Pia e Damasco

Drammaturgia e regia: Patrizia Pasqui
Interpreti: Matteo Palazzo, Silvia Napoletano
Durata: atto unico - 70 minuti

Una riflessione sulle conseguenze che accompagnano la guerra di ogni epoca, disumano strumento che innesca solo spirali di violenza e degrado.

È il 1947 e la guerra in Italia è finita.

Nella pineta di Tombolo, tra Pisa e Livorno, una parte di popolazione si rifugia e cerca di trarre profitto dalle condizioni provocate dalla guerra. Lì, in baracche e capanne vive un’umanità di contrabbandieri, disertori, sciuscià, delinquenti comuni e segnorine – così erano chiamate le prostitute. Tombolo è un mondo a sé, regolato da leggi non scritte, dove regna una voglia di vivere brutale, disperata, imperiosa, che travolge ogni ostacolo.

Pia è una segnorina e dall’ospedale in cui verrà ricoverata per le malattie veneree racconta il mondo di Tombolo e il dramma delle donne che, spinte dalla miseria, si accompagnano ai soldati americani, spesso vivendo nell’illusione di una vera storia d’amore.

Damasco è un rastrellatore di mine. Anche se la guerra è finita, l’Italia è disseminata di ordigni e gli americani lasciano agli italiani il compito di sminarla. Per questo lavoro difficile e pericoloso vengono reclutati anche i civili, dopo un breve addestramento; e poiché grande è la disoccupazione e grande la miseria, molti, come Damasco, accettano di rischiare la vita.

Damasco incontrerà Pia all’ospedale e se ne innamorerà a prima vista. Tornerà a cercarla – e non gli sarà facile trovarla – deciso a esprimerle il suo amore.

Pia e Damasco racconteranno al pubblico le loro storie, vere e dolorose, ma a tratti anche molto comiche.

La pineta del Tombolo è una cicatrice sempre aperta. Oggi quella pineta tra Livorno e Pisa è divenuta Camp Darby, una delle basi logistiche americane più importanti d’Europa e che ha svolto un ruolo decisivo durante la guerra fredda e in tutte le guerre che seguiranno la caduta del muro di Berlino.

Una riflessione sulle conseguenze che accompagnano la guerra di ogni epoca, disumano strumento che innesca solo spirali di violenza e degrado.

Il testo “Etiopia detta Pia” ha ricevuto la segnalazione dell’Istituto Storico della Resistenza di Cuneo al concorso Per Voce Sola 2009.

Prossime rappresentazioni

Le date degli spettacoli teatrali di EMERGENCY sono sospese e rinviate a data da destinarsi. Rimaniamo comunque attivi sulla pagina Facebook “Il Teatro di EMERGENCY” e non vediamo l’ora di tornare in scena per rivedervi e raccontarvi il lavoro di EMERGENCY.

Come richiedere gli spettacoli di EMERGENCY

Come richiedere lo spettacolo

Scrivi a spettacoli@emergency.it o contattaci al numero 02 881881.

FOTOGALLERY

IL TEATRO DI EMERGENCY

Stupidorisiko

Viaggio Italiano

C'ERA UNA VOLTA LA GUERRA

Share This