Blog > Dai progetti >

Open Arms: non ci sono parole per commentare ciò di cui siamo stati diretti testimoni

Temi:

“Mentre ci stavamo avvicinando al luogo indicato, abbiamo notato che prima di noi era già sopraggiunta sul posto la guardia costiera libica. Aveva caricato a bordo tutti gli uomini, donne e bambini per riportarli indietro, in Libia. Il nostro capitano ha cercato di mettersi in contatto con l’equipaggio, senza ricevere alcuna risposta“.

Bader, il nostro mediatore su Open Arms, ci racconta quello che è successo questa mattina nel Mediterraneo Centrale, in acque internazionali. Dopo aver ricevuto la segnalazione di due barche in difficoltà, ci siamo diretti verso il punto indicato.

Non ci sono parole per commentare ciò di cui siamo stati diretti testimoni: persone in cerca di una vita migliore costrette a pagare il prezzo di un accordo disumano che l’Europa continua, da anni, a sovvenzionare.