Interventi negli ospedali a Bergamo e Brescia

Italia - Bergamo e Brescia

Fin dall’inizio dell’epidemia abbiamo offerto la nostra disponibilità a collaborare nella gestione dell’epidemia di Covid-19, rispondendo all’appello fatto da Regione Lombardia.

A Brescia e a Bergamo, il nostro staff è intervenuto negli ospedali in città.

A Bergamo

Martedì 6 aprile abbiamo ricevuto i primi pazienti Covid nel reparto di terapia intensiva che abbiamo gestito presso il presidio ospedaliero della Fiera di Bergamo dell’ospedale Papa Giovanni XXIII tra i mesi di marzo e maggio.

La Terapia Intensiva gestita dal nostro staff era composta da 12 posti letto di terapia intensiva. L’équipe, invece, formata da 10 medici, 14 infermieri, 4 fisioterapisti, 4 OSS, 1 tecnico di laboratorio, 1 tecnico di radiologia.

Alcuni di loro hanno lavorato in Sierra Leone durante l’epidemia di Ebola, un’esperienza fondamentale nelle fasi di progettazione del nuovo ospedale a cui abbiamo lavorato fianco a fianco con circa 300 volontari, tra artigiani bergamaschi (carpentieri, elettricisti, cartongessisti, idraulici e imbianchini), 150 volontari della Sanità Alpina e 40 della logistica della Protezione Civile Ana.

Il 26 maggio le attività nell’ospedale si sono concluse e la struttura è stata convertita in un ambulatorio per il follow-up dei pazienti Covid-19.

Abbiamo proposto una riorganizzazione efficace degli spazi e dei flussi, per ridurre il più possibile le possibilità di contagio. Ogni dettaglio della struttura è essenziale per contenerlo: è fondamentale che ogni area sia compartimentalizzata, che i luoghi di vestizione/svestizione siano ben definiti, che il movimento delle persone sia pensato e studiato in anticipo. Stiamo mettendo in campo le nostre esperienze appresa in Sierra Leone durante l’epidemia di Ebola. Per farlo abbiamo richiamato alcuni dei nostri colleghi che lavoravano all’estero: stiamo cercando di fare la nostra parte in un momento così delicato per l’Italia

Rossella Miccio, Presidente di EMERGENCY.

A Brescia

A marzo abbiamo lavorando con la Direzione sanitaria dell’ospedale di Brescia per proteggere il personale sanitario e l’ospedale dal contagio.

Portando l’esperienza maturata nella gestione di Ebola in Sierra Leone (2014-2015), un nostro team sanitario e logistico ha predisposto un piano per ridurre al minimo i rischi di infezione per operatori sanitari e non.

Sostieni il nostro lavoro

Sappiamo che – nei momenti di crisi soprattutto – è importante non lasciare indietro nessuno. Vogliamo fare tutto il possibile per dare una mano a superare questo momento e, per farlo, abbiamo bisogno anche del tuo aiuto.

Le attività di EMERGENCY nell’ospedale in Fiera a Bergamo
sono realizzate anche grazie al contributo di:

Logo 8x1000 Valdese

Beneficentia Stiftung (Liechtenstein)

Share This