Nessuno Escluso: distribuzione gratuita di pacchi di alimenti e beni di prima necessità

Italia - Milano, Roma, Piacenza, Napoli, Catanzaro, Catania, Varese

Nessuno Escluso: scarica il Report di approfondimento

Una fotografia dei primi nove mesi di distribuzione gratuita di pacchi alimentari e di prima necessità, durante i quali abbiamo aiutato quasi 3.000 nuclei famigliari in difficoltà economica, per un totale di più di 11.000 persone tra Milano, Roma, Napoli, Catanzaro, Piacenza.

Solo a Milano, la città da cui è partito il progetto, di 1.600 nuclei famigliari finora presi incarico quasi la metà (45%) ha visto il proprio reddito completamente azzerato nell’ultimo anno o ridotto a più della metà (32%) a causa della pandemia. Oltre la metà delle famiglie beneficiarie è composta da più di 4 persone di cui almeno un figlio è minorenne (74%), mentre 1 famiglia su 10 è mono genitoriale. Quasi il 30% delle famiglie che riceve il pacco non riesce più a pagare l’affitto, mentre più del 60% teme di non riuscire a pagarlo nei prossimi mesi. L’80%, inoltre, si rivolge a EMERGENCY perché non riceve aiuti economici istituzionali (reddito di cittadinanza, bonus, sussidi).

Distribuzione gratuita di pacchi di alimenti e beni di prima necessità alle persone colpite dalla crisi economica post pandemia.

L’emergenza sanitaria che ha colpito l’Italia negli scorsi mesi comincia a lasciare dietro di sé un’altra emergenza: una nuova povertà, che si è già affacciata nella quotidianità di molti. Famiglie numerose, anziani soli, giovani precari, lavoratori di settori gravemente penalizzati dalla crisi… si sono ritrovati dall’oggi al domani senza mezzi di sostentamento, per sé e per mantenere i propri figli.

Secondo una recente analisi, oltre un milione di persone ha perso la capacità di provvedere agli acquisti di cibo e beni di prima necessità. Siamo di fronte a un’emergenza sociale senza precedenti, che ha reso vulnerabile una nuova categoria di persone, fino a oggi fuori dai radar dell’aiuto tradizionale e istituzionale. Abbiamo quindi deciso di promuovere un intervento al di là dell’ambito sanitario, in modo da aiutare le persone nel far fronte ai propri bisogni in maniera dignitosa, diffondendo un messaggio di solidarietà.

Rossella Miccio, Presidente di EMERGENCY

È per aiutare queste persone che abbiamo avviato “Nessuno escluso. Neanche chi è ora in difficoltà”, un progetto che prevede la distribuzione gratuita di pacchi di alimenti e di beni di prima necessità alle persone che hanno bisogno di un sostegno per superare questo momento e che non hanno accesso ad altri aiuti.

Il progetto è al momento attivo a Milano, a Roma, a Piacenza, a Napoli, a Catanzaro, a Catania e a Varese e ha l’obiettivo di raggiungere persone e nuclei familiari messi in difficoltà dalle conseguenze sociali ed economiche dell’epidemia di Covid-19.

Il contenuto dei pacchi

Alle persone e alle famiglie che partecipano al programma vengono consegnati due tipi di pacchi:

  • il Pacco alimentare,
  • il Pacco igiene (casa e personale)

Inoltre abbiamo previsto pacchi speciali per persone celiache o intolleranti al lattosio, vegetariani, pacchi bimbo (con omogenizzati, latte in polvere per bambini, pannolini, salviette umidificate) e per altri bisogni particolari che dovessimo riscontrare.

A Milano

A Milano il progetto è attivo da metà maggio 2020; a oggi, sono più di 72.000 i pacchi alimentari già consegnati.

“Durante la Fase uno, EMERGENCY aveva già organizzato in alcune città una rete di consegna di beni di prima necessità a persone in quarantena, malate e agli over 65 e aveva individuato una serie di famiglie per cui l’epidemia non ha rappresentato solo un rischio o un danno alla salute, ma soprattutto un colpo alle proprie capacità di sopravvivenza. Nella sola Milano, grazie alla collaborazione con le Brigate Volontarie per l’Emergenza, 320 volontari hanno consegnato centinaia di pasti pronti alle fasce più vulnerabili della popolazione, oltre 5 mila spese alimentari e 100 mila mascherine del Comune”.
Marco, responsabile del progetto a Milano

Oltre al programma di sostegno continuativo, da fine ottobre il progetto si è ampliato per sostenere anche chi necessita di un aiuto temporaneo, a causa di una condizione di quarantena, di malattia oppure della perdita momentanea del proprio lavoro a giornata.

Il progetto, svolto in collaborazione con le Brigate Volontarie per l’Emergenza, copre l’intero territorio comunale e l’area extraurbana della Martesana.
Il progetto è realizzato con il contributo del Comune di Milano nei Municipi 1, 2, 3, 4, 7, 8, 9 e contribuisce a sviluppare il Dispositivo Aiuto Alimentare promosso dal Comune di Milano in contrasto agli effetti della pandemia da Covid-19.

A Roma

A Roma, il progetto è attivo da metà giugno 2020 e copre oggi i Municipi 1, 5, 6, 7, 8, 10, raggiungendo 500 nuclei famigliari. L’intento è di allargare nelle prossime settimane il numero di beneficiari. A oggi, sono stati consegnati più di 26.900 pacchi.

