Emergenza sanitaria Covid-19

In Italia e nel mondo, siamo al lavoro per combattere la pandemia

Covid-19: ecco cosa stiamo facendo

Abbiamo messo a disposizione delle autorità sanitarie le competenze di gestione dei malati in caso di epidemie, maturate in Sierra Leone nel 2014 e 2015 durante l’epidemia di Ebola.

Abbiamo attivato diversi progetti: a Milano, a Bergamo e a Brescia, e stiamo tenendo i contatti anche con le autorità di alcune altre regioni per capire le necessità di altri interventi.

A Bergamo

A Bergamo, la provincia più colpita dall’epidemia, un nostro team medico e logistico sta lavorando con AREU (Azienda Regionale Emergenza Urgenza) e la Sanità degli alpini per l’allestimento di un nuovo ospedale da campo, completamente dedicato alla cura dei pazienti affetti da Covid–19.

Il nostro team, composto da circa 20 persone tra medici, infermieri, fisioterapisti e logisti, gestirà Terapia intensiva e sub-intensiva.

A Brescia

Stiamo lavorando con la Direzione sanitaria dell’ospedale di Brescia per proteggere il personale sanitario e l’ospedale dal contagio.

A Milano

“Milano Aiuta” – progetto “Domiciliarità”

A Milano, in risposta all’appello fatto dal Comune nell’ambito della piattaforma Milano Aiuta, abbiamo attivato un servizio per le richieste di trasporto di beni (alimentari, farmaci o altri beni di prima necessità) per gli over 65, coloro a cui è stata ordinata la quarantena e le persone fragili a rischio movimento.

Il servizio è attivo dalle ore 9.00 alle 13.00 dal lunedì al sabato chiamando il numero di telefono 020202 ed è completamente gratuito.

Per i senzatetto, i minori e i migranti

Monitoraggio nei centri della città dedicati ai senza fissa dimora, nelle strutture per minori stranieri non accompagnati (MSNA), in quelle del sistema Siproimi (ex SPRAR), nei Centri di accoglienza straordinaria (CAS) e in alcuni campi rom segnalati dal Comune di Milano.

Il progetto è svolto in collaborazione con il Comune di Milano.

Nei nostri progetti in Italia

Continuiamo a lavorare nei nostri ambulatori in Italia, con un protocollo di triage che permette di individuare pazienti con sintomi compatibili con il virus, di informarli e indirizzarli ai servizi competenti in un’ottica di tutela della salute pubblica.

Nei nostri progetti in tutto il mondo

In tutti i nostri progetti nel mondo abbiamo attivato protocolli specifici per prepararci all’arrivo del virus, anche nei Paesi finora non colpiti dalla pandemia. Attraverso la formazione specifica dello staff, l’allestimento di aree di triage e la compartimentazione degli spazi e dei flussi potremo intercettare i casi sospetti all’ingresso, per riferirli alle strutture competenti, e minimizzare il rischio di contagi all’interno degli ospedali.

Informazione e prevenzione nelle comunità

I nostri mediatori in Italia hanno registrato dei brevi video in diverse lingue, in modo che anche a distanza tutti possano essere aggiornati su come ci si deve comportare per prevenire il contagio. Anche un tutorial che circola via WhatsApp o via social network può incoraggiare comportamenti virtuosi e responsabili!

Documenti e protocolli

Mettiamo a disposizione delle strutture ospedaliere che ne avessero bisogno i nostri protocolli sull’approccio alla gestione di strutture sanitarie durante l’epidemia di Covid-19.

Cosa possiamo fare tutti

Ciascuno di noi, in questo momento, può contribuire al rallentamento della diffusione del virus rispettando scrupolosamente le indicazioni delle autorità sanitarie: lavarsi spesso e attentamente le mani, mantenere la distanza adeguata dalle altre persone, evitare di uscire e di avere contatti con altri se non necessario.

Trovate tutte le indicazioni e le informazioni necessarie sul sito del ministero della Salute: www.salute.gov.it/nuovocoronavirus

Il contributo e la partecipazione di tutti sono fondamentali per la tutela della collettività.

Sostieni il nostro lavoro

Sappiamo che – nei momenti di crisi soprattutto – è importante non lasciare indietro nessuno. Vogliamo fare tutto il possibile per dare una mano a superare questo momento e, per farlo, abbiamo bisogno anche del tuo aiuto.

Share This