Blog > Dai progetti >

A presto Naz, ma intanto… Buon Natale!

Temi:

“È come se fosse mia figlia!”

A dirlo è Shadman, coordinatore degli ortotecnici nel nostro Centro di riabilitazione e reintegrazione sociale a Sulaimaniya, in Iraq, mentre ingrandisce sullo schermo del cellulare una foto della piccola Naz scattata quando è arrivata al Centro per ricevere la sua prima protesi, 7 anni fa.

Una foto di Naz nel giorno del suo arrivo al Centro di riabilitazione e reintegrazione sociale di EMERGENCY a Sulaimaniya, Iraq

Naz, che oggi ha 11 anni, ha perso parte della sua gamba sinistra a causa di un’infezione al sistema nervoso periferico che l’ha colpita quando aveva appena due mesi. Il padre, che l’ha accompagnata, ci spiega che sono tornati qui dalla città di Kirkuk per un ascesso che la bambina aveva nella parte finale dell’arto amputato: lo staff di EMERGENCY ha proceduto ad aggiungere all’interno della protesi uno strato di materiale più morbido per rendere l’invaso più confortevole ed evitare così il dolore da contatto.

“Conosciamo molto bene Naz, è stata qui già nove volte”, continua Shadman. “Come le protesi degli altri bambini, anche quella di Naz ha bisogno di un monitoraggio periodico e attento, che facciamo seguendo tutto il processo di crescita dei pazienti amputati e disabili più piccoli della nostra struttura come lei. A febbraio del prossimo anno tornerà di nuovo perché le creeremo una protesi completamente nuova, che deve essere cambiata dopo un’altra operazione a cui Naz si è sottoposta da poco.”

Prima di salutarci, scattiamo con lei questa foto… Non è bellissima?

Naz, 11 anni, nel Centro di riabilitazione e reintegrazione sociale di EMERGENCY a Sulaimaniya, Iraq

A presto Naz, ma intanto… Buon Natale! 👋 🎄