Oculista

Paesi
Afghanistan, Sierra Leone

Lingue richieste
Inglese

Tipologia di contratto
contratto di collaborazione volontaria e gratuita – 25 giorni/1 mese (minimo)

Requisiti fondamentali
Specializzazione in Oftalmologia; flessibilità negli spostamenti.

Sei interessato?
Non stiamo attivamente ricercando né selezionando nuovi profili per questo ruolo: tutte le posizioni sono al momento coperte. Visita regolarmente il nostro sito per aggiornamenti.

Il ruolo richiede capacità di diagnosi e di trattamento delle più comuni patologie oculistiche, anche di rilievo chirurgico.

CONTESTO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

La figura del medico oculista è prevista – periodicamente e per brevi periodi – dal programma oculistico di EMERGENCY, avviato nel 2005. Le attività cliniche e gli ambiti di cura si sono sviluppati negli anni grazie a team internazionali (italiani) specializzati che operano sempre all’interno di strutture ospedaliere realizzate e gestite da EMERGENCY.
L’oculista internazionale ha sempre come figura di riferimento il Coordinatore Medico, che ha la responsabilità organizzativa e gestionale del progetto.

I reparti di riferimento per il ruolo sono:

  • AMBULATORI: dotati di tutta la strumentazione necessaria;
  • BLOCCO OPERATORIO;
  • BLOCCO DEGENZE.

Lo specialista è di norma affiancato da un collega già esperto del programma e sarà chiamato a partecipare direttamente sia alle attività ambulatoriali che chirurgiche, nonché all’aggiornamento e alla formazione del personale locale.
L’équipe chirurgica è completata da personale di sala specializzato – anestesista rianimatore, tecnici di Anestesia, infermieri strumentisti – locale o internazionale.
Per esigenze cliniche e organizzative può essere richiesta una disponibilità a muoversi tra i diversi Paesi in cui è attivo il programma.

COMPITI E RESPONSABILITÀ

Tutto il personale internazionale di EMERGENCY è tenuto a conoscere e applicare i criteri di ammissione ospedaliera, le linee guida, i protocolli e gli standard di diagnosi e cura in uso nel Centro nonché alla corretta compilazione dei file clinici e statistici, sia cartacei sia informatici.

I principali compiti e responsabilità del medico specialista di Oftalmologia sono:

  • monitoraggio, supervisione e gestione delle attività ambulatoriali volte alla diagnosi e correzione dei difetti visivi;
  • eventuale gestione delle procedure chirurgiche (es. cataratte, strabismi, difetti palpebrali… escluse le problematiche retiniche);
  • eventuale gestione clinica del trattamento postoperatorio del paziente chirurgico;
  • ricerca clinica e raccolta della casistica in accordo con i programmi scientifici del settore specialistico della Medical Division di EMERGENCY.

L’attività clinica e le decisioni riguardo al trattamento dei pazienti devono essere sempre discussi e condivisi con il Coordinatore Medico del progetto.

FORMAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE LOCALE

Le attività cliniche e di assistenza al paziente si svolgono sempre in affiancamento e collaborazione con personale locale, che beneficia così di un programma di formazione sul campo. Sono inoltre previste attività didattiche più specifiche gestite dagli specialisti internazionali secondo modalità definite in accordo con i protocolli clinici in uso e con il Coordinatore Medico.

CASISTICA E DOTAZIONI

Il livello di tecnologia degli equipaggiamenti è adeguato ai protocolli clinici e gestionali in uso e all’autonomia professionale raggiunta dallo staff nazionale con l’obiettivo di mantenere sempre elevati – e sostenibili – gli standard e la qualità delle cure. Diagnostica, esami di laboratorio (di 1° livello) e i servizi tecnici e ausiliari sono sempre disponibili.

