1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
 
Dona ora
 
Emergency
Placeholder
 
 

Contenuto della pagina

EBOLA IN SIERRA LEONE: A FREETOWN GLI OSPEDALI PUBBLICI SONO IN GINOCCHIO, PIENAMENTE FUNZIONANTI SOLO LE STRUTTURE SANITARIE DI EMERGENCY

 

Secondo l'ultimo rapporto del ministero della Sanità della Sierra Leone, sono 783 i casi accertati di Ebola nel Paese, 20 nella sola Freetown.
Ciononostante, nell'area della capitale, il Centro chirurgico e il Centro pediatrico di Emergency sono rimaste le uniche strutture sanitarie pienamente funzionanti.
L'ospedale pediatrico locale, Ola During Children Hospital, è chiuso; il Connaught Hospital lavora in modo discontinuo a causa dell'assenza del personale medico e infermieristico, spaventato dal diffondersi del contagio e dalla paura di contrarre il virus. L'ultimo report ufficiale dell'Organizzazione mondiale della sanità dichiara che nel Paese 52 operatori sanitari sono stati infettati dal virus Ebola, 28 di loro sono morti.
Gli ospedali privati sono chiusi dalla scorsa settimana: non sono pronti ad affrontare l'emergenza e non hanno nessun obbligo di rimanere aperti.

A causa dell'emergenza Ebola, il già debolissimo sistema sanitario della Sierra Leone sta collassando. A subirne le conseguenze è la popolazione che non riesce ricevere le cure di cui ha bisogno: malaria, tifo, infezioni, urgenze chirurgiche continuano a essere un problema quotidiano per la popolazione che però non trova più nessun genere di assistenza nelle strutture sanitarie pubbliche.
In questa situazione di grave emergenza, Emergency continua a garantire cure chirurgiche e pediatriche, essendo l'unico punto di riferimento funzionante rimasto in città.

"Ieri pomeriggio abbiamo ricevuto un bambino di 2 anni incosciente per malaria cerebrale. L'abbiamo sottoposto alla terapia antimalarica. Verso sera, quando finalmente era emodinamicamente stabile, abbiamo deciso di trasferirlo all'Ola During Children Hospital perché il nostro ospedale era strapieno.
Al nostro arrivo, abbiamo trovato il cancello chiuso: ci è stato detto che non c'era nessuno"
, racconta Luca Rolla, coordinatore del Programma in Sierra Leone.
Per garantire cure al maggior numero di bambini, anche la foresteria normalmente dedicata ai parenti dei pazienti ricoverati è stata temporaneamente trasformata in corsia per aumentare il numero di posti letto disponibili.

Il Military Hospital di Freetown ha chiesto a Emergency di formare i militari sull'uso dei dispositivi di protezione individuale per trattare i pazienti potenzialmente infetti dal virus.
Con la dichiarazione dello stato di emergenza dello scorso 30 luglio, infatti, la Sierra Leone aveva deciso la mobilitazione dei militari per garantire il rispetto delle procedure di sicurezza per la prevenzione della diffusione di Ebola.

Dall'inizio dell'epidemia, Emergency ha isolato 6 pazienti: fortunatamente nessuno è risultato affetto da virus. Per far fronte al pericolo di contagio, il personale mantiene la massima attenzione nell'uso dei dispositivi di protezione: in un Centro chirurgico il rischio di contatto con liquidi biologici è altissimo. Abbiamo limitato le visite dei parenti e abbiamo allestito due tende di isolamento dove ricoverare i casi sospetti.

Emergency è in Sierra Leone dal 2001. Da allora, il Centro chirurgico e il Centro pediatrico di Goderich, nei sobborghi della capitale, hanno offerto cure totalmente gratuite a circa mezzo milione di persone.

 

(20 agosto 2014)