Blog > Dai progetti >

“Se continuano così sarà un massacro”

Temi:

“Se continuano così sarà un massacro”. Mentre Salah racconta cos’è successo, suo fratello sta ricevendo le cure nei nostri medici in pronto soccorso.

Sono più di 10 i pazienti arrivati oggi all’Emergency Hospital di Erbil e a Mosul lo scontro tra l’esercito iracheno e Daesh non lascia possibilità di fuga ai civili, intrappolati nelle loro case. L’esercito bombarda con missili a medio raggio, i miliziani utilizzano principalmente cecchini e autobombe.

È stato proprio un’autobomba a esplodere vicino alla casa di Salah, ferendo gravemente suo fratello e uccidendo tre vicini. I primi soccorsi sono arrivato solo dopo un’ora e il viaggio fino al nostro ospedale è durato tre ore, attraverso quattro checkpoint.

“Prego perché tutto questo finisca il più presto o a Mosul non rimarrà anima viva”.