Il progetto è svolto in collaborazione con un gruppo di associazioni di volontariato del territorio.

A Piacenza

Anche a Piacenza i volontari di EMERGENCY proseguono l’impegno in favore della popolazione locale più vulnerabile iniziato durante la “Fase 1”.

“Già durante il lockdown ci siamo resi conto che la situazione stava mutando e che ci sarebbe stato bisogno di noi anche nel ‘secondo tempo’ dell’emergenza.”
Anna, volontaria di EMERGENCY a Piacenza

Il progetto “Nessuno Escluso” a Piacenza è gestito in collaborazione con le associazioni locali GASB (Gruppo Attivo di Solidarietà dal Basso) e GAP (Gruppo Acquisto Popolare).

A Napoli

Il progetto è attivo da fine ottobre 2020 e raggiunge circa 500 famiglie nei quartieri di Ponticelli (in cui è presente il nostro Ambulatorio), Pianura, Soccavo, Miano e Montesanto.

“Chi lavorava presso una pizzeria o un ristorante, magari in nero, ha visto il proprio impiego sfumare nel nulla. Purtroppo, ci sono parecchie famiglie in cui entrambi i coniugi hanno perso ogni fonte di reddito e si trovano in condizioni economiche difficili.”
Peppino Fiordelisi, coordinatore dei volontari di EMERGENCY in Campania

Il progetto “Nessuno Escluso” a Napoli è stato realizzato grazie alla collaborazione con il Comitato Lab00 che ha attivato l’iniziativa Spesa Sospesa, con il Comune di Napoli e con le associazioni Comitato Popolare per la rinascita di Soccavo, Sgarrupato, Terra di Confine, CARITAS e Parrocchia di Santa Maria dell’Arco.

A Catanzaro

A fine dicembre 2020 si è esteso anche a Catanzaro, con il contributo del Comune di Catanzaro e dell’associazione Centro Calabrese di Solidarietà, e la collaborazione delle associazioni Un raggio di sole, Solid’ali, Associazione San Vincenzo, Nati per amare, Emmaus, Stella Popolare.

A Catania

Dall’inizio di maggio 2021, “Nessuno Escluso” è attivo anche a Catania. Le attività sono svolte in collaborazione con Centro Astalli, Chiese Battista e Valdese, Casa del popolo Colapesce e Casa della Solidarietà – Parrocchia SS Pietro e Paolo.
Al momento, circa 40 volontari garantiscono la distribuzione di 80 pacchi ogni settimana.

A Catania, le conseguenze del Covid-19 amplificano i problemi di un tessuto sociale dove il lavoro, anche se continuativo, è spesso precario e senza tutele per un’ampia fascia della popolazione. Per questo, esserci attivati per avviare “Nessuno Escluso” anche nella nostra città e fare il nostro “pezzettino” ci rende orgogliosi.”
Agata, volontaria di EMERGENCY a Catania

A Varese

Da metà maggio 2021, “Nessuno Escluso” è attivo anche a Varese.

Il progetto, attivato in collaborazione con il Comune di Varese, il movimento Ubuntu e la onlus Sanità di Frontiera coprirà inizialmente la città, garantendo la distribuzione settimanale dei pacchi di aiuti alimentari e per l’igiene a un bacino di circa 55 nuclei famigliari. Qualora si presentassero richieste, il servizio potrà essere esteso anche ai comuni limitrofi.

Informazioni pratiche

Le consegne vengono sempre effettuate dai volontari di EMERGENCY e delle altre realtà con cui collaboriamo, che si muovono in coppia e hanno un badge identificativo di riconoscimento. Tutti hanno ricevuto una specifica formazione per minimizzare il rischio di contagio per loro e per le persone assistite.

Per avere maggiori informazioni sul servizio nella città di Milano, o per segnalare persone che hanno necessità di aiuto, è possibile chiamare il numero 02 86316890.

A Roma, è possibile segnalare persone che hanno necessità di aiuto rivolgendosi direttamente ai Municipi in cui il servizio è attivo (1, 5, 6, 7, 8, 10).

Per maggiori informazioni sul servizio a Piacenza è attivo il numero 347 2221241, a cui è possibile rivolgersi via chiamata o messaggio.

Nella città di Napoli, per segnalare persone che hanno necessità di aiuto ci si può rivolgere direttamente ai Servizi sociali del Comune.

Per segnalare persone che hanno necessità di aiuto a Catanzaro ci si può rivolgere all’Assessorato alle Politiche sociali di Catanzaro e alle associazioni che collaborano sul territorio calabrese.

Per segnalare persone che hanno necessità di aiuto a Catania ci si può rivolgere alle associazioni che collaborano sul territorio catanese.

Per segnalare persone che hanno necessità di aiuto a Varese ci si può rivolgere alle associazioni che collaborano sul territorio o ai Servizi sociali del Comune.

Per le aziende: partecipa al progetto

Questo progetto è possibile anche grazie alla generosa partecipazione delle aziende che hanno scelto di donare a EMERGENCY i loro prodotti. Se anche la tua azienda non vuole lasciare Nessuno Escluso, puoi contattarci via email a aziende@emergency.it o via telefono al numero 02 881 881.

Sostieni il nostro lavoro

Sappiamo che – nei momenti di crisi soprattutto – è importante non lasciare indietro nessuno. Vogliamo fare tutto il possibile per dare una mano a superare questo momento e, per farlo, abbiamo bisogno anche del tuo aiuto.

Share This