CENTRO MEDICO-CHIRURGICO – Anabah, Afghanistan

Nato nel 1999 come Centro per il trattamento dei feriti di guerra, a partire dal 2003 ha ampliato i criteri di ammissione alla Medicina d’urgenza e alla Maternità.
Da un punto di vista strettamente chirurgico, meno frequente che in passato il trattamento di feriti di guerra (i casi più complessi vengono comunque riferiti a Kabul), ma di rilievo le comuni emergenze chirurgiche e interventi in elezione per problemi urologici (calcoli renali), malattie gastrointestinali (colecisti) ed ernie.
Nel corso del 2009, il programma oculistico in Afghanistan è stato ampliato grazie all’inserimento della chirurgia della cataratta. L’ampliamento si è reso necessario dalla mancanza di assistenza qualificata e gratuita nella regione e dalle condizioni climatiche e di vita che inducono un precoce aggravamento di alcuni difetti. Le patologie chirurgiche maggiormente diffuse sono: cataratte e altri difetti che colpiscono, prevalentemente, il segmento anteriore dell’occhio.

Ogni camera operatoria è provvista di set chirurgici monopaziente specifici per le diverse procedure in uso e lo strumentario disponibile varia in funzione del progetto.

CENTRO CHIRURGICO E PEDIATRICO – Goderich, Sierra Leone

Ogni giorno oltre 130 pazienti vengono visitati presso il Centro chirurgico e pediatrico di Goderich. Nel tempo i criteri di ammissione sono stati ampliati per rispondere alle necessità della popolazione. Nel 2012 sono entrate in attività una Terapia Intensiva da 8 posti letto, una foresteria – per ospitare gli accompagnatori dei pazienti che arrivano da lontano – e due nuove Sale Operatorie.

Nel 2013 EMERGENCY ha deciso di estendere alla Sierra Leone il programma di screening e correzione dei difetti visivi, soprattutto per i pazienti pediatrici dell’ambulatorio del Centro.

LINEE GUIDA, PROTOCOLLI E STRUMENTI

Approfondimenti su linee guida, protocolli e servizi clinici di rilievo per il ruolo e maggiori dettagli sugli strumenti e le dotazioni disponibili saranno fornite in sede di colloquio di selezione e nel percorso di preparazione alla missione.
I requisiti e le condizioni (tranne che per la retribuzione) sono gli stessi che per gli altri ruoli riservati al personale internazionale.

REQUISITI SPECIFICI

  • Laurea in Medicina e Chirurgia (o in alternativa Laurea in Ortottica);
  • specializzazione in Oftalmologia;
  • preferibile esperienza clinica in contesti ospedalieri, anche di tipo ambulatoriale;
  • disponibilità a muoversi tra diversi paesi (Afghanistan e/o Sierra Leone) durante la stessa missione.

DISPONIBILITÀ RICHIESTA

25 giorni/1 mese (minimo) di permanenza all’estero.

COME CANDIDARSI

Non stiamo attivamente ricercando né selezionando nuovi profili per questo ruolo: tutte le posizioni sono al momento coperte. Visita regolarmente il nostro sito per aggiornamenti.

Per informazioni o chiarimenti (non per candidarti) scrivi a recruiting@emergency.it.

Informativa ai sensi dell’art. 13, d.lgs 196/2003

I dati personali saranno trattati, con strumenti manuali e informatici, da EMERGENCY – Life Support for Civilian War Victims ONG ONLUS – via Santa Croce 19, 20122 Milano (MI), in qualità di titolare del trattamento dei dati personali, ai fini della selezione del personale e dell’eventuale gestione del rapporto di lavoro da instaurare e di informazione sulle attività istituzionali ad essa inerenti. Il conferimento dei dati è facoltativo. Il mancato conferimento o il successivo diniego al trattamento non consentirà l’instaurazione o la successiva gestione del rapporto di lavoro. I vostri dati potranno essere comunicati a terzi e ad altre strutture di EMERGENCY, anche all’estero e al di fuori del territorio dell’Unione Europea, ed ivi conservati, per l’effettuazione di operazioni connesse alla valutazione dei profili professionali e di selezione del personale e in esecuzione del contratto di lavoro da instaurare o instaurato. Potrete esercitare i diritti di cui all’art. 7, D. Lgs. 196/03, rivolgendovi al responsabile del trattamento Alessandro Bertani, via Santa Croce 19, 20122, Milano (MI) – privacy@emergency.it.