Blog > Dai progetti >

A Shirin, e al coraggio e alla forza di ogni madre

Shirin, incinta al nono mese, è stata ferita da un’esplosione nella città di Ghazni.

Una serie di schegge aveva perforato il suo addome e raggiunto anche il piede destro del bambino che portava in grembo: appena è arrivata al nostro ospedale di Kabul, abbiamo dovuto effettuare un cesareo d’urgenza.

E quando è nato Abdul – così Shirin ha chiamato suo figlio – lo abbiamo operato immediatamente per rimuovere una scheggia dal suo piede.

Oggi, per fortuna, sono entrambi fuori pericolo. Nel giardino del nostro ospedale, Shirin tiene Abdul stretto a sé in una coperta a fiori.

Ogni volta che guardiamo la fasciatura al piede del bimbo, ci chiediamo se sia stato il bambino più sfortunato della terra… o quello più fortunato.

Solo pochi centimetri di differenza e quella scheggia avrebbe potuto colpire un organo vitale o la testa. Così piccolo, è stato attaccato nel posto più sicuro del mondo: la pancia della sua mamma.

Anche Abdul è una vittima della guerra. Ancor prima di nascere.