Incontro all'Afghanistan

Un viaggio attraverso un Paese denso di storia, arte e cultura.

Giuseppe Villarusso, autore delle fotografie, racconta l’esperienza del suo viaggio in Afghanistan, attraverso un Paese “denso di storia, arte e cultura”, dilaniato da “ripetuti e non voluti periodi di guerra, mentre avrebbe potuto vivere la sua storia senza interferenze, senza imposizioni e condizionamenti”. Una terra in cui l’autore entra in punta di piedi, “ospite in un luogo che descrivono inospitale” per “guardare ma non toccare, parlare ma non gridare, proporsi ma non imporsi”.

In oltre 40 anni, in Afghanistan, la guerra ha causato un milione e mezzo di morti e quattro milioni di profughi. Altre vittime sono causate dai combattimenti incessanti e dalle mine antiuomo disseminate nel terreno. Denutrizione, scarso accesso ad acqua sicura, epidemie di tubercolosi e malaria non trovano risposte in un sistema sanitario allo stremo.

EMERGENCY è in Afghanistan dal 1999. Ha costruito un Centro chirurgico e un Centro di maternità ad Anabah, nella valle del Panshir, un Centro chirurgico a Kabul, un ospedale a Lashkar-gah e una rete di Posti di primo soccorso e Centri sanitari. Dal 2000 EMERGENCY è impegnata in un programma di assistenza sanitaria ai detenuti delle maggiori carceri del Paese.

Come richiedere la mostra

Per avere ulteriori informazioni e per richiedere la mostra, scrivere a mostre@emergency.it specificando il titolo Incontro all’Afghanistan.

Incontro all'Afghanistan

La mostra "Incontro all'Afghanistan" si compone di 22 pannelli foto in acciaio (30x45cm) .

Le mostre di EMERGENCY

CdP -TeM -Mostre -Palermo

Qui EMERGENCY Palermo

CdP -TeM -Mostre -LAfgLGu

L'Afghanistan, la guerra

CdP -TeM -Mostre -InAfg

In Afghanistan

CdP -TeM -Mostre -Sudan

EMERGENCY in Sudan

CdP -TeM -Mostre -NAfrica

La nostra Africa

Rimani sempre aggiornato

Sulla nostra newsletter settimanale troverai le storie dai nostri progetti umanitari e la segnalazione delle iniziative organizzate da EMERGENCY e dai volontari in Italia

Share This