Media > Comunicati stampa >

Afghanistan: combattimenti a Ghazni, EMERGENCY chiede il rispetto della popolazione civile e l’apertura di vie sicure

12 agosto 2018

Da venerdì mattina è in corso una battaglia per il controllo di Ghazni, città di 280 mila persone a 3 ore di macchina da Kabul.

Da ieri manca la corrente elettrica e le comunicazioni telefoniche sono interrotte. Anche l’acqua ha incominciato a scarseggiare.

I combattimenti stanno bloccando le principali vie di comunicazione e impediscono la fuga dei civili, che rimangono chiusi in città.

Solo gli abitanti delle aree più esterne sono riusciti ad abbandonare Ghazni, muovendosi a piedi verso la città di Wardak.

L’ospedale di EMERGENCY a Kabul ha ricevuto ieri 20 feriti, ma temiamo che la maggior parte sia rimasta bloccata a Ghazni senza poter ricevere nessun aiuto”, dice Dejan Panic, Coordinatore del Programma Afghanistan.

“EMERGENCY ha un Posto di primo soccorso in città che negli ultimi anni ha ricevuto un numero sempre crescente di feriti, ma a oggi non siamo ancora riusciti a parlare con i nostri colleghi”.

EMERGENCY chiede il rispetto della popolazione civile e l’apertura di vie sicure per permettere ai feriti di lasciare la città e ricevere l’assistenza di cui hanno bisogno.

Share This