1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
 
Dona ora
 
Emergency
Placeholder
 
 

Contenuto della pagina

Ecco, questa è Kabul...

 

"Ciao, come stai? Di solito scrivo poco, ma ieri sera, dopo l'ennesima esplosione in città, due cose mi hanno colpito.

 

Mentre stavamo ricevendo i primi pazienti, un infermiere era al telefono con suo padre per sapere dove si trovava e se stava bene: non deve essere facile sentire il boato e immaginare che tuo padre, tua sorella, un amico potrebbero essere lì e tu potresti non vederli più.

 

Poi mi sono affacciata in sala operatoria. Azim, il nostro chirurgo, ha alzato la testa, mi ha guardata e mi ha detto: 'Ogni giorno così: non ne posso più'. Ecco, questa è Kabul...

Un abbraccio, Giorgia."

 

Un abbraccio a te, Giorgia, e a tutto lo staff dell'Ospedale di Kabul

#laguerraè

(10 agosto 2017)