numero di ricoveri degli ultimi anni [...]

     
Selezione corrente: Tipo contenuto: Eventi
Cosa facciamo: Afghanistan