Media > Comunicati stampa >

COVID-19 | VACCINAZIONE. MILANO E BRESCIA: EMERGENCY PER LE VACCINAZIONI ANCHE DEI MIGRANTI IRREGOLARI

15 Luglio 2021

L’APERTURA DELLA PIATTAFORMA PER LE PRENOTAZIONI IN LOMBARDIA
PERMETTE ANCHE AI MIGRANTI IRREGOLARI
DI RICEVERE LA LORO DOSE DI VACCINO  

 250 LE PRENOTAZIONI GIA’ EFFETTUATE
PRESSO IL POLITRUCK DI EMERGENCY A MILANO  

Dopo numerose richieste delle associazioni e organizzazioni del territorio e un’interrogazione in Consiglio regionale, il 25 giugno la Lombardia ha aperto la piattaforma online per le prenotazioni del vaccino anti Covid-19 anche ai migranti irregolari. Coloro che sono provvisti di un codice univoco (in seguito alla domanda di emersione di rapporti di lavoro irregolari) e gli stranieri temporaneamente presenti (in possesso del codice STP che permette di accedere a cure mediche urgenti, essenziali e/o continuative) ora possono registrare l’adesione attraverso la compilazione del form online sulla piattaforma regionale.

EMERGENCY fornisce supporto per la prenotazione della vaccinazione attraverso la compilazione del form online e orientamento per raggiungere gli hub vaccinali a Milano, presso il suo ambulatorio mobile e lo sportello di orientamento socio-sanitario nel Centro Sammartini, e a Brescia presso il suo sportello di orientamento socio-sanitario.  

A Milano, il personale sanitario dell’ambulatorio di EMERGENCY provvede anche ad un inquadramento della situazione clinica degli utenti e al supporto per la compilazione della scheda anamnestica. Sono almeno 300 i pazienti che hanno infatti espresso difficoltà nel prenotare il proprio appuntamento per ricevere la dose di vaccino. Nel 40% dei casi lo staff di EMERGENCY è riuscito a effettuare la prenotazione (procedendo prima con l’iscrizione al SSN, richiedendo il duplicato della tessera sanitaria, se non pervenuta, o l’abilitazione sul portale). Il 24 giugno scorso, invece, 54 di loro sono stati vaccinati dal personale sanitario di AREU presso il Centro Sant’Antonio in quanto ancora impossibilitati a registrarsi online.

“Oltre alle classiche richieste di assistenza sanitaria, sono tanti in città e nei dintorni i pazienti che chiedono di essere vaccinati”, dichiara Loredana Carpentieri, coordinatrice dell’ambulatorio mobile EMERGENCY a Milano. – Aspettano in coda per il loro colloquio pazientemente, con grande educazione: desiderano questo vaccino e ne hanno bisogno”.  

Attualmente, le richieste registrate sulla piattaforma, tra pre-adesioni e prenotazioni effettive, sono state circa 250. Tuttavia, non possono ancora regolarmente registrarsi né i cittadini extracomunitari irregolari che sono in possesso del solo passaporto e non possiedono il codice STP né i cittadini comunitari privi di requisiti per l’iscrizione al SSN e del codice fiscale.

“Nonostante per ora non arrivi la notifica di conferma tramite SMS, poter finalmente fissare un appuntamento a coloro a cui è stato accordato lo sblocco, è un risultato importante. Auspichiamo che questa possibilità si apra in futuro a tutte le categorie”, conclude Loredana Carpentieri.

EMERGENCY sottolinea l’importanza della collaborazione con il Gruppo Immigrazione e Salute Lombardia e AREU a Milano, e con l’ATS, l’ASST degli Spedali Civili, l’Ambulatorio migranti e il Comune a Brescia. 

Proprio ad AREU, EMERGENCY ha chiesto la possibilità di replicare la giornata di vaccinazioni dello scorso 24 giugno per offrire l’opportunità a chi non riesce di accedere in altro modo di essere vaccinato.

EMERGENCY è presente a Milano dal 2016 con un ambulatorio mobile, il Politruck, che presta servizio gratuitamente dal lunedì al venerdì, dalle 10.30 alle 18.30, in diverse aree della città fornendo prestazioni di medicina generale, infermieristiche e orientamento socio-sanitario. Inoltre, collabora con il Centro Sammartini, ex CASC, offrendo orientamento socio-sanitario.
A Brescia EMERGENCY è presente con due sportelli di orientamento socio-sanitario gratuito, dove offre un servizio di mediazione culturale, educazione sanitaria e orientamento socio-sanitario per garantire l’inserimento dei cittadini stranieri nel corretto percorso di cure.  

Share This