1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
 
Dona ora
 
Emergency
Placeholder
 
 

Contenuto della pagina

AFGHANISTAN: 25 PAZIENTI ARRIVATI DA KUNDUZ ALL'OSPEDALE DI EMERGENCY A KABUL

 

All'ospedale di Emergency a Kabul ieri sono arrivati 25 pazienti provenienti dalla città di Kunduz e dall'ospedale di Médecins sans Frontières, bombardato dalla Nato sabato notte. Diciannove sono stati ricoverati, altri 6 sono stati medicati e dimessi.
L'ospedale di Emergency a Kabul era già strapieno: negli ultimi 3 giorni erano arrivati 60 feriti, 320 nell'ultimo mese, 1.719 negli ultimi 5 mesi.
Il nostro staff sta ricavando in ospedale altro spazio, in previsione dell'arrivo di altri feriti.

 

In questi anni, il numero dei feriti ricoverati è cresciuto in modo impressionante: dal 2010 a oggi i ricoveri nei nostri ospedali di chirurgia di guerra sono più del doppio. Il peggioramento della sicurezza è stato registrato anche dalle Nazioni Unite. Secondo l'ultimo rapporto di Unama (United Nation Assistance Mission in Afghanistan), nei primi 6 mesi del 2015 ci sono state almeno 4.921 vittime tra morti e feriti, il numero più alto di sempre considerando lo stesso periodo in anni precedenti.

"Lo staff sta lavorando tantissimo, e per ora non vede la fine o almeno un possibile miglioramento di questa situazione. Speriamo che un inverno nevoso possa mettere un freno ai combattimenti"
, commenta Luca Radaelli, coordinatore del Programma di Emergency in Afghanistan.

"Intanto, come ulteriore misura di sicurezza, abbiamo fatto scrivere ben visibile "Emergency hospital" sul tetto del nuovo blocco operatorio. Quello che è successo ieri fa sentire tutti gli operatori umanitari in questo Paese più vulnerabili"
.

 

4 ottobre 2015